Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

La Campagna “no excuse 2015”

Mobilitazione contro la povertà promossa dall'Onu

La Campagna promuove e partecipa a eventi, incontri, manifestazioni di sensibilizzazione in tutta Italia.
16 ottobre 2006

Il 17 di ottobre, il Segretario Generale delle Nazioni Unite, nel corso di una conferenza stampa a New York, comunicherà il numero complessivo delle persone che nel mondo si saranno alzate contro la povertà, per il raggiungimento degli Obiettivi del Millennio.

Otto gli obiettivi della campagna:
- eliminare la povertà estrema e la fame;
- raggiungere l’istruzione primaria universale;
- promuovere l’uguaglianza di genere e l’empowerment delle donne;
- diminuire la mortalità infantile;
- migliorare la salute materna;
- combattere l'HIV/AIDS, la malaria e le altre malattie;
- assicurare la sostenibilità dell’ambiente a sviluppare un partenariato globale per lo sviluppo sostenibile;
- l’ottavo obiettivo è responsabilità, secondo l’Onu, dei paesi ricchi.

A sostegno degli Obiettivi del Millennio, le Nazioni Unite hanno lanciato, anche in Italia, la Campagna “no excuse 2015”.

Per il raggiungimento del suo obiettivi principale, il cambiamento delle politiche di lotta alla povertà, la campagna opera per formare una nuova coscienza civica nei cittadini e nella classe politica in modo che ciascuno possa dare il proprio contributo per realizzare gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio.

Per questo la Campagna promuove e partecipa a eventi, incontri, manifestazioni di sensibilizzazione in tutta Italia.

Per la realizzazione delle proprie attività la campagna agisce stringendo alleanze e partnership con differenti soggetti della società tra cui organizzazioni non governative, autorità locali, media, aziende private.

Note: http://www.millenniumcampaign.it

Scrivete a: standup@millenniumcampaign.it

Sulle mobilitazioni cominciate ieri:
http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/GdM_cronache_NOTIZIA_01.asp?IDNotizia=167340&IDCategoria=1

Articoli correlati

  • Un'agenda per il disarmo
    Disarmo
    Garantire il nostro futuro comune

    Un'agenda per il disarmo

    Il portoghese António Guterres, nono Segretario Generale delle Nazioni Unite, ha assunto l'incarico il 1º gennaio 2017 e ha scritto un importante documento, l'Agenda ONU per il disarmo, di cui qui riassumiamo alcuni punti salienti.
    2 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Agenda ONU per il disarmo nucleare
    Disarmo
    Una speranza di cambiamento mondiale

    Agenda ONU per il disarmo nucleare

    Le armi nucleari sono le armi più pericolose sulla terra. Una piccola ogiva può distruggere un'intera città, ma qui parliamo di arsenali che possono sterminare centinaia di milioni di persone, mettendo a repentaglio l'ambiente naturale e la vita delle generazioni future
    14 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare
    Pace
    Lo studio A/57/124 è stato richiesto con risoluzione 55/33 dell'Assemblea Generale ONU 20/11/2000

    Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare

    Questo studio è stato presentato al primo comitato dell'Assemblea generale dell'ONU nella sua 57a sessione il 9 ottobre 2002. Nello studio si prevede che l'educazione al disarmo proietti a tutti i livelli i valori della pace, della tolleranza, della nonviolenza e del dialogo fra i popoli.
    23 marzo 2021 - Redazione PeaceLink
  • TPAN: una data storica per l’umanità
    Pace
    TPAN. Un’autentica svolta per l’umanità. Uno dei più grandi traguardi del pacifismo mondiale

    TPAN: una data storica per l’umanità

    Il 22 gennaio 2021 entra in vigore a livello mondiale il TPAN- Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari, uno dei tanti tasselli del lavoro e del percorso per la pace del XXI secolo
    12 gennaio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)