Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

20 novembre 2003
Associazione Comunita' Papa Giovanni XXIII

Europace
Partecipa a un progetto di servizio civile in Europa!

L'Associazione Comunita' Papa Giovanni XXIII sta cercando 10 volontari da inserire nel proprio progetto di servizio civile in Europa, all'interno del bando straordinario emesso dall'Ufficio Nazionale del Servizio Civile in occasione del Semestre di Presidenza italiano dell'Unione Europea.
In considerazione dei tempi molti ristretti stabiliti dall‚Ufficio nazionale per l'inizio del progetto, i volontari vanno selezionati entro il 15 dicembre 2003 per cui le candidature vanno presentate improrogabilmente entro e non oltre il
10 dicembre 2003
La paga per 12 mesi è di 433,80 Euro mensili, a cui vanno aggiunti 450 Euro mensili per ogni mese di permanenza all'estero. I mesi di permanenza all'estero previsti dal progetto sono 8.
Scheda analitica del progetto:
Titolo: Europace
Area di Intervento: promozione culturale, educazione alla pace, nonviolenza. Servizio civile e solidarieta' internazionale. Informazione strumento di pace.
Paesi dove si svolge il periodo di servizio all'estero: Spagna (Barcellona e Paesi baschi), Belgio (Brussels), Germania (Francoforte sul Meno), Regno Unito (Irlanda del Nord, Belfast)

Breve descrizione del progetto:
Obiettivo generale: dare un contributo concreto e positivo alla crescita di consapevolezza dei giovani italiani rispetto al loro ruolo nella costruzione di un'Europa attenta e impegnata nella ricerca della pace.
Obiettivi specifici: servizio civile di pace, gestione nonviolenta dei conflitti, informazione come strumento di pace.
I volontari saranno inseriti nell'organico di organizzazioni partner estere, e saranno coinvolti in programmi di ricerca, formazione, sviluppo, promozione culturale, mediazione, diffusione di informazioni all'interno degli obiettivi specifici del progetto sopra elencati. Saranno affiancati e seguiti dal personale della struttura locale.
Requisiti richiesti ai candidati:

  • essere cittadino italiano;
  • avere una eta' compresa fra i 18 e i 26 anni;
  • aver conseguito il diploma di scuola dell'obbligo;
  • non aver riportato condanne penali, ne' avere alcun carico pendente in corso;
  • avere il godimento dei diritti civili e politici;
  • solo per gli uomini: essere stati riformati dal servizio militare.

Per tutti i paesi e' richiesta una buona conoscenza della lingua inglese.
Per la Germania e' richiesta una conoscenza di base del tedesco.
Per la Spagna e' richiesta una conoscenza di base dello spagnolo.

Coloro che sono interessati a partecipare devono contattare al piu' presto il Servizio Obiezione di coscienza e Pace della Associazione Comunita' Papa Giovanni XXIII

Numeri telefonici
0541-753619 0541-752130
348 2488126

Email
odcpace@apg23.org

Per ulteriori informazioni e per consultare il testo completo del bando:

Allegati

Articoli correlati

  • Maria Montessori e il pacifismo
    Pace
    Donne coraggiose

    Maria Montessori e il pacifismo

    Maria Montessori continuò, durante l’esilio imposto dal fascismo, nelle sue conferenze a esprimere messaggi di pace e lanciare moniti per la nonviolenza, mentre in tutta Europa e nel mondo divampavano l’odio, la violenza e la seconda guerra mondiale, provocati dai regimi nazifascisti.
    12 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Donna: l’impegno pacifista
    Pace
    La donna emancipata e pacifista nella cultura dell'Ottocento

    Donna: l’impegno pacifista

    L’asprezza del misoginismo ottocentesco si scontra con l’esperienza dei primi gruppi emancipazionisti. La donna emancipata e pacifista diviene allora il bersaglio da colpire, l’emblema di disordine e della sregolatezza morale.
    11 aprile 2021 - Laura Tussi
  • "Luca Attanasio non è morto invano"
    Kimbau
    Testimonianza di Chiara Castellani per Luca Attanasio

    "Luca Attanasio non è morto invano"

    La dottoressa Chiara Castellani, medico missionario nella Repubblica democratica del Congo parla dell’ambasciatore Luca Attanasio di cui era amica
    27 marzo 2021 - Umberto Rondi
  • In memoria di Giovanni Sarubbi
    Pace
    Fondatore e direttore della rivista telematica ildialogo.org

    In memoria di Giovanni Sarubbi

    Leggere e comprendere i suoi editoriali significa tradurre nella pratica quotidiana la tanto amata frase di Don Milani “I care”. Sì, perché a differenza del pensiero fascista del “Me ne frego”, Giovanni contrappone il pensiero dell’amore, della vita, della nonviolenza e della lotta.
    7 aprile 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)