Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Servizio fotografico pubblicato sul Daily Mirror.

Anche militari inglesi hanno torturato dei prigionieri iracheni

Nelle note il link alle immagini. Aperta un'inchiesta. Amnesty International: «Londra e Washington hanno ignorato le nostre segnalazioni»
3 maggio 2004
www.corriere.it

LONDRA - Bush e Blair non hanno fatto a tempo a esprimere la loro indignazione per le foto delle torture inflitte dai marine ai prigionieri iracheni in Iraq che, sul «Daily Mirror» del primo maggio, escono le immagini delle sevizie inflitte, sempre agli iracheni, dai soldati inglesi.

IL MINISTERO DELLA DIFESA HA APERTO UN'INCHIESTA - Le foto sono uscite contemporaneamente alla notizia che il ministero della difesa britannico ha già ordinato l'apertura di un'inchiesta: «Sono al corrente delle accuse che sono state fatte circa maltrattamenti di prigionieri da parte di soldati britannici in Iraq», ha dichiarato il generale Sir Michael Jackson, aggiungendo che «tutte le accuse sono già in fase di esame».

AMNESTY: «ABUSI SEGNALATI ANCHE IN PASSATO» - L'organizzazione per i diritti umani Amnesty International ha detto di aver già segnalato a Londra e Washington, anche in passato, di presunti abusi su prigionieri in Iraq. «Abbiamo parlato con ex prigionieri, che affermano di essere stati catturati, incappucciati e percossi, a volte ripetutamente e in alcune occasioni sottoposti a tortura psicologica o a umiliazioni di tipo sessuale», ha dichiarato Neil Durkin di Amnesty all'emittente satellitare «Sky News», aggiungendo che «loro (le autorità preposte) hanno semplicemente ignorato questi rapporti».
1 maggio 2004

Note: Per vedere le torture dei soldati inglesi clicca su http://www.corriere.it/av/galleria.html?2004/maggio/daily&1

--------------------altre info---------------------------
Da Il Manifesto 1 maggio 2004
Il tabloid (quotidiano popolare) che vende centinaia di migliaia di copie costruisce con la mostruosa fotografia una prima pagina-copertina, con il titolo: «Questa volta è un soldato britannico che umilia un iracheno». Il ministero della difesa di Londra ha aperto subito un'inchiesta sul caso. Il generale Mike Jackson, ieri ha dichiarato: «Sono al corrente delle accuse che sono state fatte oggi (ieri, ndr) circa maltrattamenti di prigionieri da parte di soldati britannici in Iraq. Tutte le accuse sono già in fase di esame». La fotografia che ritrae il presunto torturatore britannico sarebbe stata consegnata da un soldato che ha accusato delle torture un soldato britannico che sarebbe responsabile di abusi nei confronti non solo di priginieri, ma anche di civili iracheni.

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)