Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Aiutare il Madagascar... con gli zebu

    Il modo migliore per sostenere i paesi in via di sviluppo, lo sappiamo, non è fornire aiuti sporadici ma realizzare progetti che influiscano positivamente sulla qualità di vita quotidiana delle persone. E’ in questa prospettiva che si colloca l’originale idea dell’associazione ZOB – Zebu Overseas Board, che propone una forma di investimento nello sviluppo molto concreta e tangibile: gli zebu.
    10 aprile 2006 - Chiara Rancati
  • Iniziativa umanitaria

    Il Madagascar resta solo: addio speranza?

    Una missionaria, suor Maria Messina, di Giarre (Ct) appartenente all’ordine Sacro Cuore, lì da 40 anni, ha conosciuto il dottor Lalasoa che lancia un appello.
    24 ottobre 2005 - Concita Occhipinti
  • Voandalana
    Resoconto di un viaggio iniziato senza sapere esattamente a cosa sarei andata incontro

    Voandalana

    Il frutto del viaggio
    18 aprile 2005 - Paola Maccioni
Ciclone "Gafilo"

Diamo voce alla tragedia del Madagascar

Gabriella Patriziano sottolinea l’indifferenza dei media italiani nei confronti della situazione del popolo malgascio, colpito duramente dal ciclone "Gafilo". Un aggiornamento sulla situazione degli aiuti è su
http://www.donboscoland.it/gruppo/vissanmarco/missioni/PVS/mdg_210304.htm
http://www.donboscoland.it/gruppo/vissanmarco/missioni/PVS/mdg_190304.htm
http://portalecattolico.it/modules.php?name=News&file=article&sid=8039
25 marzo 2004 - Gabriella Patriziano

Volevo porre alla vostra attenzione l’immane tragedia che è in corso nel nord del Madagascar dovuta al passaggio del ciclone "Gafilo" il cui bilancio, purtroppo ancora provvisorio, è di 70 morti e oltre 16mila senza tetto.

Trovo assurdo che nessuna testata giornalistica o programma o rubrica che sia ne abbia parlato, o almeno abbia accennato la cosa, forse perché non ci sono interessi petroliferi o altre risorse commerciabili e sfruttabili? Ci preoccupiamo sono di quei paesi da cui è possibile ricavare qualcosa? Non lo so… È una notizia che mi ha profondamente sconvolta.

Sono stata in Madagascar, proprio nel villaggio più colpito dal ciclone - Bemaneviky - con un’associazione di volontariato internazionale, e il pensiero di questa tragedia taciuta mi ferisce profondamente. Di cosa ci preoccupiamo? Non riusciamo ad andare oltre il nostro naso mentre in questo momento ci sono circa 200 persone senza acqua potabile né viveri che stanno aspettando lentamente di morire.

Stiamo calpestando, con la nostra indifferenza, i diritti umani e soprattutto uno dei diritti fondamentali, quello alla dignità, di questa popolazione. L’opinione pubblica deve fare qualcosa. Noi tutti, in quanto uomini dobbiamo fare qualcosa. È un dovere morale. E invece non si fa niente.

Per seguire ciò che accade nell’isola è possibile far riferimento al sito dell’agenzia Misna. Se è possibile, chiedo di far circolare le notizie del disastro malgascio. Mettiamo in moto la rete di solidarietà (la rete lillipuziana) di cui parla tanto il caro padre Zanotelli!


Note:

http://www.misna.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)