Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Iraq, c'è chi dice no

Le famiglie dei soldati a Bush: tornino a casa

Le famiglie dei militari Usa hanno fondato un'organizzazione di familiari di circa 1500 soldati di stanza in Iraq. Hanno deciso di inondare la presidenza degli Sati Uniti di lettere ed e-mail di protesta.
17 aprile 2004
Red

Mentre in Italia i genitori degli ostaggi soffrono dolore o ansia, e' stato rapito un soldato USA, perfettamente riconoscibile in un video trasmesso da Al Jazira. (1)

Cio' non fara' che acuire la pressione su Bush da parte di alcune famiglie dei soldati distaccati in Iraq, le quali reclamano il ritorno a casa dei loro cari. Esse si sono opposte all'occupazione in Iraq, ed hanno dimostrato l'altroieri di fronte alla Casa Bianca, per chiedere al presidente Bush l'immediato rimpatrio dei soldati, proprio mentre si stabiliva di prolungare la ferma per 20000 per altri tre mesi.

Addirittura le famiglie dei militari hanno fondato un'organizzazione di familiari di circa 1500 soldati di stanza in Iraq e che hanno lasciato a casa mogli e figli. Alcune famiglie hanno potuto gia' riabbracciare i propri cari l'anno scorso, ma altre non sono state cosi' fortunate e i loro congiunti sono morti combattendo.

L'associazione di familiari dei soldati ha anche tenuto una conferenza stampa di protesta nella quale sono emersi rabbia e disgusto per la decisione di Bush di entrare in guerra in modo illegale. Hanno anche citato il petrolio e gli appalti come causa della guerra.

Le famiglie hanno detto che Bush non puo' comprendere le loro paure e il dolore inflitto a coloro che perdono un familiare, perche' non e' lui a pagare le conseguenze della guerra. Le famiglie si sono anche rivolte al Congresso per chiedere di non spendere piu' in Iraq nemmeno un giorno, nemmeno una vita. Aprile e' stato il mese in cui sono morti piu' soldati dall'inizio della guerra.

Come reazione le famiglie hanno deciso di inondare la presidenza degli Sati Uniti di lettere ed e-mail di protesta. Giorni fa era venuto alla luce lo scandalo dei giubbotti antiproiettile mancanti, che aveva spinto le famiglie dei soldati a dotarne i congiunti in partenza a proprie spese

Note: (1) I miliziani armati che hanno rapito Keith Matthew Maupin, il soldato USA di vent'anni, hanno chiesto di effettuare uno scambio di prigionieri con Iracheni catturati dalla coalizione.
Fonte: http://www.osservatoriosullalegalita.org/04/notizie/aprile2/1788maupin.htm

Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange
    Pace
    Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

    Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

    Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
    7 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)