Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Ritorno al passato

Il ricorso alla tortura è segno della nostra falsa civiltà

Pretendiamo di costruire una società civile con la violenza e non ci accorgiamo che ci stiamo condannando a rivivere il passato.
14 maggio 2004
Santi Greco

Ma cosa ci sta accadendo? Pensavamo di essere arrivati ad acquisire un alto grado di civiltà e invece dobbiamo ammettere di star regredendo. Siamo tornati al periodo delle torture, delle violenze fisiche per ottenere le informazioni che vogliamo dai prigionieri.
Oggi abbiamo sotto gli occhi le immagini dei prigionieri iracheni, ma ieri c’erano quelle dei prigionieri della base di Guantanamo, e prima ancora, quelle dei prigionieri cinesi, kurdi, ecc. Se ci fermiamo a pensare, una lunga catena di esseri torturati si dipana dinanzi ai nostri occhi, a segnare i passi della nostra storia, ed ogni passo rivela una sofferenza.
Come è possibile che il nostro cuore sia diventato così insensibile da tollerare di essere causa di sofferenze per un'altra persona, fino ad arrivare a compiacersi nel guardar soffrire gli altri? Sono gli avvenimenti, si risponde, a costringere ad usare le maniere forti. Quando il nemico non vuole cedere, bisogna ricorrere a qualunque mezzo per farlo capitolare.
Così ci troviamo a parlare di guerra, tortura, capitolazione, rappresaglia, ad usare parole che nulla hanno in comune con la nostra tanto decantata civiltà. Vogliamo edificare il nostro futuro usando strumenti di distruzione e ci vantiamo pure di star facendo l’unica cosa giusta.
La colpa è del nemico che si rifiuta di capire le nostre ragioni, mentre noi abbiamo sempre cercato di dialogare. Visto che si usano contro di noi mezzi violenti, siamo costretti a rispondere con le stesse armi. Questa è la vera globalizzazione che stiamo costruendo: tornare al vecchio “occhio per occhio e dente per dente”.
Possibile che non riusciamo a vedere altre vie d’uscita dalla morsa della violenza? E’ necessario rispondere sempre male per male? Se provassimo con altre risposte, con mezzi che tengano fuori la violenza? Esistono tecniche di risposta nonviolenta che attendono di essere applicate. Perché non provarci? Se non lo facciamo come possiamo dire che non funzionano? Eppure preferiamo rinunciare al buon senso e lasciar spazio solo a ciò che è istintivo.

Articoli correlati

  • Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile
    Pace
    Eirenefest: non solo una fiera di libri, ma soprattutto un ambito di convergenza

    Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile

    Mancano pochi giorni al via del primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza, un mega evento che si terrà a Roma dal 2 al 5 giugno prossimi: un tentativo di sfidare le radici della guerra - egoismo, violenza, sopraffazione - coltivando, tutti insieme, una convergenza di valori opposti.
    22 maggio 2022 - Olivier Turquet
  • Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange
    Conflitti
    Putin: il nuovo Bush?

    Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange

    Commettendo ciò che molti giornali chiamano “il lapsus freudiano del secolo”, l’ex presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, ha inavvertitamente definito la propria invasione dell’Iraq nel 2003 come “ingiustificata e brutale.” Proprio ciò che Julian Assange aveva rivelato 12 anni fa.
    23 maggio 2022 - Patrick Boylan
  • Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra
    Pace
    Affollata assemblea preparativa a Roma

    Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra

    “Il padronato vuole comprarci col bonus governativo di €200? Se li metta in quel posto”, ha tuonato un rappresentante sindacale. “Noi, il 20, scioperiamo contro la sua guerra che causa inflazione, aumento di prezzi, cassa integrazione nelle industrie vulnerabili, tagli alla sanità e ai servizi".
    8 maggio 2022 - Patrick Boylan
  • Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina
    Conflitti
    Scomparsi i negoziati e la parola "pace"

    Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina

    Il discorso pubblico sulla guerra in corso si va modificando in modo rapido e sostanziale ma, al contempo, poco visibile e perciò “indolore”. Questi cambiamenti così rilevanti raramente sono oggetto di discussione in quanto tali e questo può contribuire a renderli invisibili ai nostri occhi.
    1 maggio 2022 - Daniela Calzolaio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)