Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Giovanni Pesce: Partigiano della Pace - l'appello contro l'energia nucleare
    PRESENTAZIONE:

    Giovanni Pesce: Partigiano della Pace - l'appello contro l'energia nucleare

    Con il messaggio antinucleare di Giovanni Pesce, il Che Guevara italiano e della Campagna internazionale ICAN - Premio Nobel per la Pace 2017 per il disarmo nucleare universale
    7 marzo 2018 - Laura Tussi
  • Stop al transito di navi e sottomarini nucleari nei porti italiani
    Iniziativa a Siracusa e Augusta per venerdì 9 marzo

    Stop al transito di navi e sottomarini nucleari nei porti italiani

    Dal 5 al 16 marzo, a largo delle coste della Sicilia orientale, andrà in scena Dynamic Manta, l’annuale mega-esercitazione aeronavale che vede protagoniste le forze armate di una decina di Paesi aderenti al Patto Atlantico (Nato). Con questa iniziativa si chiede ancora una volta alla Prefettura di Siracusa e alle competenti autorità marittime di vietare l’accesso e la sosta di unità navali a propulsione nucleare nelle acque territoriali e nel porto di Augusta, quale necessaria misura di prevenzione a tutela delle popolazioni costiere e dall’ambiente, non essendo stato ad oggi predisposto alcun piano per far fronte a un’eventuale emergenza radiologica.
    28 febbraio 2018
  • "Siamo tutti Premi Nobel per la Pace"
    Oslo 2017 - Nova Milanese

    "Siamo tutti Premi Nobel per la Pace"

    Con il messaggio antinucleare della Campagna Internazionale ICAN - Premio Nobel per la Pace 2017 per il disarmo nucleare universale
    16 febbraio 2018 - Laura Tussi
  • Il Documento programmatico pluriennale per la Difesa per il triennio 2017-2019
    Quattro esempi per tre sezioni: Niger, Schengen militare e missione nucleare dell’F-35, Italia potenza militare

    Il Documento programmatico pluriennale per la Difesa per il triennio 2017-2019

    Il motivo principale per cui l’Italia ha scelto il caccia F-35: la capacità di eseguire una missione nucleare
    28 gennaio 2018 - Rossana De Simone
Intervista al coordinatore della Tavola della Pace

"Stiamo lavorando ad una grande manifestazione che si terrà a Milano il 18 novembre"

Dopo il test di lunedì scorso, parla Flavio Lotti, coordinatore della Tavola della pace
12 ottobre 2006 - Annarosaria Mazzocchi
Fonte: La Nuova Ecologia, 11 ottobre 2006
http://www.lanuovaecologia.it/ecosviluppo/politiche/6371.php

La Corea del Nord con il test atomico eseguito lunedì scorso è entrata ufficialmente nel club dei paesi dotati di un arsenale nucleare. Una pericolosa provocazione che crea grande tensione sul piano politico internazionale. Abbiamo chiesto un commento a Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della Pace.

«Quanto sta accadendo in questi ultimi giorni - spiega - e le crescenti tensioni tra gli Stati mostra l'avverarsi di scenari molto preoccupanti che erano stati denunciati già molto tempo fa dal movimento pacifista. Da tempo manca una reale volontà nel risolvere i conflitti mondiali soprattutto a causa di politiche aggressive da parte di alcune nazioni, come gli Stati Uniti. Servirebbe una reazione decisa da parte della comunità internazionale per un reale processo di disarmo».

Rispetto al passato, però, sembrerebbe che il movimento pacifista non sia molto attivo, basti pensare alle manifestazioni organizzate nel 1995 contro i test atomici francesi a Mururoa. A cosa è dovuto questo cambiamento?

Il motivo è che il tema è stato dimenticato da tempo dall'opinione pubblica e dai governi. Dopo gli accordi tra Reagan e Gorbaciov nel 1987, la minaccia nucleare non è stato più considerato un vero problema. Alcune organizzazioni pacifiste, però, continuano a denunciare da allora il pericolo della corsa al riarmo, scontrandosi spesso con la poca attenzione da parte dei mass media.

Quali iniziative sono previste in proposito?

Si è concluso da poco un meeting internazionale a Perugia proprio sul tema del disarmo e stiamo lavorando ad una grande manifestazione che si terrà a Milano il 18 novembre. L'obiettivo sarà ricordare la necessità della pace in Medio Oriente e riportare all'attenzione il tema del disarmo, senza dimenticare né sottovalutare la situazione in cui versano anche altri Paesi, come ad esempio India e Pakistan. L'unico problema oggi, all'interno del movimento pacifista, è l'isolamento di queste iniziative ma ci auguriamo di tornare presto ad un maggiore coinvolgimento tra le diverse organizzazioni.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)