Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Azione dimostrativa di Padre Carl Kabat al sito di costruzione del Kansas City Plant

4 luglio, “Interdependence Day”

La seguente riflessione è stata spedita da Carl Kabat la notte del 3 luglio. Notizie di Carl la mattina del 4 luglio riportano che è presente sul sito, sta svolgendo il suo “lavoro di pace” e attende di essere trovato. Seguiranno ulteriori dettagli.
5 luglio 2011
The Nuclear Resister
Tradotto da Antonella Recchia per PeaceLink
Fonte: www.nukeresister.org - 04 luglio 2011

Kansas City Plant

La roncola della gru


Io, Padre Carl Kabat, OMI, andavo riflettendo su quale potesse essere un modo appropriato per festeggiare il 4 luglio, comunemente chiamato “Independence Day” (“Giornata dell’Indipendenza”). Oggi sarebbe più appropriato chiamare questa giornata “Interdependence Day” (“Giornata dell’Interdipendenza”) poiché tutti noi viviamo su questo piccolo pianeta Terra.

Per dimostrare il mio patriottismo e l’amore che nutro per il mio paese e per il bene del mio paese, ho deciso di fare un’azione dimostrativa su una roncola a Kansas City, Missouri.

Secondo il parere della Corte Internazionale del 1995, le armi di distruzione di massa sono un crimine contro l’umanità.

Le chiese cristiane hanno detto che è un peccato costruire armi nucleari. Le Chiese hanno dichiarato che le armi nucleari sono un crimine contro Dio e contro l’umanità e devono essere condannate senza riserve!

Alcuni hanno affermato, ancora oltre, che la fabbricazione, l’implementazione o l’uso del nucleare devono essere condannati senza riserve.

I nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale uccisero e bruciarono 6 milioni di nostre sorelle e fratelli e 5 milioni di sorelle e fratelli (che erano comunisti, preti, zingari, combattenti nemici, omosessuali, persone con disabilità, etc.).

Oggi, 4 dei nostri Minuteman 3 (missili balistici intercontinentali in grado di trasportare testate nucleari, n.d.T) potrebbero, in 30 minuti, fare il giro di mezzo mondo e uccidere 12 milioni di nostre sorelle e fratelli. Siamo diventati molto sofisticati ed efficienti nell’uccidere e nel bruciare.

Abbiamo più armi nucleari di tutto il resto del mondo messo insieme e in un colpo solo potremmo uccidere ogni essere sul pianeta per quindici volte.

L’ottantacinque per cento (85%) delle parti che compongono le bombe nucleari è prodotto dalla gente di Kansas City.

Possa Dio avere pietà di tutti noi!

Attraverso la mia azione voglio incarnare un capovolgimento delle nostre azioni insane e spero che possiamo iniziare a festeggiare il senso d’interdipendenza e liberarci delle armi nucleari.

Pace, Padre Carl Kabat, omi

Note: Padre Carl Kabat è un prete cattolico di 78 anni, statunitense, noto per le sue azioni di protesta nonviolente contro le armi nucleari. Nel corso della sua vita è stato in carcere per un totale di oltre 18 anni.

Il Kansas City Plant è uno stabilimento industriale che produce l’85% di tutte le componenti necessarie alla costruzione di armi nucleari. Attualmente è in atto un piano di modernizzazione del complesso industriale. Vedi: http://www.nukewatch.org/KCNukePlant/
Tradotto da Antonella Recchia per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.

Articoli correlati

  • Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva
    Disarmo
    Commissione UE: armi " beni essenziali"

    Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva

    Sinistra Europea nell’Europarlamento ha lanciato una campagna per bloccare l’iniziativa: "La proposta di finanziare con le nostre tasse, attraverso l’abbattimento dell’Iva, il commercio delle armi, è una proposta semplicemente criminale", ha commentato Paolo Ferrero, vice presidente di SE
    13 novembre 2021 - Gregorio Piccin
  • Abolizione nucleare e diritto alla pace: l'attivismo in piazza
    Ecologia
    Cop26 Glasgow, respingiamo l'innaturale alleanza nucleare-rinnovabili

    Abolizione nucleare e diritto alla pace: l'attivismo in piazza

    E' molto grave la dichiarazione della presidente della Commissione UE, al termine del vertice del 23 ottobre: "Il nucleare serve all'Europa per fare i conti con la crisi energetica".
    30 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Lettera a Virginio Bettini. A un anno dalla sua scomparsa
    Cultura
    In Memoria di Virginio Bettini

    Lettera a Virginio Bettini. A un anno dalla sua scomparsa

    È occorso parecchio tempo per preparare il tuo libro postumo perché come tu ci hai chiesto, necessitava dei contributi di due tuoi cari compagni. Il primo contributo di Maurizio Acerbo e il secondo di Paolo Ferrero
    21 settembre 2021 - Laura Tussi
  • Carla Fracci: la grande étoile era una testimonial contro il nucleare
    Pace
    Una donna per la pace

    Carla Fracci: la grande étoile era una testimonial contro il nucleare

    Ricordiamo il suo impegno civile per la messa al bando delle armi nucleari. Leggeva poesie il 6 agosto per ricordare Hiroshima e Nagasaki.
    28 maggio 2021 - Patrizia Sterpetti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)