Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Daniele Biacchessi: contributo culturale al Libro "Il Dialogo per la Pace. Pedagogia della Resistenza, contro ogni razzismo" MIMESIS, 2014

Laura Tussi20 novembre 2014

Daniele Biacchessi, Presidente dell'Associazione Arci - Ponti di Memoria

Laura Tussi non è una storica, è una pedagogista.

E affronta i temi della memoria, della pace, del razzismo con altri occhi.

Le sue analisi partono da lontano, dal novembre 1938 quando tutto ebbe inizio.

Perché le leggi razziali emanate dal regime fascista rappresentano uno snodo importante per comprendere l’evoluzione dei comportamenti degli italiani, anche in tempi più recenti.

Dunque nel 1938 il fascismo ormai da anni diventato regime diventa complice operativo dei nazisti nello sterminio di milioni di ebrei.

Italiani adulti in camicia nera contro bambini italiani marchiati come ebrei, esattamente come accaduto in tutti i paesi occupati dalle truppe di Hitler e “governati” da regimi collaborazionisti come la Repubblica di Vichy di Philippe Pétain in Francia, i regimi fantoccio filonazistidi Vidkun Quisling in Norvegia, di Josef Tiso in Slovacchia, di Ferenc Szálasi in Ungheria, di Ion Victor Antonescu in Romania.

E tutto questo accadeva nell’indifferenza generale degli italiani, come già sottolineato vent’anni prima da Antonio Gramsci nel suo “Odio gli indifferenti” del 1917.

Passare dall’intolleranza al razzismo diffuso è stato un attimo.

Dalle teorie strampalate sulla razza si è passati, come la Storia insegna, ai fatti.

E la lezione sembra non sia servita.

Sull’ Europa e sull’Italia afflitta dalla più grave crisi economica dal dopoguerra ad oggi, incombe un pericolo assolutamente sottovalutato dalle istituzioni nazionali e internazionali. E’ il risorgere in più parti d’Europa di gruppi e partiti che si ispirano apertamente alle teorie naziste, fasciste e razziste.

Il caso più grave è l’attacco attuato dal terrorista di destra Anders Behring Breivik, il 22 luglio 2011, contro il quartier generale del governo norvegese a Oslo,  contro il campeggio estivo della Gioventù laburista, contro la popolazione civile. 80 morti, decine di feriti.

In Gran Bretagna il British National Party è stimato intorno al 6,2% del corpo elettorale. In Germania l’NPD, Partito Nazionale Democratico tedesco, raccoglie 5mila iscritti e nella sola Sassonia raccoglie consensi intorno al 9.2%. In Francia il Front National di Le Pen cresce di elezione in elezione. In Ungheria, il principale partito di estrema destra Jobbik  alle elezioni europee del 2009 ha ottenuto il 14,7% e 3 seggi a Strasburgo. Gruppi neonazisti operano in tutta la Germania, in Estonia, Lituania, Olanda, Svezia, Norvegia. Hanno le loro divise, i loro raduni, le band di rock che cantano i loro inni, si fanno fotografare con svastiche naziste davanti all’ingresso del campo di concentramento di Dachau, incitano stragi contro oppositori politici, ebrei e magrebini sul profilo di Facebook del terrorista Breivik, ineggiano al ritorno del Terzo Reich, fanno saluti romani.

E in Italia? L’estrema destra italiana è composta da gruppi e correnti molto diverse, alcuni attivi, altri disciolti. C’è il Movimento Sociale Fiamma Tricolore, c’é La Destra di Francesco Storace, ci sono i gruppi del nuovo fascismo, i fanatici della destra radicale xenofoba e razzista come Forza Nuova, Casa Pound, Movimento Fascismo e Libertà, Militia, Movimento Idea Sociale. Ci sono le frange più oltranziste della Lega Nord.

La vera emergenza è la deriva di alcuni militanti. Gianluca Casseri, il killer dei due senegalesi uccisi a Firenze il 13 dicembre 2011, frequentava abitualmente le sedi toscane di Casa Pound. Anche in Italia il pericolo di un ritorno della violenza xenofoba è a dir poco sottovalutato. Come sono ritenute mero folklore i deliri quotidiani dell’eurodeputato leghista Mario Borghezio che definisce eroi il criminale internazionale Mladic e il terrorista norvegese Anders Behring Breivik, che nega sia mai esistita la strage di Sebrenic, che inneggia all’eroismo di Gheddafi. Borghezio parla dai microfoni della radio, partecipa a surreali dibattiti televisivi, detta le sue dichiarazioni ai giornalisti delle agenzie e dei quotidiani che lo stanno ad ascoltare.

Per questo fa bene Laura Tussi a offrire punti di vista diversi.

Per non dimenticare.

Articoli correlati

  • Prevenire la guerra
    Pace
    Lo scopo del movimento pacifista fu sempre quello di prevenire la guerra

    Prevenire la guerra

    Qualche anno dopo l’avvento di Hitler, la maggioranza della sinistra continua a credere che la pace possa essere mantenuta soprattutto attraverso le politiche di sicurezza collettiva e del disarmo, fino alla regolazione internazionale delle controversie
    5 settembre 2021 - Laura Tussi
  • La pace, impossibile?
    Pace
    Il pacifismo inglese e non solo attinse forza dal ricordo degli orrori della prima guerra mondiale

    La pace, impossibile?

    “Mai più guerre” fu lo slogan con il quale molti si identificarono per lo stretto rapporto intrattenuto di persona con la sofferenza e la morte provocata dalla guerra
    1 settembre 2021 - Laura Tussi
  • Contro l’intolleranza
    Pace
    Gli ideali illuministi: risposta e alternativa alle strategie inquisitoriali

    Contro l’intolleranza

    Nella Spagna del Settecento, i resoconti dei viaggiatori concordano nella descrizione di una chiesa intollerante, caratterizzata dalla persistenza di forme di religiosità barocche e da una forte presenza dell’inquisizione
    29 agosto 2021 - Laura Tussi
  • Pace a colori
    Pace
    Illustrazioni, manifesti e disegni di dossier che trattano di conflitti e pace

    Pace a colori

    Proprio nel poter confrontare le innumerevoli soluzioni grafiche proposte nei vari dossier che trattano di conflitti e pace e guerre nel mondo è facile osservare subito alcuni fattori dominanti come il ricorso massiccio a simboli universalmente riconosciuti
    27 agosto 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)