Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

APPELLO:

Bastaguerrafredda: stop sanzioni alla Russia!

1 luglio 2016 - Laura Tussi

BastaGuerraFredda: Stop sanzioni alla Russia!

Bastaguerrafredda: stop sanzioni alla Russia!

22.06.2016 - Alfonso Navarra

Con il missionario comboniano Alex Zanotelli, abbiamo elaborato, noi “disarmisti esigenti”, un appello che vi indirizziamo contro il rinnovo delle sanzioni UE alla Russia, e comunque contro la loro ratifica ed applicazione; rinnovo che il governo italiano, pur manifestando come sempre perplessità, rivendicando decisioni politiche e non automatiche e prestandosi alle aperture economiche di Putin, si accinge a confermare. E’ già stata rinnovata una parte di sanzioni, quella che riguarda l’annessione della Crimea. Un comunicato del Consiglio europeo, il 17 giugno 2017, ci ha fatto sapere che la decisione è stata presa da una riunione “tecnica” di ambasciatori. D’altro canto, la parte più consistente di misure restrittive, cioé quelle più specifiche sulla crisi Ucraina, ci informa il SOLE 24 ORE del 22 giugno 2016, cioè di oggi, è stata già confermata, fino al dicembre 2016, sempre “a livello diplomatico”, a Bruxelles, ieri, cioè il 21 giugno. 

(Si vada su: http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2016-06-22/la-ue-rinnova-sanzioni-mosca-063723.shtml?uuid=ADthBog)

Leggiamo sull’articolo a firma di Beda Romano: “(La decisione di rinnovare per altri 6 mesi le sanzioni – ndr) verrà avallata nelle prossime settimane a livello politico (…). L’Italia ha chiesto che i capi di Stato e di governo (nel Consiglio UE del 28 e del 29 giugno 2016 – ndr) si impegnino a monitorare la situazione in vista anche di un dibattito politico in ottobre. (…) A Francia e Gran Bretagna il posticipo è comodo per poter informare il loro Parlamento. Non è chiaro quando avverrà l’approvazione politica, se prima o dopo il summit (di giugno – ndr). Non è neppure chiaro se l’Italia otterrà il paragrafo nelle conclusioni del prossimo consiglio europeo. «Non tutti sono d’accordo per inserire la questione nel documento, a iniziare dal presidente del Consiglio europeo Donald Tusk», spiega un diplomatico. Ciò detto, è in corso una riflessione tra i Ventotto se mantenere le sanzioni per molto tempo“.

La lettera sotto riportata vi viene spedita questa mattina per lasciarvi il tempo per qualche eventuale iniziativa a livello istituzionale che riteniate opportuna in questi giorni, se possibile  prima del 28 e 29 giugno. Ma per noi la raccolta di firme continua anche dopo la scadenza di giugno – è spiegato nell’ultimo capoverso dell’appello: intendiamo darci da fare evitare il peggio di una nuova guerra fredda che può sfociare anche in guerra nucleare.

Considerate la presente uno strumento che ci siamo dati per organizzare la pressione dal basso per ottenere l’auspicabile unificazione delle mozioni dei gruppi parlamentari contro le sanzioni alla Russia; così come abbiamo concretamente avuto un voto della Camera dei deputati per inserire il “diritto al disarmo nucleare” nella Carta dei diritti dell’Umanità che, preannunciata alla COP 21 di Parigi, verrà presentata alla prossima Assemblea generale dell’ONU.

 

IL TESTO DELLA LETTERA- APPELLO    (VAI SU www.petizioni24.com/bastaguerrafredda)

Care e cari deputate e deputati, senatrici e senatori

Noi sottoscritti vi chiediamo di trovare la strada affinché siano revocate e comunque non ratificate (ed a maggior ragione applicate) le sanzioni economiche contro la Russia imposte da Unione Europea e Usa, che (forse, non si sa bene!) andrebbero in discussione, almeno nella parte relativa alla crisi Ucraina, al Consiglio UE che è ufficialmente fissato per il 28 e 29 giugno pv. La reazione che vi sollecitiamo è sicuramente condivisa dalla più ampia opinione pubblica per ragioni economiche. Ma noi vi chiediamo di non considerare solo l’ import-export abbattuto, che pure ha danneggiato in particolare l’Italia: sensibili alle ragioni della pace, del disarmo, dell’ecologia, della giustizia sociale, riteniamo sbagliato alimentare in qualsiasi modo una nuova Guerra Fredda. Una logica di confronto armato sarebbe il clima meno propizio per l’affermazione, ad Est ma anche ad Ovest, di dinamiche di libertà e di rispetto dei diritti umani, quale che sia il vostro giudizio sulle varie responsabilità nella crisi Ucraina e sulla qualità democratica degli assetti politici in Russia. Il dialogo con la Russia è senza dubbio importante per potere lavorare ad un mondo più pacifico, con le Nazioni cooperanti sui veri problemi globali che affliggono l’Umanità, cioè prioritariamente il pericolo nucleare, il riscaldamento climatico e la finanziarizzazione separata dall’economia reale; e l’Italia per tradizione può inserirsi nella ricerca di soluzioni comuni ai vari conflitti da una posizione privilegiata: tutte le nostre autorità istituzionali e governative e tutta la nostra politica rappresentativa ha sempre, in sostanza, ritenuto inutili e dannose queste sanzioni e lo ha espresso più volte pubblicamente. Non permettiamo quindi che il rinnovo delle sanzioni avvenga con decisione burocratica ed automatica e per nulla trasparente rispetto alla responsabilità delle organizzazioni internazionali, ma anche rispetto alla responsabilità nazionale. Considerate anche il fatto che un voto esplicito del nostro Parlamento può fare saltare tutta l’operazione di restrizioni sanzionatorie, dato che l’applicazione UE delle sanzioni esige l’unanimità del consenso degli Stati membri! Con la Federazione Russa possiamo, da italiani ed europei, aprire un serrato confronto per porre sul tavolo ad esempio l’obiettivo comune dell’attuazione degli accordi di Parigi sul clima: una conversione energetica ed ecologica (ed il gas russo ci sarà sicuramente utile nella transizione) è da perseguire insieme con una rivoluzione industriale ed economica che sperimenti una vera modernizzazione sostenibile nell’interesse di tutti. Problemi di questa portata strategica e con tante implicazioni non solo geopolitiche ma anche nella vita quotidiana delle persone dovrebbero essere affrontati attraverso dibattiti democratici e trasparenti, con almeno la discussione ed il voto nelle aule parlamentari: sollecitiamo la consapevolezza che la democrazia praticata qui ed ora è la via per la democrazia universale, la pace metodologica qui e ora è la via per la pace sostanziale del futuro comune.

Da parte nostra di sottoscrittori l’impegno è per un lavoro che vada oltre la scadenza immediata di giugno, per una promozione ad ogni livello di un dibattito pubblico serio, che contrasti gli automatismi di pensiero e di comportamento: è stupido venire trascinati, per pigrizia e mancanza di coraggio, in dinamiche da logiche della potenza che, anche con le migliori intenzioni, possono sfuggire di mano e finire persino per precipitarci in un conflitto nucleare “per incidente, per caso o per errore”!

Primi Firmatari già in elenco della lettera-appello:

Alex Zanotelli, Alfonso Navarra, Antonia Sani, Giovanna Pagani, Luigi Mosca, Alberto L’Abate, Angelo Baracca, Guido Viale, Lidia Menapace, Alessandro Marescotti, Laura Tussi, Fabrizio Cracolici, Giuseppe Bruzzone, Olivier Turquet, Giovanni Sarubbi, Tiziana Pesce, Joachim Lau, Tiziano Cardosi, Patrick Boylan, Marinella Coreggia, Marco Romoli, Bruno Steri, Marina Minicuci, Amalia Navoni, Giuseppe Zambon, Maria Gabriella Guidetti, Paolo D’Arpini, Ireo Bono, Sandra Cangemi,  Rina Zardetto, Elena Beltrame, Rosangela Pesenti, Anita Fisicaro, Paola Slaviero, Francesco Cavezzale, Corrado Claut, Giuseppe Tona, Antonio Cusimano

 Informazioni sull'Autore:

Alfonso Navarra

Alfonso Navarra si definisce "antigiornalista" un impegno molto più gravoso  di quello che tocca ad un "giornalista" qualsiasi: occuparsi delle "non notizie", vale a dire della ricerca della verità oltre i fatti  atomizzati (e valutati secondo i criteri della "novità", della "eccezionalità", della capacità di suscitare polemiche). Di ciò che è  strutturale, e non effimero, di ciò che è collegato al tutto, e non preso a sé stante. Di ciò che dovrebbe interessare l'essere umano in quanto tale, nella sua complessità sociale, e non in quanto "singolo" categorizzato nelle stratificazioni sociali stabilite dal "sistema della potenza e del profitto". E’direttore del periodico "Difesa-ambiente" e, da "storico" obiettore di coscienza ed avanzo di galera per motivi politici ("il posto giusto per gli uomini giusti in un sistema ingiusto"), sforna saggi antinucleari e per il disarmo e la pace. Nel lavoro di ricerca, per unire la critica all'ingiustizia al programma costruttivo, dà grande importanza alla collaborazione con l'Associazione Energia Felice. La svolta decisiva della sua vita avvenne nel 1978 quando fu assassinato Peppino Impastato: bisognava proseguire la resistenza alla mafia in quanto sistema di potere e continuare a lottare per "rivoluzionare" la società, ma optando non per la lotta armata (come fecero allora molti 68ini accaniti), bensì per la cultura, la strategia ed il metodo della nonviolenza.  Si unisce allora alla Lega Obiettori di Coscienza ed alla Lega per il Disarmo Unilaterale di cui è tuttora animatore instancabile.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)