Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Presidenti coraggiosi

Berlusconi va a Nassirya? No: "Ritengo più utile stare qui a lavorare piuttosto che fare un giro dimostrativo".

27 marzo 2004 - Redazione

«Avevo programmato di fare visita ai militari italiani per lo scorso 31 dicembre poi i vertici militari mi hanno sconsigliato, insistendo molto, di non andare»; ma oggi «non sento alcun bisogno di fare visita» alle truppe italiane se deve essere «una azione dimostrativa e retorica». Con queste parole il premier Silvio Berlusconi da Bruxelles ha annunciato che non andrà nè a Nassirya, nè a Baghdad rivelando che in precedenza aveva cercato di organizzare un viaggio più completo che, oltre all'Iraq, lo avrebbe dovuto portare anche in Afghanistan e in Kosovo. «Alla fine ritengo più utile stare qui a lavorare piuttosto che fare un giro dimostrativo». A chiusura del Consiglio europeo di Bruxelles il premier italiano Silvio Berlusconi ha rivendicato ancora la necessità di rimanere in Iraq, spiegando che le missioni internazionali servono anche ad accrescere il ruolo dell'Italia e il suo «prestigio» internazionale. L'Italia non ha più «complessi d'inferiorità» in Europa, prende delle «posizioni» autonome — che possono anche comportare l'essere fuori da incontri e riunioni tra altri Paesi — come quella di andare in Iraq, rispetto alla quale «sono assolutamente tranquillo e sereno» di aver fatto «la scelta giusta».

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate
    Disarmo

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov
    Pace

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
    Pace

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.2 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)