Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Le mie notizie per la Pace

20 marzo, fischi a Fassino e giornali: un incubo mediatico

Un consumo critico anche per l'informazione
22 marzo 2004

Una riflessione semplice sui piccoli fatti accaduti al corteo del 20 marzo. Dei grandi fatti, sappiamo: milioni di persone in tutto il mondo hanno manifestato per la pace, contro la guerra (e dunque contro il terrorismo). Milioni in piazza "convocati" da un idea e non da un partito. Nessun partito al mondo, mai, ha mobilitato tanta gente su un'idea, su un progetto di vita. Un partito, sia nazionale, sia europeo, oggi non è in grado di farlo. Quello che si chiede ai nostri rappresentanti al Parlamento, oggi, è di rappresentare questa idea e questo progetto. Non tutti lo fanno, pochi se ne preoccupano.
E veniamo ai piccoli fatti. La cosidetta aggressione a Fassino. Sono arrivata pochi minuti dopo. C'erano colleghi e semplici manifestanti. Mi è stato detto: "Hanno fischiato Fassino, sì, c'è stato un po' di trambusto.... qualche schiaffo col servizio d'ordine, ma insomma niente di drammatico. Perché sono voluti entrare proprio qui? Perché non hanno scelto un altro pezzo del corteo?" Non lo so, francamente. Qualcuno mi dice pure che il camion dei Disobbedienti si era messo "in mezzo" come a "proteggere" il segretario dei Ds, per non farlo vedere, insomma. Insomma, quelli che erano lì - per la precisone due signori di circa 50 anni, tre ragazzi non romani - hanno minimizzato. Poi leggo i giornali, ieri, oggi e leggo altre storie. Un "gesto" che monta, al di là di ogni testimonianza. Addirittura Lama, addirittura il profondo solco della sinistra. Solidarietà del Governo a Fassino. Polemiche a non finire: il movimento deve fare chiarezza, la sinistra si divide... Un vero e proprio incubo mediatico. Perché si vuole dare dignità politica a questa polemica? Chi deve fare i conti con chi? Come mai Rutelli e altri espontenti del variegato mondo del centrosinistra hanno partecipato tranquillamente al corteo?
Come è stata costruita questa vicenda? Non dovremmo lanciare un segnale all'informazione cosidetta "libera" di questo paese? Non dovremmo dire che ci interessa di più parlare del ritiro delle truppe e comunque dell'Iraq e della guerra che non del regolamento di conti interno alla sinistra? Certo, visto che le manifestazioni nel mondo sono state un successo e non c'è verso, dunque, di additare nessuno al pubblico ludibrio, i giornali si buttano sui ds, Diliberto, i verdi, Casini, commentano, pontificano, celebrano e soprattutto chiedono scomuniche (e questo si addice bene alla nostra tradizione politica).
Non cadiamo in questa trappola. Non lo facciamo. Il mezzo violenza è già stato allontanato da questo movimento, quello che c'era da dire è stato detto. Proviamo a dire altro, proviamo a premere sull'informazione, sui giornali. Se inondiamo di email i parlamentari facciamolo anche di più con le redazioni. Creiamo catene di posta, scriviamo ai direttori lettere circolari chiedendo un'informazione migliore (che serve, eccome, per un mondo migliore), facciamo delle liste di gradimento delle notizie e facciamole firmare dai cittadini, dalle associazioni. Anche per l'informazione adottiamo un consumo critico. Come con la spesa, facciamo le nostre "notizie per la Pace". E facciamolo sapere in giro.

Articoli correlati

  • Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari
    Laboratorio di scrittura
    Attenzione a non diffondere notizie "tendenziose" che possano "deprimere lo spirito pubblico"

    Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari

    Se un pacifista distribuisce ai militari dei volantini che "recano nocumento agli interessi nazionali" viene condannato a una pena non inferiore a quindici anni. Non è una legge della Russia di Putin ma l'articolo 265 del codice penale, ancora in vigore in Italia, sul "disfattismo"
    8 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile
    Pace
    Eirenefest: non solo una fiera di libri, ma soprattutto un ambito di convergenza

    Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile

    Mancano pochi giorni al via del primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza, un mega evento che si terrà a Roma dal 2 al 5 giugno prossimi: un tentativo di sfidare le radici della guerra - egoismo, violenza, sopraffazione - coltivando, tutti insieme, una convergenza di valori opposti.
    22 maggio 2022 - Olivier Turquet
  • Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina
    Conflitti
    Scomparsi i negoziati e la parola "pace"

    Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina

    Il discorso pubblico sulla guerra in corso si va modificando in modo rapido e sostanziale ma, al contempo, poco visibile e perciò “indolore”. Questi cambiamenti così rilevanti raramente sono oggetto di discussione in quanto tali e questo può contribuire a renderli invisibili ai nostri occhi.
    1 maggio 2022 - Daniela Calzolaio
  • Pace proibita? Esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo protestano
    Pace
    Un evento di Santoro e Vauro, dal vivo e in streaming

    Pace proibita? Esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo protestano

    Michele Santoro e Vauro Senesi riuniscono in nome della pace, lunedì prossimo (2 maggio) alle ore 21, esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo per "opporsi alla deriva verso il pensiero unico e la resa dell’intelligenza" davanti agli orrori della guerra in corso in Ucraina.
    28 aprile 2022 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)