Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Una riflessione

L'esempio di Duccio Galimberti

Arrestato dai fascisti, il 28 novembre 1944, seviziato e ridotto in fin di vita, non parla. Viene fucilato il 4 dicembre 1944.
Laura Tussi25 luglio 2020

La dignità dei Resistenti attuali

Duccio Galimberti. E nacque la Resistenza

Gli insegnamenti dei Resistenti e le sfide dell'oggi

"Sulla facciata del Palazzo Comunale di Cuneo fu posta questa lapide, dettata da Piero Calamandrei in occasione dell’ottavo anniversario della morte di Duccio Galimberti, nel dicembre del 1952".

Piero Calamandrei - lapide "ad ignominia"

 

di Laura Tussi e Fabrizio Cracolici

Duccio Galimberti

L'esigenza oggi di fare memoria e di attingere da grandi figure del passato come Duccio Galimberti è quanto più necessaria.

Duccio Galimberti nasce a Cuneo nel 1906, avvocato penalista, è un antifascista mazziniano rigoroso.

Accostandosi al Partito d’Azione, il 26 luglio 1943 dalla finestra del suo studio su una piazza centrale di Cuneo (che oggi porta il suo nome) arringa la folla chiamando tutti alla lotta: “La guerra continua fino alla cacciata dell’ultimo tedesco, fino alla scomparsa delle ultime vestigia del partito fascista”.

Importantissimo il  patto di Barcellonette, il primo trattato internazionale dell’Italia libera, sancito il 30 maggio del 1944 fra i partigiani italiani di Giustizia e Libertà e una delegazione dei partigiani francesi, sulla collaborazione politico-militare fra i due fronti.

Arrestato dai fascisti, il 28 novembre 1944, seviziato e ridotto in fin di vita, non parla. Viene fucilato il 4 dicembre 1944.

Come sostiene il noto cantautore Franco Battiato nel testo di forte denuncia questa nostra martoriata e povera patria viene schiacciata dagli abusi e dalla tracotanza del potere gestito da gente infame che non conosce il minimo senso del pudore. Questi loschi politicanti e i loro accoliti si credono potenti e credono che gli appartiene tutto. I governanti e i loro proseliti e sottoposti sono perfetti e inutili buffoni, mentre questo paese è devastato dal dolore con tanti corpi in terra senza più calore sfiniti dalle onde del mare in tempesta. Speriamo che grazie ai grandi moniti e esempi delle nostre madri e dei nostri Padri Partigiani non esistano mai più dittature. Duccio Galimberti è un grande esempio da cui tutto ha avuto inizio. La Resistenza ha avuto inizio.

L'inizio per contrastare tutto ciò che è falsità. Per esempio una religione bigotta e stantia che non si basa sull'aiuto degli ultimi, ma sul loro sfruttamento, con le fedi fatte di abitudini e paura, dove imperversa una politica che si basa solo sulla competizione e la losca ambizione di carriera, ammantata da perbenismo interessato e come cita un altro noto cantautore Francesco Guccini la dignità fatta di vuoto con l'ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto. Così continua l'orrore nei campi di sterminio con i miti della razza avallati dagli odi e dalle beghe partitiche.

Articoli correlati

  • Il sapore di una speranza indistruttibile
    Storia della Pace
    Riflessioni sulla capacità di resistere al male

    Il sapore di una speranza indistruttibile

    Vale la pena leggere e rileggere lo scritto "La Madonna Sistina" di Vasilij Grossman, scrittore russo epico, corrispondente di guerra per il quotidiano dell'esercito Stella Rossa, testimone lucido della resistenza al nazismo e della repressione staliniana
    12 ottobre 2020 - Franca Sartoni
  • L'Antifascismo di padre in figlia
    Pace
    Patrizia Mainardi si racconta

    L'Antifascismo di padre in figlia

    "Mobilitarsi significa agire, partecipare, manifestare e rivendicare il rispetto delle fondamentali esigenze della convivenza sociale". Intervista alla Presidente Anpi Salsomaggiore Terme, figlia di Anteo, il Partigiano "Canto".
    6 agosto 2020 - Laura Tussi
  • La strage di Reggio Emilia
    Pace
    Dopo questi orribili fatti il governo Tambroni si dimise

    La strage di Reggio Emilia

    Partigiani e operai assassinati nella strage del 7 luglio 1960: fu un cortocircuito tra la società civile e antifascista e le istituzioni
    6 luglio 2020 - Laura Tussi
  • L'eccidio di Fondotoce del 20 giugno 1944
    Pace
    Fondotoce è una frazione di Verbania in Piemonte, lì sorge il “Parco della Memoria e della Pace”

    L'eccidio di Fondotoce del 20 giugno 1944

    Vennero fucilati 43 partigiani vicino al canale che congiunge il Lago di Mergozzo al Lago Maggiore. Ogni vittima ha donato la vita per la Pace e i diritti umani. Ora spetta a noi non vanificare il loro sacrificio e proprio per questo non li possiamo dimenticare.
    19 giugno 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)