Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Taranto come l'Aquarius
    Abbiamo maturato un'esperienza nella comunicazione globale delle emergenze umanitarie che poi abbiamo messo a disposizione della città di Taranto

    Taranto come l'Aquarius

    Tutta la mia azione sull'ILVA è stata sempre basata sull'indignazione verso chi poteva soccorrerci ed è rimasto indifferente. In questi anni avrebbero potuto salvare vite umane e non lo hanno fatto. Taranto è un caso evidente di razzismo ambientale, hanno scaricato su di noi quello che Genova non voleva più subire. E così ci hanno fatte affondare nella malattia e nella disperazione. Nessun governo ci ha offerto un porto sicuro dove poterci salvare. Ci hanno abbandonato come città alla deriva, senza protezione e senza tutele.
    15 giugno 2018 - Alessandro Marescotti
  • I Viaggi della Pace - In Kenya e in Palestina per un cambiamento possibile.
    I viaggi in Kenya e in Palestina di uno dei fondatori di PeaceLink: Enrico Marcandalli

    I Viaggi della Pace - In Kenya e in Palestina per un cambiamento possibile.

    I viaggi a Nairobi (Kenya) e in Palestina dei volontari dell’Associazione PeaceLink Francesco Iannuzzelli ed Enrico Marcandalli si inseriscono nelle attività di volontariato telematico dell’associazione fin dalla sua nascita.
    25 febbraio 2013 - Laura Tussi
  • Padre Kizito nuovamente sotto attacco
    Accuse infondate a sfondo sessuale per appropriarsi dei beni della comunità

    Padre Kizito nuovamente sotto attacco

    PeaceLink esprime a padre Renato Kizito Sesana la propria solidarietà. Contro di lui si è avviata una campagna indegna e infondata. Come se non bastasse, domenica 29 maggio è stato sferrato un attacco armato contro la sua comunità a Nairobi, a dimostrazione di quanto la situazione stia davvero diventando pericolosa per lui.
    31 maggio 2011 - Associazione PeaceLink
  • Padre Kizito è innocente
    Fine di una montatura. Assieme a tante associazioni, anche PeaceLink aveva solidarizzato con padre Kizito

    Padre Kizito è innocente

    Nel mese di giugno del 2009, tre giovani e un ragazzo accusarono di pedofilia il missionario italiano padre Renato Kizito Sesana. Un anno e mezzo dopo, Mrs. Alice Ondieki, Sostituto Procuratore della Repubblica in Kenya, scrive al Direttore delle Investigazioni Criminali a Nairobi: “Non ci sono prove sufficienti per procedere contro l’indiziato”.
    21 dicembre 2010 - Eric Sande
La mala locale di Nairobi sferra un attacco al missionario dei poveri

Una bufala l'accusa di pedofilia contro padre Kizito

Chi, come padre Kizito, a viso scoperto ha costruito la solidarietà deve fare i conti con una campagna di discredito anonima gestita da chi mira a mettere le mani sui beni di una comunità costruita con le nostre donazioni.
19 giugno 2009 - Alessandro Marescotti

Prima mia nipote che me lo viene a dire dispiaciuta e mi chiede spiegazioni. Poi uno studente. Tutti raggiunti da una strana catena di email anonime. "Padre Kizito ha fatto della brutte cose". E così il mitico missionario che rischia la vita per i poveri cade nella polvere per una email anonima. Questo alcuni mesi fa. Ma dopo la preparazione del botto, ecco il botto vero e proprio. La notizia schizza sui mass media e la miccia è una TV locale di Nairobi.
Padre Renato Kizito Sesana a  Nairobi


Ho conosciuto molto da vicino padre Kizito e, assieme a PeaceLink, l'ho aiutato per anni. Volontari di PeaceLink sono andati a Nairobi e da questa esperienza è nato il libro "Apri una finestra sul mondo".

Conosciamo bene l'esperienza umana e sociale di padre Kizito per poter comprendere a quanti il suo impegno possa aver dato fastidio. Ai trafficanti di droga, ai mercanti della prostituzione, ai boss locali. La sua comunità che sottraeva alla strada le bambine e i bambini è stata un esempio di efficienza e di solidarietà.

Dietro le accuse vi sarebbero inoltre le interessate manovre di alcune persone che mirano ad impossessarsi dei beni della comunità creata da padre Kizito, il quale ha dichiarato: "Sono andato al Commissariato di polizia del quartiere di Kilimani per rilasciare una dichiarazione e depositare una dichiarazione scritta in cui un giovane giura di aver avuto una sostanziosa offerta di denaro qualora avesse accettato di dichiarare false accuse di natura sessuale contro di me".

E, giusto per essere chiari, padre Kizito ha dichiarato: "Non ho mai violentato alcun bambino in Kenya, né altrove. Sono pronto ad affrontare chiunque tenti di provare il contrario".

Lasciatemi però concludere con un'annotazione personale. Ho collaborato con padre Kizito dal 1995. Per anni e anni ho cercato di coinvolgere persone con le vere attività di padre Kizito.

E' bastata una notizia priva di fonte per dare a padre Kizito una notorietà negativa con proporzioni e eco che non saremmo mai riusciti a creare. Come mai?

Una società incapace di praticare la solidarietà come esperienza quotidiana riesce al contrario a sguazzare nel pettegolezzo con grande facilità. La notevole difficoltà con cui abbiamo provato coinvolgere le persone non è stata trovata da chi viceversa ha saputo costruire catene di Sant'Antonio prive di firma. Chi, come padre Kizito, a viso scoperto ha costruito la solidarietà deve fare i conti con l'ambiguità di una campagna di discredito anonima gestita da chi mira a mettere le mani sui beni di una comunità costruita con le nostre donazioni.

Chi diffonde le bufale trova più creditori di chi costruisce la speranza. Ma perché?

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)