Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Genocidi in Africa: “Per Non Dimenticare”

    Genocidi in Africa: “Per Non Dimenticare”

    Articolo realizzato in collaborazione con Raffaele Masto, scrittore, giornalista e conduttore radiofonico italiano
    22 giugno 2015 - Laura Tussi
  • Liberate Francesco
    Dal 14 agosto è stato rapito

    Liberate Francesco

    Mobilitiamo l'opinione pubblica per la liberazione di Francesco Azzarà, l'operatore umanitario di Emergency rapito in Sudan. Ci sono persone che decidono di dedicarsi al prossimo in maniera totale. Francesco è uno di questi
    22 ottobre 2011 - Associazione PeaceLink
  • Domani torno a casa. Grazie ad Emergency
    Un film diretto da Fabrizio Lazzaretti e Paolo Santolini

    Domani torno a casa. Grazie ad Emergency

    Murtaza (un bambino afghano) e Yagoub (un ragazzo del Sudan) sono i due protagonisti del documentario
    21 aprile 2010 - Lidia Giannotti
  • Newsletter n° 40 15 settembre 2009

    «Un trattato non basta: non dobbiamo mai dare per scontato che gli impegni presi sulla parola e quelli firmati su un pezzo di carta siano veramente mantenuti. Costruire la pace in Sudan è un'operazione a lungo termine». Marina Peter in Scommessa Sudan, 2006

10 anni di ritardo La Comunità Internazionale lamenta il genocidio in Rwanda mentre il genocidio nel Sudan Occidentale raggiunge il culmine

6 aprile 2004 - Associazione per i popoli minacciati / Gesellschaft für bedrohte Völker


In occasione del decimo anniversario in Rwanda il Presidente
dell'Associazione per i Popoli Minacciati (APM) Internazionale Tilman Zülch
solleva gravi accuse: "Mentre la comunità internazionale ricorda il
genocidio in Rwanda e lamenta di non essere intervenuta in tempo per salvare
la minoranza Tutsi, il genocidio nel Sudan Occidentale raggiunge il culmine.
Davanti agli occhi del mondo vengono commessi crimini terribili, denunciati
solo da pochi giornalisti e attivisti per i diritti umani. C'è invece
bisogno di un intervento immediato di truppe internazionali per la pace che
ponga fine al genocidio perpetuato dall'esercito sudanese e dalle milizie
arabe contro la popolazione africana di Fur, Masaalit e Zaghawa nel
Darfur/Sudan Occidentale. Come in Rwanda, anche qui le conseguenze
potrebbero essere tragiche: un milione di persone rischia la morte per fame
poiché il governo sudanese usa la fame come mezzo di guerra in completo
disprezzo del diritto umanitario dei popoli. Centinaia di migliaia di
persone sono in fuga.

In particolare l'APM accusa il governo sudanese e le milizie arabe di:
- messa in fuga di almeno 800.000 persone
- uccisioni di massa
- bombardamento di civili, di villaggi e città, di campi profughi
- rapimento di bambini
- saccheggio e furto di bestiame
- distruzione sistematica di centinaia di villaggi
- distruzione di pozzi e fonti di acqua potabile
- appiccare fuoco a raccolti e sementi
- rifiuto di prestare aiuti umanitari e medici per i sopravvissuti.

Da anni l'APM si rivolge alle multinazionali del petrolio mettendole in
guardia dall'estrarre l'oro nero nelle zone di guerra tra il regime arabo di
Khartum e la popolazione africana nel Sud-Sudan, dove oggi migliaia di
persone sono in fuga dalla guerra. Ora il Sudan compra, con i proventi del
petrolio, elicotteri e armi pesanti che usa contro la popolazione civile.
L'APM ricorda che 40 anni di campagne militari del regime di Khartum sono
costate la vita a 2,5 milioni di Sudsudanesi e Nuba. Senza un intervento
esterno anche questa volta Khartum porterà a termine il genocidio nel Sudan
Occidentale.

Vedi anche:
* www.gfbv.it: www.gfbv.it/2c-stampa/04-1/040114it.html |

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)