Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

L'incontro con NOWAR e candidati

"DITELO PRIMA": il report de "Il Pane e le rose"

Un accurato resoconto. Tanti i temi e i nodi: "non" politica estera nel paese e nel dibattito pre-elettorale, missioni, bombe e scelte europee (Libia, Siria, Mali), 100 basi militari e il rapporto con territori e cittadini, aumento di armi, export e spese occulte (e il 30 marzo, a Roma, per bloccare il MUOS in Sicilia)
24 febbraio 2013
Associazione PeaceLink

"Ditelo prima": il nostro report

(20 Febbraio 2013)       Il Pane e le rose - Collettivo redazionale di Roma

Stop distrazioni: le scelte italiane dipendono da noi

 Venerdì 15 febbraio, presso il Cesv (in via Liberiana, a Roma) si è tenuta l’iniziativa Ditelo prima, promossa dalla Rete No War.
In sostanza, si è trattato di un confronto con alcune liste che si presentano alle imminenti elezioni politiche, incentrato su quei temi internazionali che risultano esclusi dall’attuale dibattito pubblico italiano. Per non cadere nel generico, la Rete ha sottoposto ai candidati un’articolata piattaforma pacifista ed antimilitarista, sviluppata in 15 punti volti a mettere in discussione l’intera politica estera italiana, a partire dalle alleanze militari e dagli accordi di cooperazione bellica che la contrassegnano. Ne è scaturita una discussione - moderata da Stefania Russo - in più punti rivelatrice, che ha avuto una “coda”, con repliche e conclusioni, in altra sede (quella di Un ponte per…a Piazza Vittorio).
 

In questa seconda parte siamo intervenuti anche noi, sottolineando il valore di un’iniziativa che riprenda il discorso sulla Nato.
E’ nostra intenzione fornire ora ai lettori un report dell’assemblea, precisando che la maggioranza degli interventi può essere vista e ascoltata a questo link                      http://www.livestream.com/peacelinkonair e che abbiamo perso l’intervento iniziale di Marinella Correggia, la cui attività informativa è un prezioso contrappeso al verbo dominante, quello dei “portatori di democrazia” a suon di bombe.

Partiamo dunque dalla relazione, di estrema chiarezza espositiva, di Nella Ginatempo, che ha specificato che le forze politiche invitate sono state scelte in virtù delle loro dichiarazioni contro la partecipazione italiana all'avventura coloniale in Mali, contro l'acquisto degli F-35 e per il ritiro dei militari italiani dall'Afghanistan. Si tratta di posizioni importanti, ma ancora parziali, perché - a partire dalla prima aggressione all'Iraq (1991) - la guerra è diventata un fatto globale, con mille articolazioni. A parte l'invio di soldati qua e là, vi è pure la diplomazia di guerra, ossia il sostegno del "nostro" ministero degli esteri alle operazioni militari in cui non siamo (ancora) immediatamente coinvolti.
Rompere complessivamente con questa logica è importante, perché anche in quella che Ginatempo definisce la "cittadella della pace" è entrato il cavallo di Troia del bellicismo. Lo ha fatto presentandosi sotto le insegne più accettabili, quelle dei "diritti umani" (.....)

(continua a leggere sul sito de "il Pane e le rose", pagina web nelle NOTE)

 


Note: Il resoconto completo
http://www.pane-rose.it/files/index.php?c3:o37704:e1

La lettera ai candidati sulla piattaforma di NOWAR, a cui ha aderito PeaceLink
http://www.peacelink.it/pace/a/37712.html

Il sito del Comitato NoMUOS, contro la costruzione del mega-radar USA per il controllo delle telecomunicazioni nel Mediterraneo
http://www.nomuosniscemi.it/

Seguici su FACEBOOK: https://www.facebook.com/pages/Peacelink/91048861525?fref=ts
Iscriviti al gruppo: https://www.facebook.com/groups/peacelink/?fref=ts

Articoli correlati

  • Il Brasile verso un governo autoritario
    Latina
    La radicalizzazione del presidente e il ruolo dei militari

    Il Brasile verso un governo autoritario

    Il paese è ostaggio della disputa tra destra tradizionale e radicale
    13 maggio 2020 - David Lifodi
  • Come i Palestinesi vedono la guerra siriana
    Palestina
    I Palestinesi sono ora convinti che la loro causa non sia una priorità dell’opposizione siriana

    Come i Palestinesi vedono la guerra siriana

    Un sondaggio del settembre 2012 rilevò che quasi l’80% degli intervistati in Cisgiordania e Gaza sostenevano i manifestanti e l’opposizione siriana. Ma nel corso degli anni, quando la rivolta siriana si trasformò in un sanguinoso conflitto settario, le posizioni iniziarono a cambiare.
    Adnan Abu Amer
  • I golpisti della lingua
    Editoriale
    Perché si è persa la memoria storica

    I golpisti della lingua

    Il fatto che - dopo il crollo del Muro di Berlino - il termine "rivoluzione" venga riutilizzato per la Siria è una evidente operazione di modifica delle percezioni. Con la guerra si può decidere di dare a gruppi di terroristi tagliagole la patente di rivoluzionari. Questo è un golpe linguistico.
    23 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
  • Brasile: Bolsonaro tenta la spallata autoritaria
    Latina
    L'uomo nero del Planalto vuol chiudere il Congresso

    Brasile: Bolsonaro tenta la spallata autoritaria

    Il 15 marzo estrema destra in piazza per sostenere i militari e l'attacco alle istituzioni
    4 marzo 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)