Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Un passo storico per la difesa dei diritti umani

L'ONU per i popoli indigeni

È stata finalmente approvata la "Dichiarazione universale per i diritti dei popoli indigeni"
Giacomo Alessandroni14 settembre 2007

Bolzano, Göttingen, New York, 14 settembre 2007

Una coppia di indigeni brasiliani della tribù dei Karajá La sede ONU a Ginevra L'Associazione per i popoli minacciati (APM) ha definito un passo storico per la difesa dei diritti umani in tutto il mondo l'approvazione della Dichiarazione universale per i diritti dei popoli indigeni da parte dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite. Secondo l'APM, con questa dichiarazione per la prima volta verranno riconosciuti esplicitamente anche i diritti collettivi dei popoli indigeni. L'APM adesso chiede alla comunità internazionale di prendere sul serio la sua stessa decisione e di sottoporre ad esame ed a nuove negoziazioni con le popolazioni direttamente interessate tutti i progetti di mega dighe, di disboscamento e di produzione di materie prime su territorio indigeno. Da diversi decenni ormai l'APM sta combattendo per i diritti dei circa 370 milioni di indigeni in tutto il mondo e dal 1993 ha lo status consultivo presso l'ONU.

Per l'APM la tanto attesa dichiarazione non mancherà di suscitare tra i rappresentanti indigeni la speranza di arrivare presto ad uno livello di negoziazione più alto, quando saranno per esempio violati i loro diritti territoriali. Tra l'altro la dichiarazione darebbe ai popoli indigeni il diritto di decidere da soli materie come lo sviluppo del loro territorio, la produzione di materie prime, diritti di autoamministrazione o programmi sanitari. L'APM chiede immediati programmi e offerte di formazione per membri sradicati di comunità indigene, cacciati dalla loro terra e che vivono una vita in miseria negli slum e nelle favelas delle metropoli.

Secondo stime dell'APM, nel mondo esistono ancora circa 5000 comunità indigene in 75 stati. Tra di loro circa 84 milioni di Adivasi in India, i Sami del Nord Europa, i circa 40 milioni di Indiani in tutta l'America, gli Aborigeni in Australia, i Maori in Nuova Zelanda, i San nell'Africa meridionale e molti altri. Molte di queste comunità devono combatter per la loro sopravvivenza. Ci sono per esempio in Indonesia circa 300 popoli minacciati dall'espansione delle piantagioni di palma da olio. Anche in Colombia o in Birmania gli indigeni rischiano di essere cacciati perché nel loro territorio vengono progettate piantagioni di palma da olio. In Brasile, in Cile e in Ecuador molti popoli indiani combattono contro il disboscamento, contro la produzione di materie prime e contro l'estrazione di petrolio e di gas. In Canada gli Indiani soffrono per la povertà, per il razzismo dilagante e per situazioni di diritti territoriali non chiariti. Gli indigeni della Siberia stanno già adesso sentendo le conseguenze del riscaldamento globale e temono di perdere, per colpa dello scioglimento del ghiaccio, la loro base vitale.

Allegati

Articoli correlati

  • Ecuador: lo sciopero a oltranza contro Guillermo Lasso
    Latina
    Prosegue dal 13 giugno la mobilitazione della Conaie

    Ecuador: lo sciopero a oltranza contro Guillermo Lasso

    Dopo tre settimane Palacio de Carondelet aumenta la repressione contro i movimenti sociali che, lo scorso 1° luglio, sono riusciti a veder riconosciute parte delle loro richieste.
    1 luglio 2022 - David Lifodi
  • Uno spiraglio di luce in mezzo a tanta oscurità
    Latina
    Honduras

    Uno spiraglio di luce in mezzo a tanta oscurità

    Lo Stato honduregno si dichiara responsabile dell’esecuzione sommaria di Herminio Deras e di decenni di violenze contro la sua famiglia
    19 maggio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero
    Europace
    Sull'aggressione militare russa in Ucraina

    Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero

    Di fronte a una possibile escalation che può far scoppiare una terza guerra mondiale l’UE deve chiedere l’immediato cessate il fuoco in Ucraina, la costituzione di corridoi umanitari e l’invio di Caschi blu dell’Onu come forza di interposizione e di aiuto umanitario.
    11 marzo 2022 - Nicola Vallinoto
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)