Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Un elenco di associazioni

Pacifisti negli Stati Uniti

Gruppi di attivisti, di reti di collegamento e di informazione, centri di ricerca e di diplomazia internazionale. Abbiamo tentato di fare una mappa di quello che si muove contro la guerra nella società civile americana.
17 marzo 2022
Redazione PeaceLink

Un elenco di associazioni e reti pacifiste americane Pacifisti americani

Queste sono alcune realtà di particolare rilievo nel panorama pacifista internazionale statunitense:

— Answer Coalition www.answercoalition.org

— Black Alliance for Peace www.blackallianceforpeace.com

— CodePink www.codepink.org

— Global Network Against Weapons & Nuclear Power in Space www.space4peace.org

— International Action Center www.iacenter.org

— Massachusetts Peace Action www.masspeaceaction.org

— Popular Resistance www.popularresistance.org

— Task Force on the Americas www.taskforceamericas.org

— United National Antiwar Coalition (UNAC) www.unacpeace.org

— U.S. Peace Council www.uspeacecouncil.org

— Women’s International League for Peace and Freedom – US www.wilpf.org

— World BEYOND War www.worldbeyondwar.org/it/

Ci soffermiamo su quest'ultima con cui stiamo collaborando.

World BEYOND War ha una traduzione in italiano e si presenta così:

World BEYOND War è stata fondata il 1° gennaio 2014, quando i co-fondatori David Hartsough e David Swanson hanno deciso di creare un global movimento per abolire l'istituzione della guerra stessa, non solo la "guerra del giorno". Se la guerra deve mai essere abolita, allora deve essere tolta dal tavolo come opzione praticabile. Così come non esiste una schiavitù "buona" o necessaria, non esiste una guerra "buona" o necessaria. Entrambe le istituzioni sono abominevoli e mai accettabili, indipendentemente dalle circostanze. Quindi, se non possiamo usare la guerra per risolvere i conflitti internazionali, cosa possiamo fare? Trovare un modo per passare a un sistema di sicurezza globale che sia supportato dal diritto internazionale, dalla diplomazia, dalla collaborazione e dai diritti umani, e difendere queste cose con azioni non violente piuttosto che con la minaccia della violenza, è il cuore di WBW (World BEYOND War).  Il nostro lavoro include l'istruzione che dissipa i miti, come "La guerra è naturale" o "Abbiamo sempre avuto la guerra", e mostra alle persone non solo che la guerra dovrebbe essere abolita, ma anche che può effettivamente esserlo. Il nostro lavoro include tutta la varietà di attivismo non violento che muove il mondo nella direzione della fine di ogni guerra.

Note: Siete invitati a segnalare altre realtà pacifiste americane scrivendo ad Alessandro Marescotti: a.marescotti@peacelink.org

Articoli correlati

  • Poesie contro la guerra
    Cultura
    Da stampare e distribuire ovunque

    Poesie contro la guerra

    Portare la cultura della pace fra la gente con una poesia è una delle cose più belle e significative che possiamo fare oggi
    23 febbraio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Opinione pubblica europea critica sul ruolo dell'UE nella guerra in Ucraina
    Europace
    Sondaggio di YouGov e Datapraxis condotto in 12 Stati europei

    Opinione pubblica europea critica sul ruolo dell'UE nella guerra in Ucraina

    Il sondaggio è stato commissionato dall'European Council on Foreign Relations (ECFR), un think tank europeo nato per favorire lo sviluppo di una politica estera efficace e coerente fondata su valori europei.
    24 febbraio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Che sta combinando l’Occidente?
    Conflitti
    L’offensiva russa in Ucraina

    Che sta combinando l’Occidente?

    Dopo due anni di resistenza alla guerra di aggressione russa, le prospettive per il popolo ucraino sono pessime. Udo Knapp fa il punto della situazione
    23 febbraio 2024 - Udo Knapp
  • L'Ucraina e il fallimento della "guerra giusta"
    Editoriale
    Inizia il terzo anno di guerra

    L'Ucraina e il fallimento della "guerra giusta"

    I parolai della cosiddetta "guerra giusta" e della "vittoria" ora si trovano di fronte ai frutti avvelenati di una retorica controproducente che sta portando l'Ucraina a incassare sconfitta dopo sconfitta, con un costo umano elevatissimo fra i soldati ucraini e diserzioni crescenti.
    23 febbraio 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)