Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • "Lei ama la guerra?"
    Una lettura utile ai tempi di Trump

    "Lei ama la guerra?"

    Emilio Lussu sulla guerra
    14 aprile 2018
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Cartesio contro la guerra
    Il grande filosofo e matematico

    Cartesio contro la guerra

    Affermò nel XVII secolo: "Chi vede come noi uomini siamo fatti e pensa che la guerra è bella o che valga più della pace è storpio di mente".
    1 aprile 2018 - Alessandro Marescotti
Si prega di diffondere il piu' possibile questo messaggio

4 novembre: non retorica ma lutto per i morti di tutte le guerre

Si diffondano le lettere dei soldati che mandavano al diavolo la guerra e il re. Furono censurate. Perché censurarle oggi nelle cerimonie ufficiali e non farne mai la minima menzione?
2 novembre 2006 - Associazione PeaceLink

Ci dissociamo dalle celebrazioni ufficiali del 4 novembre.

Azione nonviolenta a Cagliari
4 novembre, non festa ma lutto


Il 4 novembre, festa delle Forze Armate, diamoci appuntamento di fronte a tutte le caserme d'Italia per contestare la guerra, le guerre "umanitarie". Mentre nel pianeta milioni di persone muoiono di fame, soprattutto bambini, le nazioni, in maniera particolare quelle occidentale, sperperano denaro e risorse per costruire micidiali e sempre più sofisticati ordigni di morte. Quest'anno la Finanziaria del governo Prodi prevede oltre 20 miliardi di euro per le spese militari, tutti soldi che vengono vergognosamente sottratti alle spese sociali: sanità, scuola, occupazione. A Cagliari, in contemporanea con la cerimonia per la festa delle Forze Armate, al Parco delle Rimembranze in via Sonnino si terrà alle ore 9 del 4 novembre una contromanifestazione pacifista di protesta.

Antonello Repetto
tel. 0781.856397

Ci dissociamo in nome della pace e della Costituzione.

Ci dissociamo in nome di tutti quegli italiani pacifici che furono condotti a combattere e a morire perché costretti.

Ci dissociamo in nome di tutti i disertori che non vollero partecipare a quella che il papa di allora definì "un'inutile strage".

Ci dissociamo da ogni retorica celebrazione di eroismo.

Ci dissociamo da ogni ipocrisia.

Vogliamo ricordare che chi non combatteva veniva fucilato dai carabinieri italiani. Il sentimento di pace degli italiani venne violentato da un militarismo che avrebbe poi portato l'Italia al fascismo.

Occorre ricordare che la prima guerra mondiale fu uno spaventoso massacro.

Occorre trasformare il 4 novembre in una giornata di studio e di memoria, in una giornata di ripudio della guerra.

Si leggano le strazianti poesie di Giuseppe Ungaretti scritte in trincea.

Si legga il "Giornale di guerra e di prigionia" di Carlo Emilio Gadda in cui emerge l'ottusità di ufficiali arroganti e l'insipienza criminale degli alti comandi.

Si legga "Addio alle armi" di Ernest Hemingway e "Un anno sull'altopiano" di Emilio Lussu, grandi testimonianze del fanatismo di quella guerra.

Si diffondano le lettere dei soldati che mandavano al diavolo la guerra e il re. Furono censurate. Perché censurarle oggi nelle cerimonie ufficiali e non farne mai la minima menzione?

Vogliamo diffondere la voce di chi ha maladetto la guerra perché voleva la pace.
Monumento al disertore a Rovereto
Oramai in tutte le scuole i libri di storia hanno rivisto il tradizionale giudizio positivo sulla prima guerra mondiale e oggi prevale una netta disapprovazione di una guerra che - come sostenne Giolitti - poteva essere evitata portando all'Italia Trento e Trieste mediante una neutralità concordata con l'Austria.

Non comprendiamo come mai a scuola i libri disapprovino una guerra che il 4 novemnre viene al contrario celebrata in piazza nella sua "giornata vittoriosa".

Ci chiediamo per quale oscura ragione il livello di consapevolezza raggiunto dalla cultura venga demolito dalla retorica.

Ecco perché ci dissociamo dalle cerimonie ufficiali: quella guerra fu terrorismo e non va celebrata.

Il popolo della pace - in nome della nonviolenza - dice ancora una volta no alla guerra.

Note:

Altre informazioni
http://lists.peacelink.it/news/2006/11/msg00002.html

Il volantino da distribuire per il 4 novembre
http://www.peacelink.it/dossier/4novembre/4nov.pdf

Il monumento al disertore
http://www.gantrentino.unimondo.org/monumentodisertore

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)