Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Presidente Obama, non ci vada a mani vuote!

    Nell'imminenza della visita di Obama nella città di Hiroshima, un appello a tutti gli operatori di pace: un invito a spedire un messaggio alla Casa Bianca perché il suo viaggio non porti solo parole.
    Presidente Obama, non vada a Hiroshima a mani vuote!
    11 maggio 2016 - Roberto Del Bianco
  • Disgelo Usa-Cuba: le insidie del nuovo corso
    Le relazioni tra i due paesi saranno all’insegna dell’uguaglianza o di una nuova colonizzazione?

    Disgelo Usa-Cuba: le insidie del nuovo corso

    L’accordo Obama-Raúl Castro restituisce finalmente la libertà ai cinque eroi antiterrorismo cubani
    4 gennaio 2015 - David Lifodi
  • Ancora uno sciocco piano di Obama
    Golpe in Ucraina

    Ancora uno sciocco piano di Obama

    10 marzo 2014 - Mike Whitney
  • Siria: le prime vittime di ogni guerra sono verità e umanità
    Dossier contro la "nuova" guerra

    Siria: le prime vittime di ogni guerra sono verità e umanità

    Menzogne, mezze verità, fatti manipolati, carneficina di civili. Mentre il mondo attende il passaggio in Siria dalla guerra per procura all'attacco diretto USA, i media proseguono la loro opera di disinformazione, distrazione, manipolazione di massa...
    31 agosto 2013 - Alessio Di Florio
Il discorso del Nober per la Pace a Oslo

Obama ha detto che a volte la guerra è strumento per la pace

Ma Bobbio affermava: "La guerra è l'antitesi del diritto: non fa vincere chi ha ragione, ma dà ragione a chi vince". E Kant: "La guerra è un male perché fa più malvagi di quanti ne toglie di mezzo".
12 dicembre 2009 - Enrico Peyretti

Il discorso di Obama a Oslo è una sfida alta alla cultura nonviolenta, che vuole costruire pace giusta ripudiando il mezzo della guerra.

No war


Obama ha detto che a volte la guerra è strumento per la pace; che esiste una guerra "giusta" come questa in Afghanistan; che un movimento nonviolento non avrebbe mai sconfitto Hitler; che c'è differenza tra una guerra scelta e una guerra imposta dalla necessità.


Sono arcinoti luoghi comuni del "realismo" non volgarmente guerrafondaio, ma neppure determinato a "salvare le future generazioni dal flagello della guerra" (prime parole del Preambolo dello Statuto dell'Onu), dopo il terribile Novecento.


In sintesi telegrafica, possiamo dire (cioè ripetere):

- La guerra può eliminare un potere violento, ma affida sempre la decisione alla forza delle armi, non alle ragioni del diritto. Armi e diritto possono coincidere per caso, non per loro natura. "La guerra è l'antitesi del diritto: non fa vincere chi ha ragione, ma dà ragione a chi vince" (Norberto Bobbio). "La guerra è un male perché fa più malvagi di quanti ne toglie di mezzo" (Immanuel Kant). La guerra consacra le ragioni stesse della violenza che vuole combattere, perché la imita e la riproduce.

- Chi arriva tardi perde il treno. La cultura politica democratica e nonviolenta avrebbe potuto evitare Hitler e poi sbalzarlo democraticamente dal potere se fosse stata difesa e diffusa molto per tempo nell'animo popolare e nelle istituzioni. E' in anticipo che si deve combattere la tirannia. La guerra arriva sempre in ritardo. La vittoria in guerra è sempre pregna di nuova violenza. La vittoria su Hitler ci ha dato l'incombente universale morte atomica.


- Questa condanna storica vale anche per la risposta bellica degli Usa al clamoroso attacco dell'11 settembre, contraccolpo ingiustificabile di una secolare ingiustificabile violenza dell'occidente verso il mondo esterno, di cui la rinascita islamica sente l'offesa e in qualche sua componente reagisce con ingiustificabile violenza.


- Va riconosciuto, tuttavia, il caso estremo e tragico in cui si ha il "dovere di uccidere" (parole di Gandhi) chi sta sistematicamente uccidendo altri, se davvero non c'è nessun altro modo di fermarlo. Ma il tirannicidio per necessità estrema non è la guerra, che è violenza estesa, sistematica, indiscriminata, che sempre colpisce i popoli assai più dei tiranni, con immensa ingiustizia, anche ora in Afghanistan. Anche la corretta azione di polizia (statale o internazionale) non è guerra: la polizia tende a ridurre la violenza, la guerra tende ad accrescerla per imporsi sul più debole. Per vincere in guerra bisogna diventare più violenti del nemico (avverte Gandhi).

- La guerra è assai più utile ai criminali fabbricanti e trafficanti delle armi omicide, che non ai popoli che essa vorrebbe liberare e difendere. Inoltre, tutti i popoli potrebbero difendersi da soli con l'arma nonviolenta della estesa disobbedienza civile ai poteri violenti, perché ogni potere consiste in definitiva soltanto nell'essere obbedito (Etienne de la Boétie; Gene Sharp). Ciò sarebbe possibile se la cultura della pace e della giustizia avesse voci e mezzi per diffondere (più di quanto già faccia con pochissimi mezzi) la conoscenza di questo diritto e possibilità dei popoli. In generale, i governi impediscono la conoscenza di questi mezzi di difesa popolare nonviolenta, perché, anche se eletti democraticamente, non vogliono che i popoli abbiano reale possibilità di controllo sulla loro azione e potere.

- La democrazia, come reale potere popolare, non è affatto facile. E' più facile obbedire a un capo. I popoli non sono fatti interamente di santi e onesti. I vizi dei potenti sono latenti nell'umanità comune. Se cala la vigilanza etico-civile, le democrazie degnerano in autoritarismi, come accade ora drammaticamente e orribilmente in Italia. Kant dice: non occorre che i cittadini siano angeli, basta che siano "diavoli intelligenti"; cioè, nonostante i vizi umani, la conoscenza e l'intelligenza possono portare a ridurre o eliminare le maggiori cause di sofferenza e ingiustizia, come è la guerra, presunta e falsa soluzione dei più gravi conflitti. L'umanità procede in civiltà se sa immaginare e istituire metodi più umani nelle relazioni difficili. Questo è il compito della cultura politica popolare, democratica. I governanti valgono e meritano riconoscimenti nella precisa misura in cui non impediscono, ma rispettano e promuovono questa umanizzazione.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)