Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Una donna per la pace

Carla Fracci: la grande étoile era una testimonial contro il nucleare

Ricordiamo il suo impegno civile per la messa al bando delle armi nucleari. Leggeva poesie il 6 agosto per ricordare Hiroshima e Nagasaki.
28 maggio 2021
Patrizia Sterpetti (Women’s International League for Peace and Feedom/Italia)
Fonte: Pressenza - International Press Agency

Con Carla Fracci e il suo e nostro impegno civile

28.05.2021 - Roma - WILPF (Women's International League for Peace and Freedom)

(Foto di Wilpf) 

Ricordando Carla Fracci non si può tralasciare un aspetto: l’impegno civile.

Noi di Wilpf Italia la abbiamo incontrata ripetutamente a Roma il 5 o il 6 di agosto in quasi tutte le edizioni per la commemorazione, a Piazza del Pantheon, della catastrofe di Hiroshima e Nagasaki.

Nel corso dell’evento, organizzato dall’ ”Associazione Terra e Pace” per conto di Athos de Luca, Carla Fracci sedeva sempre tra i relatori e dal palco leggeva ogni anno una poesia sul disastro atomico. La sua presenza aveva un doppio valore: ricordare ciò che non dobbiamo più far accadere; valorizzare il ruolo della danza rispetto alla realtà sociale.

 

Ogni anno, infatti, di fronte al palco, si è svolta una toccante esibizione delle allieve e degli allievi della scuola di ballo diretta da Paola Iorio, in genere giovanissimi. In occasione dell’ultima cerimonia nel 2020 ci siamo trattenute insieme, mentre giovanissime danzatrici la sollecitavano per delle foto ricordo, e lei dolce e paziente si prestava, sorridendo. In un dialogo franco sul riconoscimento della danza e sull’abolizione del nucleare in Italia questo il commento di Carla Fracci: «Non gliene importa niente!».

A chi la sta ricordando come “una cittadina esemplare” bisogna far saper che era sfiduciata sia rispetto alla promozione in Italia della danza, sia rispetto alla ratifica del Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari.

 

Salutiamo commosse non solo una grande étoile della danza ma una personalità intellettuale che ha preso posizione, ha palesato il suo pensiero pacifista e antinuclearista, dando un esempio importante, senz’altro da seguire. Ci mancherà a Roma, il 6 agosto prossimo.

Al suo compagno di vita, affettuosamente presente tra le quinte ogni anno a Piazza del Pantheon, inviamo un immenso abbraccio di solidarietà.

-----

Il messaggio di Athos de Luca, organizzatore della manifestazione del 6 Agosto al Pantheon

«Un affettuoso saluto alla mia cara amica Carla Fracci leggera e soave nella danza come nella vita, impegnata nella pace nel mondo, fedele madrina negli anni delle celebrazioni per il ricordo di Hiroshima a Piazza del Pantheon a Roma. Che la terra ti sia lieve».

da Pressenza - International Press Agency

https://www.pressenza.com/it/2021/05/carla-fracci-la-grande-etoile-era-una-testimonial-contro-il-nucleare/

Note: Testo inserito da Laura Tussi

Articoli correlati

  • Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza
    Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Il ruolo profetico mondiale di papa Francesco
    Pace
    Estratto dal saggio "Coronavirus: dove porta la sua Arca papa Francesco-Noé?"

    Il ruolo profetico mondiale di papa Francesco

    Allegato a questa pagina web vi è il saggio completo centrato su un nuovo rapporto fra etica e politica nella prospettiva di costruire una nuova coscienza storica in relazione ai drammatici problemi della nostra epoca.
    8 gennaio 2022 - Antonino Drago
  • Mai più l’arma nucleare
    Pace
    Per l’Appello di Stoccolma si realizzò la campagna più estesa dei partigiani della pace nel mondo

    Mai più l’arma nucleare

    Nell’Appello di Stoccolma i partigiani della pace proclamano: “Noi esigiamo l’assoluto divieto dell’arma atomica. Noi consideriamo che il governo il quale utilizzasse contro qualsiasi paese l’arma atomica, commetterebbe un crimine contro l’umanità e dovrà essere considerato come criminale di guerra"
    7 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)