Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Riflessioni sulla tattica della comunicazione nonviolenta

Il mediattivismo pacifista

Il movimento per la pace dovrebbe imparare a dire verità scomodissime, a cercarle e documentarle rapidamente. Occorre smentire le bugie di guerra subito e non un mese dopo. La velocità della comunicazione è fondamentale per gestire il conflitto informativo in modo efficace.
11 ottobre 2021
Che cosa possiamo fare per la pace? Micromega mi ha chiesto di scrivere un pezzo per i 60 anni dalla Perugia Assisi. Mi hanno telefonato e queste sono state più o meno le parole: "Abbiamo visto quello che scrivi sull'Afghanistan, ti seguiamo e ci piacerebbe che scrivessi un pezzo".
Avevano notato che scrivevo come un dannato sull'Afghanistan, come se provassi un malessere della coscienza. E che scrivevo cose diverse dal solito, diciamo controcorrente. Avevano bisogno di una voce fuori dal coro.
E così ho scritto questo pezzo:
E' frutto di un mal di pancia enorme, e spero di non aver urtato nessuno, ma la sintesi di quanto penso è questa: il movimento pacifista rischia di istituzionalizzarsi e di non costituire più una spina nel fianco per il potere. E mi dispiace.
Devo confessare una cosa.
Da un po' di tempo sento il bisogno di trasformare il bagaglio di esperienza accumulato in tanti anni di lotta contro l'Ilva in un modello di mediattivismo utile anche per la lotta alla guerra. Praticamente le similitudini fra Ilva e guerra sono elevatissime. In entrambi i casi la sinistra è stata complice, in entrambi i casi ha detto le bugie, in entrambi i casi ha cercato di isolarci, in entrambi i casi c'era un versante associativo privo di mordente, e in entrambi i casi il mediattivismo ha delle carte interessanti da giocare, per rompere la finta opposizione all'inquinamento o alla guerra. 
Che tattica usare per forare la "bolla" in cui il pacifismo rischia di venire confinato?
Bisogna usare argomenti insoliti, sconvolgenti, paradossali, così veri da non parer veri, privi di ogni accento ideologico, senza aggettivi ridondanti e con tantissimi dati schiaccianti, come Assange. 
A Taranto con l'Ilva abbiamo fatto esattamente ciò che ha fatto Assange per il potere militare: svelare informazioni mai dette. Verità scomodissime. Ma la lezione di Assange non è entrata nello stile comunicativo del movimento pacifista, almeno in Italia. Prova ne è il fatto che non vedo grandi mobilitazioni per Assange con la bandiera arcobaleno.
Ma non è solo una questione di contenuti. E' una questione anche di ritmi, di sintonia con le notizie. Di velocità. Io non credo più nell'informazione lenta, nello slow food dell'informazione. Bisogna attaccare, e rapidamente, al momento giusto, non il giorno dopo.
Bisogna martellare come se si facesse parte di una "guerriglia nonviolenta", martellare di informazioni e controinformazioni, con la stessa velocità e destrezza dei media spregiudicati con l'elmetto, va fatto tutto ciò al momento giusto, non una settimana dopo o un mese dopo.
Per condurre una azione di tal genere occorre un'altissima dedizione, bisogna crederci, ma crederci davvero. Non bisogna essere rassegnati o assuefatti al male (che è la patologia dilagante fra di noi). 
Non provare più indignazione per le terribili ingiustizie del mondo diventa, diciamolo pure, anche una scusa per difendere la propria zona di tranquillità privata.
Dobbiamo farci un serio esame di coscienza, coordinarci e organizzare la resistenza. Perché credo che l'assuefazione al male è entrata al nostro interno, alcuni hanno introiettato la sindrome della sconfitta e non lottano più. E questo mi dispiace tantissimo perché è in noi la ragione della forza e al tempo stesso della debolezza del pacifismo.

Articoli correlati

  • "Per chi dobbiamo votare?"
    Laboratorio di scrittura
    Ogni elettore deve essere il cane da guardia del proprio partito

    "Per chi dobbiamo votare?"

    A volte i miei studenti mi hanno chiesto per chi votare. E non ho mai risposto. Ho sempre detto: vota per chi vuoi, ma vota persone oneste. E vota dopo aver controllato i programmi e dopo aver letto la Costituzione italiana. Li ho invitati a considerare i valori della Costituzione la loro bussola.
    21 settembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Un dischetto ribelle nel mio personal computer
    PeaceLink
    Come è nata PeaceLink

    Un dischetto ribelle nel mio personal computer

    Era il 1991 e con un nuovissimo computer portatile giravo per raccogliere informazioni, organizzarle e condividerle tramite dischetti. Nasceva il pacifismo digitale e, aggiungendo il modem, quelle informazioni potevano viaggiare lontano. Era un'idea di rete telematica mentre in tanti usavano il fax
    Alessandro Marescotti
  • Telematica per la pace
    PeaceLink
    Edizioni Apogeo 1996

    Telematica per la pace

    E' stato il primo libro in Italia su come usare la telematica per attività di pace, ecologia e cooperazione internazionale. Qui trovate in libera condivisione i file PDF dei vari capitoli.
    Alessandro Marescotti
  • Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra
    Pace
    Affollata assemblea preparativa a Roma

    Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra

    “Il padronato vuole comprarci col bonus governativo di €200? Se li metta in quel posto”, ha tuonato un rappresentante sindacale. “Noi, il 20, scioperiamo contro la sua guerra che causa inflazione, aumento di prezzi, cassa integrazione nelle industrie vulnerabili, tagli alla sanità e ai servizi".
    8 maggio 2022 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)