Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Una donna per la pace

Carla Fracci: la grande étoile era una testimonial contro il nucleare

Ricordiamo il suo impegno civile per la messa al bando delle armi nucleari. Leggeva poesie il 6 agosto per ricordare Hiroshima e Nagasaki.
28 maggio 2021
Patrizia Sterpetti (Women’s International League for Peace and Feedom/Italia)
Fonte: Pressenza - International Press Agency

Con Carla Fracci e il suo e nostro impegno civile

28.05.2021 - Roma - WILPF (Women's International League for Peace and Freedom)

(Foto di Wilpf) 

Ricordando Carla Fracci non si può tralasciare un aspetto: l’impegno civile.

Noi di Wilpf Italia la abbiamo incontrata ripetutamente a Roma il 5 o il 6 di agosto in quasi tutte le edizioni per la commemorazione, a Piazza del Pantheon, della catastrofe di Hiroshima e Nagasaki.

Nel corso dell’evento, organizzato dall’ ”Associazione Terra e Pace” per conto di Athos de Luca, Carla Fracci sedeva sempre tra i relatori e dal palco leggeva ogni anno una poesia sul disastro atomico. La sua presenza aveva un doppio valore: ricordare ciò che non dobbiamo più far accadere; valorizzare il ruolo della danza rispetto alla realtà sociale.

 

Ogni anno, infatti, di fronte al palco, si è svolta una toccante esibizione delle allieve e degli allievi della scuola di ballo diretta da Paola Iorio, in genere giovanissimi. In occasione dell’ultima cerimonia nel 2020 ci siamo trattenute insieme, mentre giovanissime danzatrici la sollecitavano per delle foto ricordo, e lei dolce e paziente si prestava, sorridendo. In un dialogo franco sul riconoscimento della danza e sull’abolizione del nucleare in Italia questo il commento di Carla Fracci: «Non gliene importa niente!».

A chi la sta ricordando come “una cittadina esemplare” bisogna far saper che era sfiduciata sia rispetto alla promozione in Italia della danza, sia rispetto alla ratifica del Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari.

 

Salutiamo commosse non solo una grande étoile della danza ma una personalità intellettuale che ha preso posizione, ha palesato il suo pensiero pacifista e antinuclearista, dando un esempio importante, senz’altro da seguire. Ci mancherà a Roma, il 6 agosto prossimo.

Al suo compagno di vita, affettuosamente presente tra le quinte ogni anno a Piazza del Pantheon, inviamo un immenso abbraccio di solidarietà.

-----

Il messaggio di Athos de Luca, organizzatore della manifestazione del 6 Agosto al Pantheon

«Un affettuoso saluto alla mia cara amica Carla Fracci leggera e soave nella danza come nella vita, impegnata nella pace nel mondo, fedele madrina negli anni delle celebrazioni per il ricordo di Hiroshima a Piazza del Pantheon a Roma. Che la terra ti sia lieve».

da Pressenza - International Press Agency

https://www.pressenza.com/it/2021/05/carla-fracci-la-grande-etoile-era-una-testimonial-contro-il-nucleare/

Note: Testo inserito da Laura Tussi

Articoli correlati

  • Conferenza di Vienna sulle armi nucleari
    Disarmo
    Inizia il 20 giugno 2022 e vi partecipa l'ICAN, premio Nobel per la Pace

    Conferenza di Vienna sulle armi nucleari

    La conferenza riunisce rappresentanti statali, organizzazioni internazionali, comunità scientifica, sopravvissuti e società civile per discutere ed esplorare ricerche consolidate e nuove sulle conseguenze umanitarie e sui rischi delle armi nucleari.
    19 giugno 2022 - Redazione PeaceLink
  • Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari
    Laboratorio di scrittura
    Attenzione a non diffondere notizie "tendenziose" che possano "deprimere lo spirito pubblico"

    Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari

    Se un pacifista distribuisce ai militari dei volantini che "recano nocumento agli interessi nazionali" viene condannato a una pena non inferiore a quindici anni. Non è una legge della Russia di Putin ma l'articolo 265 del codice penale, ancora in vigore in Italia, sul "disfattismo"
    8 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile
    Pace
    Eirenefest: non solo una fiera di libri, ma soprattutto un ambito di convergenza

    Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile

    Mancano pochi giorni al via del primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza, un mega evento che si terrà a Roma dal 2 al 5 giugno prossimi: un tentativo di sfidare le radici della guerra - egoismo, violenza, sopraffazione - coltivando, tutti insieme, una convergenza di valori opposti.
    22 maggio 2022 - Olivier Turquet
  • Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina
    Conflitti
    Scomparsi i negoziati e la parola "pace"

    Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina

    Il discorso pubblico sulla guerra in corso si va modificando in modo rapido e sostanziale ma, al contempo, poco visibile e perciò “indolore”. Questi cambiamenti così rilevanti raramente sono oggetto di discussione in quanto tali e questo può contribuire a renderli invisibili ai nostri occhi.
    1 maggio 2022 - Daniela Calzolaio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)