Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

La tragedia di Nassiriya, lettera al Direttore di Sorrisi e Canzoni TV

I "Signori Capi" sono mai andati a vedere in che condizioni si trovano i nostri ragazzi?

Il mio fidanzato è stato lì fino al mese scorso. Questa mia lettera è per i "Signori Capi" che hanno votato per questa missione ASSURDA e che non fanno altro che riempirsi la bocca con frasi del tipo: "I nostri militari sono ben voluti, la popolazione li ha accolti bene!". Vorrei tanto poter avere un dialogo faccia a faccia con queste persone per chiedere se fra quei ragazzi in missione laggiù c'è anche qualche loro parente!
12 novembre 2003
Stefania (Taranto)

Gentilissimo Direttore,
le scrivo questa lettera con la viva speranza di vederla pubblicata oltre che sul sito, anche sul suo giornale (pur non avendo niente a che vedere con la TV)!
Questa mia lettera è per quei 15 (e spero che sia il numero definitivo!) Carabinieri Italiani in servizio in Iraq a Nassyiria che questa mattina sono morti dopo aver subito l'attacco di un Kamikaze ai danni della loro base!
Questa mia lettera è per le famiglie di questi ragazzi, per le loro fidanzate, le loro mogli, i loro figli, per tutti coloro che gli erano vicini.
Questa mia lettera è per i "Signori Capi" che hanno votato per questa missione ASSURDA e che non fanno altro che riempirsi la bocca con frasi del tipo: "I nostri militari sono ben voluti, la popolazione li ha accolti bene!".
Vorrei tanto poter avere un dialogo faccia a faccia con queste persone per chiedere se fra quei ragazzi in missione laggiù c'è anche qualche loro parente!
Vorrei sapere se sono mai andati a vedere in che condizioni si trovano i ragazzi, se hanno la più lontana idea di dove dormono, di dove mangiano, di quello che fanno!!
Sig. Direttore, il mio fidanzato è stato lì fino al mese scorso, ecco perché mi sento così vicina alle famiglie di quei ragazzi! Io ho visto le foto, ho ascoltato i suoi racconti e sa quale domanda mi son fatta? Perchè queste cose nessuno le fa vedere in televisione? Perché nei vari servizi all'interno dei TG o delle trasmissioni nessuno ha mai fatto vedere le reali condizioni in cui devono vivere i Nostri ragazzi?
Spero solo che questo tragico episodio possa smuovere le coscienze dei "capi"! Mi conceda solo un ultimo pensiero per i ragazzi e per le loro famiglie:
"Anche se so che non può servire a colmare l'immenso vuoto lasciato dai Vostri cari, sappiate solo che partecipo al vostro dolore e che farò di tutto affinchè questo episodio non cada nel dimenticatoio!"
Con immenso dolore,
Stefania (Taranto)

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)