Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • L'Africa italiana: il ghetto di Rignano

    L'Africa italiana: il ghetto di Rignano

    Se pensate che dopo le proteste dello scorso anno nelle campagne leccesi il caporalato sia finito, vi sbagliate. Qui le figure che fanno da intermediari sono due, il “capo-nero”, una sorta di caposquadra, e il “capo-bianco” il vero e proprio caporale.
    21 agosto 2012 - Teresa Manuzzi
  • "La Memoria che resta (Museo Sabbetta)"

    Inaugurato il Museo di Paolo Sabbetta

    Il 12 ottobre 2010 è stato inaugurato presso l'I.T.C. "P. Giannone" di Foggia il Museo intitolato a Paolo Sabbetta che è aperto al pubblico previo appuntamento on-line con la referente Mirella Belsanti info: bmire@libero.it
    21 ottobre 2010 - Mirella Belsanti
  • Il giornalista Gianni Lannes è in pericolo
    Solidarietà di PeaceLink

    Il giornalista Gianni Lannes è in pericolo

    Accade in provincia di Foggia. Bruciata l'auto al giornalista RAI, promotore di molteplici inchieste su traffici illeciti, ambiente, armi e Echelon. Ha recentemente ricevuto minacce di morte. Lannes sta per lanciare un giornale e ha creato un web di denuncia sociale da pochi giorni
    2 luglio 2009 - Associazione PeaceLink
  • La lezione di quel fiume in piena

    11 settembre 2005 - Alfio Nicotra

Foggia: No all'aereo - la parola alla città

3 febbraio 2006 - Coordinamento per la pace e la nonviolenza

COMUNICATO STAMPA

Foggia, 03/02/2006

NO ALL'AEREO: LA PAROLA ALLA CITTA '

Il Coordinamento per la pace e la nonviolenza non molla sulla questione dell'aereo militare e ribadisce il proprio no all'installazione dello strumento bellico nella rotonda antistante la nuova sede della Provincia, in Via Paolo Telesforo.
Il Coordinamento, che dà voce ad associazioni, gruppi nonviolenti, circoli culturali impegnati da anni per lo sviluppo di una coscienza civile nella nostra città, aveva già tentato, nell'ottobre scorso e prima dell'inizio dei lavori, la via del dialogo con il Comune. Vi era stata la richiesta di un incontro con il Sindaco per invitarlo a rivedere la scelta, giudicata inopportuna e deprecabile, di dare attuazione alla delibera di Giunta dell'Amministrazione Agostinacchio.
Alla base della protesta la valenza simbolica di un monumento alla guerra che inneggia alla cultura del più forte e offende la memoria di una città martoriata dagli orrori dei bombardamenti.
Una decisione, quella dell'installazione dell'aereo, che peraltro muove in senso contrario ai provvedimenti adottati in precedenza dalla giunta comunale: l'iscrizione di Foggia alla Tavola della pace della Perugia-Assisi, il sostegno alla marcia Emmaus-Amendola, l'impegno alla riconversione in Cittadella della pace dell'ex distretto militare, l'appoggio all'Ambasciata di pace istituita presso la Provincia.
Dinanzi all'indifferenza del Comune e alle dichiarazioni del Sindaco, apparse di recente sugli organi di stampa locali, che insiste e conferma la volontà di procedere nei lavori, il Coordinamento rivendica il diritto di decidere dei singoli cittadini e promuove una petizione popolare per chiedere ufficialmente l'annullamento della delibera in questione.

Le firme saranno raccolte in appositi banchetti allestiti presso:

Parrocchia San Michele domenica 19 febbraio ore 9,30 – 13,00

Parrocchia San Giuseppe Artigiano “ 26 febbraio ore 9,30 – 13,00

Sarà anche possibile esprimere la propria adesione in modalità elettronica sul sito www.benfoggianius.org

Le sottoscrizioni raccolte saranno consegnate al Sindaco in occasione della Giornata mondiale contro la guerra.

L'iniziativa si inserisce in una serie di manifestazioni che intendono incoraggiare il dibattito sulle atrocità della guerra e rievocare la pagina triste della nostra città costituita dalla morte di 22.000 civili nel 1943, sotto le bombe “amiche” degli alleati.

Di seguito il testo della petizione.

PETIZIONE POPOLARE

Al Sindaco di Foggia
Ai Consiglieri Comunali

I SOTTOSCRITTI CITTADINI
Anche ai sensi dell'articolo 50 della Costituzione in materia di petizioni,

  • PREMESSO che con delibera di Giunta dell'Amministrazione Agostinacchio si è stabilita la creazione di un monumento nella rotonda di via P. Telesforo, di fronte alla nuova sede della Provincia, il cui corpo centrale sarà un vecchio G91, aereo militare da guerra;
  • PREMESSO che collocare nel centro abitato un caccia militare, strumento bellico, è un gesto che offende la memoria di una città che nella seconda guerra mondiale ha subito 22.000 vittime;
  • PREMESSO che Foggia è la città prima in Italia per l'obiezione alle spese militari;
  • CONSIDERATO che la Pace e la Nonviolenza devono far parte del bagaglio civile e culturale di chi vuole un mondo migliore, espressione di donne e uomini di questa città,

CHIEDONO AL SINDACO E AL CONSIGLIO COMUNALE

L'ANNULLAMENTO DELLA SUDDETTA DELIBERA per evitare il grave affronto alla città di Foggia, medaglia d'oro al valor civile, città pacifista e già ambasciatrice di pace!

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)