Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Basta difenderlo, ora attacchiamo!

Scendere in campo per Julian Assange: una nuova strategia

Invece di essere sempre sulla difensiva, cercando di smontare le accuse false fatte contro Julian Assange dai governi USA/UK, due gruppi di attivisti, suoi estimatori – uno a Londra e l’altro a Roma – hanno deciso di passare all'attacco.
16 ottobre 2021
Patrick Boylan

Dobbiamo dimostrare che chi ha commesso reati, non è mica Julian Assange, bensì i suoi accusatori! E perciò dobbiamo chiedere sanzioni contro di loro.” Questa, in sintesi, il credo comune che lega due gruppi di attivisti pro-Assange, uno a Roma e l’altro a Londra.

LONDRA

Diversi attivisti internazionali (tra cui Tariq Ali, Jeremy Corbyn, Rafael Correa, Deepa Govindarajan Driver, Daniel Ellsberg, Ken Loach, Stefania Maurizi, Yanis Varoufakis) terranno, a Londra il 22 ottobre, un processo contro gli Stati Uniti e il Regno Unito per i loro crimini di guerra -- proprio quelli che Assange ha rivelato attraverso il suo sito Wikileaks.

Belmarsh Tribunal "Collateral Murder" poster and the hand-delivery of a gigantic letter to the European Union headquarters in Rome

L'iniziativa si chiama il "Belmarsh Tribunal", con riferimento alla prigione di Londra dove Assange è attualmente incarcerato. La seduta, della durata di una sola giornata, verrà svolta alla presenza di illustri giuristi, che emaneranno un verdetto finale -- simbolico sì, ma con un notevole peso morale. Chiunque può partecipare a questa iniziativa cliccando qui: https://act.progressive.international/belmarsh-tribunal/

ROMA

Una seconda offensiva viene proposta da alcuni gruppi di attivisti di Roma  (U.S. Citizens for Peace & Justice, Italiani per Assange, DiEM25 in Italy). Lo scorso 28 settembre, hanno denunciato, con un gesto clamoroso, i governi USA e UK che, da 10 anni, violano i diritti umani di Julian Assange, detenendolo arbitrariamente, torturandolo, censurandolo. Così questi attivisti hanno portato all'ufficio di Roma dell'Unione Europea -- così pronta a sanzionare i regimi autoritari quando commettono queste stesse violazioni -- una richiesta formale di sanzionare appunto gli USA e l'UK per la loro persecuzione di un premiato giornalista investigativo. Si tratta di sanzioni mirate, dirette contro i capi di Stato USA/UK, e i loro più stretti collaboratori, rei delle violazioni.

Ecco la consegna della lettera, stampata in formato gigante, per non andar persa: https://www.gettyimages.it/search/2/image?events=775717487&family=editorial&editorialproducts=all

Ed ecco una petizione che si può firmare per aggiungere anche la propria firma alla lettera. (Tra i primi firmatari figurano Daniel Ellsberg e Noam Chomsky.)

Petizione in italiano: https://chng.it/ppg2dxtr

Petizione in inglese: https://chng.it/rt27T4Kt

Articoli correlati

  • Priero (CN) mette in campo arte e fantasia per salvare Julian Assange
    Pace
    L’immaginazione al potere in difesa del fondatore di Wikileaks

    Priero (CN) mette in campo arte e fantasia per salvare Julian Assange

    Il borgo cuneese, di soli 506 abitanti, lancia una sua Kulturkampf per salvare Assange, il giornalismo investigativo e la libertà di stampa.
    12 settembre 2022 - Patrick Boylan
  • Are the US and the UK authoritarian regimes?  Julian Assange's supporters think so
    PeaceLink English
    Saving Assange is saving freedom of the press

    Are the US and the UK authoritarian regimes? Julian Assange's supporters think so

    A young Italian woman is the latest “street installation” activist to protest the media's silence regarding the inhumane treatment of Julian Assange by the UK and the U.S. Her installation in a square in Como lambastes the two self-styled democracies for acting exactly like authoritarian regimes.
    15 agosto 2022 - Patrick Boylan
  • Gli USA e l’UK regimi autoritari? Per i sostenitori di Julian Assange, sì
    CyberCultura
    Attivismo per salvare Assange e la libertà di stampa

    Gli USA e l’UK regimi autoritari? Per i sostenitori di Julian Assange, sì

    Una ragazza di Como rifiuta di essere complice del silenzio dei media sul trattamento disumano inflitto a Julian Assange da parte dell’UK e degli USA; mette in scena, in una piazza centrale della città, la sua protesta contro l’autoritarismo delle due se dicenti democrazie.
    14 agosto 2022 - Patrick Boylan
  • Chelsea Manning e Julian Assange hanno scelto la verità
    MediaWatch
    Crimini di guerra

    Chelsea Manning e Julian Assange hanno scelto la verità

    Il coraggio di Manning e Assange meritano l’impegno di tutti contro la loro persecuzione, così come contro tutte le menzogne e le guerre. In questa pagina web potete vedere “Collateral murder”, il video dell’uccisione di 18 civili da parte di militari americani in una strada di Bagdad
    Lidia Giannotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)