Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

PATRIA, Rivista dell'ANPI Nazionale, presenta:

Don Andrea Gallo, Come un cane in Chiesa. Il Vangelo respira solo nelle strade, Edizioni PIEMME, Milano 2012

Libro di DON ANDREA GALLO. Illustrazioni di VAURO SENESI. A cura di GIANNI DI SANTO. Edizioni PIEMME, Milano 2012
Laura Tussi25 febbraio 2014

L'appello di Don Andrea Gallo al primato della Coscienza Personale, contro quella "religione oppiacea", che è “un anestetico sociale che assume le forme della politica quando diventa rassicurazione propagandistica” che serve all’uomo per anestetizzarsi...

COME UN CANE IN CHIESA.

IL VANGELO RESPIRA SOLO NELLE STRADE

Libro di DON ANDREA GALLO

Illustrazioni di VAURO SENESI

Recensione di LAURA TUSSI

A cura di GIANNI DI SANTO

Edizioni PIEMME, Milano 2012

 

Con il Presidente della sezione ANPI di Nova Milanese, Fabrizio Cracolici, abbiamo più volte organizzato eventi con il caro amico Don Andrea Gallo e il suo celebre “staff” di collaboratori della comunità di San Benedetto al Porto di Genova. Don Andrea Gallo è innanzitutto un partigiano e un prete di strada, di marciapiede, alternativo e rivoluzionario, non solo all'interno della Chiesa, ma soprattutto nella società, perché promuove e mette in pratica i principi del Vangelo e della Costituzione. L'ultimo libro di Don Andrea Gallo dal titolo “Come un cane in chiesa. Il Vangelo respira solo nelle strade”, illustrato abilmente e in modo sagace da Vauro, traduce le parole ribelli del Vangelo contro il cristianesimo di facciata, per predicare il Gesù di tutti, per una Chiesa povera e non gerarchica, per un'autentica “ecclesia”, l’assemblea dal basso, una Chiesa vicina a chi soffre, dove gli umili, i diversi, gli ultimi, gli emarginati ci precederanno nel regno dei cieli, ma soprattutto su questa terra, perché Don Gallo, intesse in queste alte pagine dal potere rivoluzionario, di spinta propulsiva al cambiamento dal basso, l'elogio della diversità, per un'etica laica condivisa, oltre le traduzioni che distorcono la Bibbia.

Don Andrea Gallo, Laura Tussi e Fabrizio Cracolici

Le Beatitudini citano “Beati gli operatori di pace” e sia felice chi semina la pace, mentre siano infelici i vescovi con le stellette militari e i vari “sepolcri imbiancati” dei nostri giorni. Abbiamo solo un modo per abbattere il potere e l’ignoranza, ossia l'attuazione del Vangelo e lo strumento della Costituzione, tramite la solidarietà sociale, l'impegno civile, lo spirito fraterno e solidale, la fratellanza reciproca e il dovere civico, contro il potere che nasconde la verità, in cerca di un lessico della speranza per dare voce a chi non ha voce e superare l'odio verso il proprio simile e il dissimile, l'avversità nei confronti del fratello, e sedersi a tavola con gli ultimi, senza tornaconto, superando la solidarietà assistenziale, per rilanciare l'etica autentica della vera e sincera condivisione, sia nella Chiesa sia nella società, che devono ascoltare il grido dei poveri, oltre il perbenismo cattolico di facciata dei baciapile ad oltranza. Una spinta verso il cambiamento per superare i rottami del berlusconismo deve porre anche in rilievo la questione femminile per una rivoluzione femminista e nonviolenta dal basso, per non giudicare mai, nell'accoglienza fraterna, nel perdono a oltranza, perché gli altri siamo noi ed è necessario amare il prossimo: siamo noi stessi. Il filosofo Emmanuel Lévinas affermava che il viaggio dell'esistenza e della costruzione di sé avviene nell'incontro con l'altro, con la donna, l'uomo e Dio, nell'amore di sé come Bene Comune da condividere e ripartecipare con l'altro, tramite il corpo, il desiderio, l'amore. L'unico peccato è la mancanza d'amore. La reciproca umanità aiuta a riconoscere la verità dell'altro, nella dedizione senza tornaconto, nell'amore “a perdere”, per riedificare una spiritualità dell'uomo contemporaneo che vive il travaglio dell'esistenza, l'ansia della vacuità dell'essere, per superare l'idolatria dell’io, la supremazia dell’ego, il dolore di esistere, per riuscire ad abitare il presente, superando muri caratteriali e barriere ideologiche, oltre l'oppio dei popoli, tramite lezioni di laicità e fedeltà al Vangelo autentico, scindendo le due entità, Stato e Chiesa, oltre l’assurdità del potere secolare e temporale, al fine di transitare dall'obbedienza cieca che rende servi, vili e ottusi all'autenticità dell'amore, della verità, della forza delle idee, nella dedizione all'altro da sé, in cui la diversità è paradigma e imprescindibile prerogativa dell'umano, da ripartecipare con gli altri e per gli altri, nelle attività sociali, nell'associazionismo culturale, nell'impegno etico e civile, per attualizzare gli alti ideali contenuti nel Vangelo così come nella Costituzione, gli emblematici principi della giustizia sociale, dell'attuazione dei diritti umani e della Pace.

Note: su ILDIALOGO.org:
http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/cultura/Recensioni_1391030485.htm

su Lib(e)roLibro:
http://www.liberolibro.it/don-andrea-gallo-come-un-cane-in-chiesa/

Allegati

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)