Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Non uccidiamo il sogno di Dio

19 luglio 2018
Gianfranco Mammone

La politica dei porti chiusi messa in atto dal governo "gialloverde" colpisce ciò che sta alla radice della nostra umanità: la compassione. E' l'applicazione pratica di una sorta di cinismo che genera morte e uccide pure il sogno di Dio, che è il sogno di una vita bella, di un'esistenza libera e dignitosa per se e per gli altri. Questo sogno di Dio è il volto stesso di Dio, di quel Dio che si è fatto Uomo per condividere tutto di noi, compresa la più atroce e umilianti delle morti. Morte atroce e umiliante come quelle dei nostri fratelli e delle nostre sorelle nel risucchio del mare Mediterraneo che ormai è diventato uno sconfinato cimitero. Ciò a cui stiamo assistendo è un'immensa bestemmia di cui saremo un giorno chiamati a renderne conto sia davanti agli uomini, sia davanti a Dio. "Poveri Cristi" ci viene da pensare e da dire davanti alle tremende immagini di disperazione che scorrono ogni giorno dinanzi ai nostri occhi, ma a "quei Poveri Cristi" non segue sempre il necessario moto di reazione e di indignazione che ci liberi dal silenzio della complicità. Anzi, quel Cristo che ha sofferto e soffre nel corpo e nell'anima di questi uomini e donne migranti, quella Croce che è simbolo delle torture e delle sevizie più crudeli e disumane sono stati addirittura sventolati nelle piazze come simboli di questa politica atroce e barbara. Non possiamo stare davvero più zitti, ogni autentico credente deve riappropriarsi del volto autentico di Cristo, del Cristo dell'amore, della compassione, di quel volto che ha percorso la Palestina consolando, curando, guarendo con il cuore rivolto ai più umili e ai più poveri della terra come sono queste persone che fuggono da guerre, da violenze, da carestie in cerca di un futuro migliore. Anche Cristo è fuggito in Egitto, per fuggire alle persecuzioni di Erode. No, non si può più tacere. Chi si definisce "cristiano" deve "intromettere" il proprio corpo, come Cristo lo ha intromesso per dire una Parola "nuova", una Parola "altra", una Parola di "libertà". I pastori delle chiese hanno poi una precisa responsabilità, quella di esprimersi con "parresia", di denunciare il male con coraggio, di fare comprendere a tutti coloro che non lo hanno ancora capito che difendere i valori del cristianesimo significa difendere i valori della nostra umanità, che qualsiasi forma di razzismo, di violenza, di discriminazione, di ignavia non è conciliabile con il Vangelo che è annuncio di salvezza e di felicità per tutti, nessuno escluso.

Note: Clicca sul link per vedere il video http://www.rainews.it/tgr/toscana/video/2018/07/tos-Don-Alessandro-Santoro-Migranti-Chiesa-Cei-Vescovi-Salvini-Governo-6e275332-4332-45cd-a0a2-1808af286529.html?wt_mc=2.www.fb.tgrtoscana_ContentItem-6e275332-4332-45cd-a0a2-1808af286529.&wt

Articoli correlati

  • Un boccone avvelenato!
    Alex Zanotelli
    Decreto (in)sicurezza bis

    Un boccone avvelenato!

    Un decreto spiazza diritti: porti chiusi, soccorso che diventa reato, astronomiche sanzioni pecuniarie al solo scopo di paralizzare il salvataggio di migranti da parte della poche navi salva-vite che ancora operano nel Mediterraneo.
    24 maggio 2019 - Alex Zanotelli
  • "Sventurata la terra che ha bisogno di eroi"
    Voltana
    Riprendiamoci la parola

    "Sventurata la terra che ha bisogno di eroi"

    Contro ogni deriva autoritaria, contro ogni piaggeria cortigiana, contro ogni deresponsabilizzazione civile, contro ogni ignava abdicazione, noi continueremo a fare la nostra parte perché la sovranità popolare ritorni al centro della politica
    15 febbraio 2019 - Alessandro Marescotti
  • "Sventurata la terra che ha bisogno di eroi"
    Editoriale
    Riprendiamoci la parola

    "Sventurata la terra che ha bisogno di eroi"

    Contro ogni deriva autoritaria, contro ogni piaggeria cortigiana, contro ogni deresponsabilizzazione civile, contro ogni ignava abdicazione, noi continueremo a fare la nostra parte perché la sovranità popolare ritorni al centro della politica
    15 febbraio 2019 - Alessandro Marescotti
  • "Noi risponderemo NO"
    Cultura
    Ricordando una canzone di Luigi Tenco

    "Noi risponderemo NO"

    Noi riteniamo che tutti gli uomini siano uguali e siano titolari di diritti umani, al di là del colore della pelle e della nazionalità. Ai nostalgici della razza noi risponderemo NO
    13 febbraio 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.24 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)