Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Basta difenderlo, ora attacchiamo!

Scendere in campo per Julian Assange: una nuova strategia

Invece di essere sempre sulla difensiva, cercando di smontare le accuse false fatte contro Julian Assange dai governi USA/UK, due gruppi di attivisti, suoi estimatori – uno a Londra e l’altro a Roma – hanno deciso di passare all'attacco.
16 ottobre 2021
Patrick Boylan

Dobbiamo dimostrare che chi ha commesso reati, non è mica Julian Assange, bensì i suoi accusatori! E perciò dobbiamo chiedere sanzioni contro di loro.” Questa, in sintesi, il credo comune che lega due gruppi di attivisti pro-Assange, uno a Roma e l’altro a Londra.

LONDRA

Diversi attivisti internazionali (tra cui Tariq Ali, Jeremy Corbyn, Rafael Correa, Deepa Govindarajan Driver, Daniel Ellsberg, Ken Loach, Stefania Maurizi, Yanis Varoufakis) terranno, a Londra il 22 ottobre, un processo contro gli Stati Uniti e il Regno Unito per i loro crimini di guerra -- proprio quelli che Assange ha rivelato attraverso il suo sito Wikileaks.

Belmarsh Tribunal "Collateral Murder" poster and the hand-delivery of a gigantic letter to the European Union headquarters in Rome

L'iniziativa si chiama il "Belmarsh Tribunal", con riferimento alla prigione di Londra dove Assange è attualmente incarcerato. La seduta, della durata di una sola giornata, verrà svolta alla presenza di illustri giuristi, che emaneranno un verdetto finale -- simbolico sì, ma con un notevole peso morale. Chiunque può partecipare a questa iniziativa cliccando qui: https://act.progressive.international/belmarsh-tribunal/

ROMA

Una seconda offensiva viene proposta da alcuni gruppi di attivisti di Roma  (U.S. Citizens for Peace & Justice, Italiani per Assange, DiEM25 in Italy). Lo scorso 28 settembre, hanno denunciato, con un gesto clamoroso, i governi USA e UK che, da 10 anni, violano i diritti umani di Julian Assange, detenendolo arbitrariamente, torturandolo, censurandolo. Così questi attivisti hanno portato all'ufficio di Roma dell'Unione Europea -- così pronta a sanzionare i regimi autoritari quando commettono queste stesse violazioni -- una richiesta formale di sanzionare appunto gli USA e l'UK per la loro persecuzione di un premiato giornalista investigativo. Si tratta di sanzioni mirate, dirette contro i capi di Stato USA/UK, e i loro più stretti collaboratori, rei delle violazioni.

Ecco la consegna della lettera, stampata in formato gigante, per non andar persa: https://www.gettyimages.it/search/2/image?events=775717487&family=editorial&editorialproducts=all

Ed ecco una petizione che si può firmare per aggiungere anche la propria firma alla lettera. (Tra i primi firmatari figurano Daniel Ellsberg e Noam Chomsky.)

Petizione in italiano: https://chng.it/ppg2dxtr

Petizione in inglese: https://chng.it/rt27T4Kt

Articoli correlati

  • Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva
    Disarmo
    Commissione UE: armi " beni essenziali"

    Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva

    Sinistra Europea nell’Europarlamento ha lanciato una campagna per bloccare l’iniziativa: "La proposta di finanziare con le nostre tasse, attraverso l’abbattimento dell’Iva, il commercio delle armi, è una proposta semplicemente criminale", ha commentato Paolo Ferrero, vice presidente di SE
    13 novembre 2021 - Gregorio Piccin
  • I giornalisti che fanno luce sui crimini segreti dei potenti non vanno perseguitati ma protetti
    Editoriale
    La guerra del governo americano contro la libera informazione deve finire

    I giornalisti che fanno luce sui crimini segreti dei potenti non vanno perseguitati ma protetti

    Stiamo barcollando sull’orlo del precipizio, rischiamo di essere trascinati in un mondo pericoloso e opprimente, in cui i giornalisti tacciono sotto il timore di procedimenti giudiziari, e i cittadini devono sussurrare nel buio.
    6 novembre 2021 - Julian Assange
  • Non solo Assange, Daniel Hale e la verità sui droni Usa
    Disarmo
    Il 27 luglio 2021, è stato condannato lo specialista di droni Daniel Hale a 45 mesi di prigione

    Non solo Assange, Daniel Hale e la verità sui droni Usa

    Hale ha detto a un giudice federale di sentirsi obbligato a far trapelare informazioni a un giornalista per il senso di colpa per la propria partecipazione a un programma che stava uccidendo indiscriminatamente civili in Afghanistan lontano dal campo di battaglia. Civili ! contro ogni convenzione.
    29 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Per proteggerci dai reati alimentari, ambientali e altri, tuteliamo meglio i nostri “whistleblower”
    Editoriale
    Difendiamo chi ci difende, ovvero i “whistleblower” (le “gole profonde”)

    Per proteggerci dai reati alimentari, ambientali e altri, tuteliamo meglio i nostri “whistleblower”

    Quanti dipendenti di aziende alimentari, sapendo di frodi commesse dalla loro azienda, rinunciano a denunciarle per paura di rappresaglie? Idem per gli altri tipi di azienda. E noi ne paghiamo le conseguenze! Oggi chi denuncia reati è insufficientemente tutelato. Ne sa qualcosa Julian Assange.
    21 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)