Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Corso per mediatori internazionali di pace "Bertinoro 2006"

Un'esperienza in continua crescita
26 settembre 2006
Giorgio Gatta

Bertinoro, 26 settembre 2006 - Stanno affluendo da tutt'Italia le iscrizioni al 4° Corso per Mediatori Internazionali di Pace, che si svolgerà dal 23 al 26 novembre 2006 nella splendida cornice delle strutture universitarie del Comune di Bertinoro che, nel 2004, è stato il primo finanziatore a sostenere il ripetersi dell’iniziativa, insieme alla Provincia di Forlì-Cesena, alla Regione Emilia-Romagna e al Copresc di Forlì-Cesena.

Dallo studente universitario al volontario dell'associazione che aspira ad approfondire le dinamiche della gestione dei conflitti; dal neo laureato alla persona che ha accumulato esperienza nella cooperazione internazionale; o più semplicemente: uomini e donne di qualsiasi età, motivati a partecipare a un'esperienza formativa che sentono come incisiva per potere orientare la propria vita in una forma di realizzazione personale e/o professionale non solo utopistica - a quanto poi la realtà politica internazionale attuale negli ultimi anni ci sta evidenziando.

Il corso intende dimostrare che l’alternativa alle “missioni di pace” basate sull’intervento militare e sul possibile uso della violenza è un’alternativa percorribile.
L'obiettivo principale è infatti dare i primi rudimenti e strumenti sui Corpi Civili di Pace, che sono un servizio il cui scopo è quello di mettere in grado uomini e donne di ogni età di intervenire in caso di crisi o di conflitti violenti con azioni pianificate nonviolente, come ad esempio: la prevenzione, il monitoraggio, la mediazione, l’interposizione, la riconciliazione.

Quest'anno oltre alla conferenza di inizio corso che riguarderà tre aree di crisi conflittuale: asiatica, balcanica, africana, vi è un'altra importante novità: venerdì sera presso il Museo Interreligioso di Bertinoro verranno presentate delle esperienze concrete: in Palestina, in Irlanda del Nord e in Libano di intervento non armato in zone di conflitto.
La presenza al Museo Interreligioso di Bertinoro non sarà affatto casuale: i conflitti tra le religioni stanno sempre più assumendo dal punto di vista mediatico il centro dell'attenzione nell'opinione pubblica e spesso le religioni vengono usate e strumentalizzate per giustificare le nuove guerre.
Nella pausa tra i due interventi visiteremo il museo stesso che racchiude importanti elementi di consapevolezza sulle tre religioni monoteiste (Ebraismo, Cristianesimo, Islam).

Da venerdì 17 a domenica 26 novembre sarà presente una mostra presso la Residenza Municipale di Bertinoro dell'Operazione Colomba dell'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII sul conflitto israelo-palestinese.

Infine si sta avviando con il Polo Scientifico Didattico di Forlì dell'Università di Bologna, il percors o per introdurre a Forlì un Corso di Alta Formazione dell'Università su l tema della mediazione internazionale di pace, della durata di alcuni mesi, nel 2007.

Il Corso per Mediatori Internazionali di Pace è organizzata dall'Associazione Locale Obiezione e Nonviolenza di Forlì-Cesena, dall'ISCOS-Cisl di Forlì-Cesena e da Pax Christi Italia; è sostenuta e promossa da lla Provincia di Forlì-Cesena Assessorato al Welfare Pace e Diritti Umani, dal Comune di Bertinoro, dalla Regione Emilia-Romagna Assessorato alla Promozione delle politiche sociali, dal Polo Scientifico Didattico di Forlì dell’Università di Bologna e dal COPRESC Coordinamento Provinciale degli Enti di Servizio Civile di Forlì-Cesena.

Per maggiori informazioni, richiesta di materiale informativo, contatti e iscrizioni, potete comunicare con la segreteria del corso i cui i riferimenti sono in calce all'email, oppure andare sul sito internet di Alon http://www.alon.it

----------------------------------------------------------------
Pax Christi Faenza
Giorgio Gatta
via Bendandi, 25
48018 Faenza RA
Tel. e Fax 0546.634280
cell. 329.9612857 - 393.2237343
e-mail: ggatta@wooow.it
Skype: ggatta (Faenza)
http://www.alon.it
----------------------------------------------------------------

Articoli correlati

  • Scuola. Il viaggio senza fine
    Pace
    Esperienze di educazione alla pace

    Scuola. Il viaggio senza fine

    A scuola è necessario imparare a riconoscere e gestire anche la parte emotiva dell’apprendimento: stati d'animo, insicurezza, esigenza di supporto da parte dell'adulto, sofferenza psichica, disagio emotivo.
    9 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Riflessioni di un obiettore di coscienza e di una attivista
    Pace
    Ricorda Calamandrei: basta guerre, distruzioni, viviamo in altri modi e mondi possibili

    Riflessioni di un obiettore di coscienza e di una attivista

    Dalla Seconda Guerra Mondiale, al processo di Norimberga, dai movimenti per la nonviolenza e il disarmo, fino a arrivare alle Università per la Pace
    12 dicembre 2020 - Laura Tussi
  • L’Agenda delle idee
    Cittadinanza
    A scuola con Agenda Onu 2030

    L’Agenda delle idee

    Progetti di sviluppo dell’educazione all’attivismo partecipativo in base agli obiettivi di Agenda Onu 2030
    5 dicembre 2020 - Laura Tussi
  • Esperienze di attivismo: dialoghi con Laura Tussi
    Pace
    Attivismo di pace e nonviolenza

    Esperienze di attivismo: dialoghi con Laura Tussi

    Lavorare in rete, tessere complicità e punti di forza con tutti i compagni di viaggio in cammino verso la pace e la nonviolenza
    14 novembre 2020 - Fabrizio Cracolici
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)