Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Poche le differenze rispetto a Bush

Non convince il candidato democratico Kerry sulla guerra in Iraq

"Kerry è libero di criticare il presidente per la situazione attuale dell'Iraq, ma non propone una concreta politica alternativa", scrive Harold Meyerson sul Washington Post .
3 maggio 2004
www.internazionale.it

Secondo l'editorialista del Los Angeles Times Max Boot "le quotidiane catastrofi in Iraq non stanno avvantaggiando il candidato democratico perché lui non ha ancora proposto una valida alternativa. Per quanto riguarda la guerra e la sicurezza nazionale, Kerry offre solo una politica poco originale del 'credo anch'io' e 'restiamo in ballo', in attesa di guadagnare maggior sostegno a livello internazionale".

Boot ritiene che la proposta alternativa del senatore debba fare perno sul punto debole della strategia del Pentagono: la carenza di uomini nell'esercito e la difficoltà a tenere impegnato in Iraq un numero così elevato di militari. "Cosa è peggio – si domanda sarcastica Maureen Dowd sul New York Times – un presidente che porta avanti a oltranza le sue decisioni sbagliate, basate su considerazioni sbagliate, o uno sfidante che sembra incapace di prendere una decisione, giusta o sbagliata che sia?".

L'editorialista fa anche riferimento alla recente polemica sulla possibilità che, durante le proteste pacifiste degli anni settanta, Kerry abbia buttato via le medaglie ottenute in Vietnam: "Il modo in cui il senatore è riuscito a trasformare il suo punto di forza nel suo tallone di Achille ricorda in modo inquietante la vicenda di Al Gore, che in qualche maniera è riuscito a perdere un'elezione che aveva vinto".

Note: http://www.internazionale.it/home/primopiano.php?id=5929

Articoli correlati

  • Una dichiarazione di guerra contro i lavoratori
    MediaWatch
    Sanzioni americane

    Una dichiarazione di guerra contro i lavoratori

    Ciò che i media non trasmettono è l'impatto di questa guerra sui lavoratori e sulla povera gente in Russia. E la vita comincia a diventare molto più difficile per i comuni lavoratori.
    22 maggio 2022 - G. Dunkel
  • Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange
    Conflitti
    Putin: il nuovo Bush?

    Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange

    Commettendo ciò che molti giornali chiamano “il lapsus freudiano del secolo”, l’ex presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, ha inavvertitamente definito la propria invasione dell’Iraq nel 2003 come “ingiustificata e brutale.” Proprio ciò che Julian Assange aveva rivelato 12 anni fa.
    23 maggio 2022 - Patrick Boylan
  • L'escalation della guerra Russia-Ucraina
    Disarmo
    Nella dinamica dell’escalation i mezzi divorano il fine

    L'escalation della guerra Russia-Ucraina

    “Durante la guerra fredda gli Stati Uniti resistettero all'Unione Sovietica in conflitti per procura in tutto il mondo senza venire a scontri diretti. La stessa risposta accuratamente calibrata è necessaria per l'invasione russa dell'Ucraina"
    6 maggio 2022 - Rossana De Simone
  • Il caso va archiviato
    Pace
    Estradizione di Julian Assange

    Il caso va archiviato

    L’Occidente giustamente condanna il bavaglio ai media russi. Sarebbe tuttavia più persuasivo se il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, fosse libero
    22 marzo 2022 - Bernd Pickert
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)