Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Dvd/Libro a cura di Fabrizio Cracolici e Laura Tussi:

Archivio Storico di Nova Milanese -Giovanni Pesce. Per non dimenticare, Mimesis 2015

Con i contributi di Vittorio Agnoletto, Daniele Biacchessi, Ketty Carraffa, Moni Ovadia, Tiziana Pesce
Laura Tussi7 giugno 2015

Tutti insieme e uniti nell'impegno costante per la Pace contro ogni fascismo

Aprile 1983 - Intervista a Giovanni Pesce

Nella sede dell'ANPI Provinciale di Milano, parla un inedito Giovanni Pesce, Comandante Partigiano, che lancia messaggi profetici sul futuro dell'Antifascismo e della Pace, nel nostro Paese e nel mondo, partendo dalla propria esemplare storia di vita:

 

"...Essere consigliere nazionale ANPI e far parte di questa associazione, l'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, che raccoglie e unisce la stragrande maggioranza dei Partigiani significa continuare, attraverso l'attività politica e organizzativa, a difendere gli ideali della Resistenza e a denunciare di fronte all'opinione pubblica gli scandali, la corruzione, quanto sta avvenendo nel nostro Paese, ma soprattutto, attraverso la nostra associazione, lottare per portare a compimento gli ideali della Resistenza. Ma credo che l'attività principale dell'ANPI è quella oggi di far rivivere lo spirito dell'unità antifascista, di far rivivere lo spirito della Resistenza, per impegnare tutte le forze politiche a lottare con più convinzione e denunciare il pericolo di guerra. Una denuncia per coloro che fomentano la guerra, per coloro che attraverso il terrorismo, le bombe, l'energia nucleare, vorrebbero scatenare il terzo conflitto mondiale. Il nostro scopo è soprattutto quello della lotta per la Pace.

Credo che l'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia ha posto come obiettivo la lotta per la Pace. Denunciare tutte le illegalità e i soprusi che avvengono nel mondo. Siamo stati in prima linea, per la solidarietà insieme alla lotta del popolo spagnolo contro il franchismo, in Grecia contro i colonnelli, nell'America Latina, durante i fatti del Medio Oriente e in altri Paesi. Credo che questo aspetto sia molto importante: essere sempre coerenti con gli ideali della Resistenza, che pur allora, anche se ci furono dissidi, attriti, incomprensioni, c'era sempre un comune denominatore. Allora era la lotta contro il nazismo e il fascismo, per liberare il nostro Paese, oggi è la lotta contro coloro che vorrebbero impedire di portare a compimento gli ideali per cui noi abbiamo lottato e abbiamo combattuto e per cui sono morti centinaia e migliaia di compagni..."

Fonte: Archivio Storico Città di Nova Milanese 

 

 

 

Articoli correlati

  • L'eccidio di Fondotoce del 20 giugno 1944
    Pace
    Fondotoce è una frazione di Verbania in Piemonte, lì sorge il “Parco della Memoria e della Pace”

    L'eccidio di Fondotoce del 20 giugno 1944

    Vennero fucilati 43 partigiani vicino al canale che congiunge il Lago di Mergozzo al Lago Maggiore. Ogni vittima ha donato la vita per la Pace e i diritti umani. Ora spetta a noi non vanificare il loro sacrificio e proprio per questo non li possiamo dimenticare.
    19 giugno 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
  • Massimo Sani: la Storia in Televisione 
    Cultura
    Recensione

    Massimo Sani: la Storia in Televisione 

    Quaderno n. 9 della serie «Inquadrature» a cura di Paolo Micalizzi. Comune di Ferrara - Servizio Manifestazioni Culturali e Turismo. Con il patrocinio del Comune di Ferrara: città patrimonio dell’umanità. Pubblicazione a cura della casa editrice Este Edition, aprile 2019
    16 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Il Delitto Matteotti: un'analisi sul pericolo per le democrazie
    Pace
    Un martire della libertà di pensiero

    Il Delitto Matteotti: un'analisi sul pericolo per le democrazie

    Fu rapito il 10 giugno 1924, il giorno in cui avrebbe dovuto denunciare in Parlamento la corruzione del governo Mussolini per una vicenda di tangenti per la concessione di estrazione del petrolio alla compagnia americana Sinclair Oil
    9 giugno 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
  • L’attivismo per la Palestina
    Palestina
    Un popolo distrutto dallo strapotere di un governo occupante e criminale

    L’attivismo per la Palestina

    Gaza vive ancora grazie a questo Mosaico di Pace attivista e alle tante associazioni filopalestinesi che spendono e dedicano la vita a una causa nobile come è la sopravvivenza ed esistenza del popolo palestinese e di tutti i popoli del mondo, nel filo rosso dell’amore per l’umanità intera
    2 giugno 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)