Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Tante critiche sulla rete a Di Maio per il voto che punisce chi salva i migranti

"Volevate Gino Strada e avete votato la fiducia al DL Sicurezza Bis"

Il M5s nel 2013 voleva Gino Strada come presidente della Repubblica, adesso insieme a Salvini attacca le Ong che salvano vite umane. Ma in queste ore sulla Rete il capo politico pentastellato viene bersagliato dalle critiche

Il M5s nel 2013 voleva Gino Strada come presidente della Repubblica, adesso insieme a Salvini attacca le Ong che salvano vite umane. Ma in queste ore sulla Rete il capo politico pentastellato viene bersagliato da chi un tempo aveva sostenuto il movimento. La delusione su tocca con mano ed è quella che lo stesso Gino Strada esprime con amarezza. Gino Strada, fondatore di Emergency

Gino Strada dice a La7: 'Noi come Emergency abbiamo curato più di 10 milioni di persone, come possiamo accettare che non vengano salvate persone in mare? Come possiamo accettare che muoiano a migliaia? Come possiamo accettare politici che rivendicano queste azioni? Sono azioni che fanno a pugni con la civiltà, non con questo o quel partito". 

Fino a ora i social erano lo strumento del M5s per propagare consenso, ma adesso la dinamica si è invertita. L'agenzia stampa AdnKronos l'ha subito segnalato: sulla Rete il M5s è sommerso dalle critiche. E' l'effetto combinato del cedimento sulla TVA e dell'approvazione del DL Sicurezza bis, voluto da Salvini.

In queste ore (mentre scrivo sono le 23 del 6 agosto 2019) la pressione delle critiche è diventata incontenibile e i commenti di difesa dei sostenitori pentastellati sono meno convinti e soprattutto ricevono meno like.

"Ogni giorno riceviamo attacchi", scrive Di Maio in suo post su Facebook.

E invece di riscuotere consenso, riscuote questi commenti.

Siete al governo per stare a novanta per Salvini? Volevate Gino Strada e avete votato la fiducia al Dl Sicurezza Bis...ma come fai ad andare ancora in giro? Come fai a definirti ancora credibile?
Antonio (900 like)

È scientificamente provato che scrivere centinaia di post di svariati argomenti non fa passare in secondo piano l'approvazione del decreto sicurezza bis.
Andrea (531 like)

Avete regalato il paese all'estrema destra, non vi vota più nessuno!
Luca (180 like)

Perché hai lasciato che passasse il decreto sicurezza? Perché ci hai svenduti?

Mariafede (343 like)

Stiamo ancora tutti aspettando che Lei ci spieghi il perché dell'approvazione di un decreto sicurezza bis che definire vergognoso è sin troppo poco! Si dimetta ministro.

Agata Elisabetta (351 like)


Grazie soprattutto per il clima di odio e intolleranza che avete contribuito a creare nel nostro paese e che ha peggiorato la qualità della vita della maggior parte delle persone.
Roberta (212 like)

Ci sono anche coloro che difendono il Capo Politico.

Vai per la tua strada, nn pensare a chi ti attacca , ormai si è capito date fastidio alle mafie, il cazzaro essendo come la casta viene visto di buon occhio... se ne accorgeranno sti dementi che votano ancore le mafie.
Elide (303 like)

Ma siamo di fronte al tramonto social di chi sui social aveva costruito il proprio consenso.

Anche sul sito del M5s emergono forti perplessità. Scrive Italo: "Caro MovimentoCinqueStelle, non andiamo bene.
Non sto a dirti che vi appartengo dai primi giorni della vostra esistenza e tutt’ora sono dei vostri, ma devo dirvi una cosa molto importante:” state sbagliando strategia”. Ora siamo al governo ma stiamo trascurando troppi DETTAGLI, così vengono chiamati o percepiti, per rimanere al governo con una Lega che sta soffocandoci con le sue esigenze completamente diverse dalle nostre. Così perdiamo la faccia perché il dire non corrisponde al fare e perdiamo la fiducia dei cittadini e perdiamo voti. Non dovremmo aver paura di tornare alle elezioni". Paolo prosegue su questa linea: "Credo sia giunto il momento di porre fine a questo esecutivo, non mi rappresenta piu’, il mandato non era incondizionato e senza vincoli, non potete accettare tutto, non voglio associare il mo voto ad un periodo che rischia di riportare in auge il nazi-fascismo. #staccalaspina". Claudio è più drastico: "VERGOGNA! Avete calato le braghe per l’ennesima volta, per restare attacati alle poltrone".

Impietoso il giudizio di Gino Strada: "Quando si è governati da una banda dove la metà sono fascisti e l'altra metà sono coglioni non c'è una grande prospettiva per il Paese".

Articoli correlati

  • Morte e vita dei migranti
    Migranti
    Un oblò sul nostro futuro

    Morte e vita dei migranti

    Rischiamo condizioni irreversibili di ingiustizia e crudeltà. L'unico inattaccabile sul piano umano e della ragione è il comportamento dei volontari, a fronte di scelte dei governi miopi e scellerate
    18 novembre 2021 - Lidia Giannotti
  • Veri lager sotto i nostri occhi
    Migranti
    Discorso a Cipro

    Veri lager sotto i nostri occhi

    Dobbiamo andare contro questo vizio di abituarci alle tragedie, non possiamo abituarci all'indifferenza. Spesso ci domandiamo come sia stato possibile che fossero stati costruiti i lager del secolo scorso, ma sta accadendo oggi.
    6 dicembre 2021 - Papa Francesco
  • Un’immagine al futuro per la solidarietà e la pace
    Pace
    Evento online in occasione del 20 Dicembre, Giornata Internazionale della Solidarietà

    Un’immagine al futuro per la solidarietà e la pace

    Solidarietà e inclusione, diritti e benessere sono condizioni necessarie per un’idea positiva della pace, pace con diritti e con giustizia sociale
    30 novembre 2021 - Laura Tussi
  • Morti 75 migranti
    Migranti
    L’Organizzazione per le migrazioni delle Nazioni unite (Oim) ha dato la terribile notizia

    Morti 75 migranti

    «Questo è il costo dell’inazione», dice Safa Msehli dell’Oim che ricorda come da inizio anno «almeno 1300 uomini, donne, bambini sono annegati nel tentativo di attraversare il Mediterraneo centrale».
    20 novembre 2021 - Fabio Albanese
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)