Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

Itinera Byzantino Turcica, il viaggio è finito!

Partita a fine luglio da Istanbul, la carovana del "viaggio della sorellanza" ha terminato il suo viaggio. A Ravenna l'incontro con i Sindaci della Bassa Romagna e la presentazione della pergamena con le firme apposte dai Sindaci delle città attraversate.
13 agosto 2006 - Roberto Del Bianco

E' una memoria labile quella degli umani.
Passano gli anni, il tempo scorre avanti, eventi del passato s'intrecciano via via più sfocati con le vicende del nostro incedere quotidiano.
Agli orrori succedono gli orrori, e le immagini di morte di dieci e più anni fa sono relegate presto ai libri di storia.

Un particolare della pergamena con le firme di alcuni sindaci di città dei Balcani

Impressioni ed emozioni si sono riaccese improvvise, oggi 13 agosto in riviera romagnola. La "carovana della sorellanza", l'"Itinera Byzantino Turcica" dei ciclisti guidati dal bravo Marco Grilli, partita da Istanbul in una staffetta sportiva-diplomatica-umanitaria, portava con sé due pergamene.
Una di esse scritta in inglese, l'altra in italiano. Un testo chiaro di impegno per la pace, stringendo un patto di amicizia e di solidarietà, e richiedendo al mondo l'abolizione delle armi nucleari, chimiche e batteriologiche.
Spazi per le firme, i Sindaci delle città attraversate dalla carovana. Nomi di luoghi che accendono i ricordi, lì in quei Balcani le cui guerre del recente passato non sono più cronaca nel nostro pensiero, ma i cui segni tuttavia son rimasti.
Nis, Tuzla, Belgrado, Sarayevo... La mia mente riallaccia emozioni e spolvera tristezze, i contatti di allora con chi sotto le bombe provava a sopravvivere, lo sgomento per la crudele efficienza della macchina da guerra che macinava tragedie e distruggeva villaggi e città.

Ravenna, foto di gruppo con i sindaci del comprensorio Bassa Romagna

A Cervia nel pomeriggio. A Ravenna, tappa finale, la sera. Giovani usi al pedalare e dai visi emozionati e felici per la conclusione della faticosa impresa.
In palazzo comunale, l'incontro nella sala grande. I discorsi di rito e le foto ricordo. I Sindaci del consorzio Bassa Romagna ad apporre anch'essi le ultime firme con i timbri dei Comuni a suggello della validità - le pergamene oramai complete, quasi margherite i cui petali son via via apposti nell'intorno del messaggio di impegno nel nome dei propri cittadini.

Il lungo viaggio di Marco e della sua "carovana", nel suo muoversi dalla Turchia all'Italia ha portato un filo. Un legame che ha voluto passare attraverso Paesi molto diversi tra loro, e molto diversi da noi. Dappertutto simpatia tra la gente, spesso burocrazia alle frontiere.
Un'iniziativa simbolica? Un fatto inutile? Qualcuno a dire il vero, tra gli amici e i conoscenti, mi aveva posto obiezioni. Facile sperare la pace con una firma di impegno. E poi avrà un valore? come farebbe a slavare, a diluire l'accesa verità delle immagini di morte che anche oggi dal mondo ci arrivano?
Certo sembra una favola da raccontarsi ai bambini. Ma se ritornassimo per una volta bambini? Se capissimo che le tendenze alla pace o all'odio si alimentano da principio proprio "dal basso", dalla gente comune, dalla cultura, le abitudini, i legami forti o tenui con le altre comunità? E se si provasse appunto a partire da ciò, come del resto la stessa Campagna dei "Mayors for Peace", nata dalle macerie di Hiroshima e Nagasaki, sta provando a fare? La diffusione di una cultura di pace partendo dai Sindaci, dall'anello di congiunzione, cioé, tra le istituzioni su cui si regge una società, e i cittadini... e se manca il substrato di accettazione delle guerre, le potenze che le invogliano e ne reggono le fila, avranno meno possibilità di realizzarle, chissà.

Note:

Vedi anche:
Viaggio della sorellanza - "Itinera Byzantino Turcica" - Ravenna e Bisanzio le antiche città sorelle
"Itinera Byzantino Turcica": alla tappa finale la carovana del gemellaggio tra le due "città sorelle"
Alcune immagini della tappa finale

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)