Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Istruzioni per l'uso

Come si costituisce un Comitato per la Pace

L'atto costitutivo può essere adattato alle esigenze locali. Non è indispensabile registrarlo ma è bene inviarlo con posta elettronica certificata al Sindaco e al Prefetto per darne ufficialità, inviando al contempo un comunicato stampa e creando un evento pubblico di presentazione.
Redazione PeaceLink

Atto costitutivo del Comitato per la Pace Come si scrive l'atto costitutivo di un comitato per la pace

In data….. si costituisce a….. il Comitato per la Pace di… per volontà dei promotori sotto elencati.

Da qui in avanti verrà per comodità definito Comitato per la Pace.

Il Comitato per la Pace fa richiesta al Comune di avere come sede il Municipio e notifica con PEC il presente atto costitutivo chiedendo un apposito incontro al Sindaco o a chi ne faccia le veci.

Il presente atto costitutivo viene notificato con PEC anche al Prefetto.

Il simbolo del Comitato per la Pace è la bandiera arcobaleno. 

Finalità del Comitato

Il Comitato per la Pace si ispira ai valori della Costituzione Italiana e in particolare al ripudio della guerra così come sancito dall’articolo 11:

“L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo”.

Si ispira inoltre all’articolo 118 della Costituzione Italiana che all’ultimo comma recita:

“Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà”.

Si ispira inoltre ai valori di pace dello Statuto comunale.

Il Comitato per la Pace è un organismo per la tutela di interessi collettivi, diffusi nella comunità, e intende dare rappresentanza comune paritetica ad associazioni e cittadini impegnati per la pace, richiedendo alle istituzioni di dare attuazione del principio di sussidiarietà sopra citato.

Il Comitato per la Pace:

  1. è impegnato nella difesa della Costituzione
  2. si ispira ai valori dell’antifascismo;
  3. attua ogni iniziativa nonviolenta utile ad attuare l’articolo 11 della Costituzione;
  4. opera nelle scuole proponendo l’educazione alla pace;
  5. è basato sul volontariato, promuove la cittadinanza attiva e la partecipazione democratica;
  6. richiede alle istituzioni l’attuazione del principio di sussidiarietà contenuto nell’articolo 118 della Costituzione in modo che venga favorita l’iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento delle attività di ripudio della guerra e di promozione della pace quali attività di interesse generale riconosciute e tutelate dalla Costituzione.  
  7. organizza manifestazioni pubbliche, cortei, sit-in, convegni, attività culturali e civili e ogni altra attività di sensibilizzazione, informazione e formazione.

Struttura del Comitato per la Pace

Gli aderenti al Comitato per la Pace possono essere sia associazioni e sia cittadini singoli.

Il Comitato per la Pace opera secondo il metodo della partecipazione e della democrazia e al momento della sua costituzione ha la seguente struttura:

  • promotori: sono coloro che firmano il presente atto costitutivo;
  • aderenti: sono coloro che manifestano la volontà di aderire e che vengono elencati in un apposito allegato.

Assemblea Generale

Dopo la costituzione del Comitato per la Pace i promotori e gli aderenti si riuniscono, anche mediante modalità online o modalità miste, in forma di Assemblea Generale eleggendo un Consiglio Direttivo.

Le associazioni designano un loro rappresentante che ha diritto a un voto così come i singoli cittadini.

Consiglio direttivo

Al Consiglio Direttivo spetta il compito di: 

  • coordinare con metodo democratico le attività del Comitato prestando ascolto alle proposte pervenute, organizzando periodici momenti di scambio di idee, anche online;
  • elaborare un piano d’azione con le iniziative da portare avanti, indicando gli obiettivi e i risultati attesi;
  • approvare i comunicati stampa e le modalità di comunicazione pubblica;
  • indicare le persone che partecipano alle conferenze stampa e che si fanno portavoce volta per volta del Comitato cittadino;
  • nominare un rappresentante legale;
  • elaborare eventualmente uno statuto e un regolamento;
  • registrare eventualmente atto costitutivo e statuto.

All’Assemblea Generale spetta il compito dell’eventuale scioglimento del Comitato nel caso in cui venisse espressa la maggioranza qualificata dei due terzi più uno degli aderenti.

Il portavoce e rappresentante legale pro-tempore del Comitato per la Pace è il signor …..

Firme ed email dei promotori del Comitato per la Pace

—-------------------------------------------

In allegato vi sono le Associazioni e i Cittadini che esprimono la volontà di aderire al Comitato per la Pace

—-------------------------------------------

Articoli correlati

  • Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia
    Conflitti
    "Condurre una guerra in un paese con reattori nucleari operativi non è mai accaduto e rompe un tabù"

    Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia

    L'appello dai medici di IPPNW ai governi rappresentati alla Conferenza di Revisione del TNP, affinché venga fatto ogni sforzo per evitare attacchi militari alle centrali nucleari. E' la risposta urgente e decisa alla situazione critica presso la centrale ucraina di Zaporizhzhia.
    13 agosto 2022 - Roberto Del Bianco
  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare
    Pace
    La classe dominante occidentale ci sta portando verso la terza guerra mondiale

    L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare

    Sarei felice di unirmi al coro delle condanne alla Russia se, ogni volta che condanniamo il fatto — del tutto condannabile — che Mosca bombarda l'Ucraina, si aggiungesse anche: “E noi ci impegniamo a non fare mai più nulla di simile in futuro".
    3 luglio 2022 - Carlo Rovelli
  • Perché non armare gli ucraini è una strategia moralmente migliore
    Pace
    E' moralmente sbagliato armare gli ucraini perché li condurrà sulla strada del disastro

    Perché non armare gli ucraini è una strategia moralmente migliore

    Se si armano gli ucraini alla fine si arrecherà un grave danno all'Ucraina. Mentre l'Occidente arma l'Ucraina, i russi reagiranno e finiranno per fare ancora più danni all'Ucraina di quanti ne siano stati fatti finora.
    3 luglio 2022 - John Mearsheimers
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)