Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Puntualizzazioni sulla liberazione degli ostaggi italiani

Emergency risponde alle dichiarazioni di Maurizio Scelli (Croce Rossa)

L'associazione umanitaria, da anni impegnata in Iraq, ha emesso due comunicati stampa relativamente alle dichiarazioni offensive di Scelli e sul rilascio degli ostaggi.
13 giugno 2004
Ufficio Stampa Emergency
Fonte: Sito ufficiale Emergency - http://www.emergency.it - 11 giugno 2004


Le dichiarazioni di Maurizio Scelli su Emergency

Rispondere alle offensive affermazioni del commissario straordinario della
Croce Rossa Italiana risulta doveroso per il rispetto dovuto al personale
di Emergency, continuativamente in Iraq dal 1995, dove è giunto ed è
rimasto ininterrottamente a proprio pericolo e senza la protezione di alcun
apparato militare, curando oltre 300mila persone anche nei contesti dei
violentissimi combattimenti che hanno avuto luogo nel Nord del Paese negli
anni tra il 1995 e il 1999.

Nel corso della guerra, nel 2003, il personale di Emergency ha portato
aiuti a Karbala e a Bagdad nonostante e contro i suggerimenti di autorità
civili e militari che prospettavano problemi di sicurezza.

Se qualche "confronto" fosse sensato, sarebbe più opportuno avesse ad
oggetto il contenuto quantitativo e qualitativo delle attività di cura,
l'impiego delle risorse e la trasparenza della gestione, non il livello
mediocre e sguaiato di un millantato "coraggio fisico": un confronto
questo, peraltro, tra chi viaggia al seguito delle truppe e chi ha portato
aiuti a Karbala, a Baghdad, a Falluja durante gli scontri armati e sotto le
bombe che, dalla stessa provenienza, cadevano nei 2001 sull'Afganistan come
più recentemente sull'Iraq.

Sul rilascio degli ostaggi

Martedì 8 giugno, alla notizia della liberazione degli ostaggi, altro non
abbiamo detto che la nostra soddisfazione e il nostro sollievo.
Il coinvolgimento di Emergency nella vicenda poteva così essere concluso.

Nelle giornate di mercoledì 9/6 e di giovedì 10/6 sono comparse sulla
stampa congetture circa trattative, riscatti offerti o richiesti, presunti
segnali "in codice" da parte degli ostaggi in un video. Nel contesto di
queste esposizioni, era citata Emergency.

La sola cosa che ci riguardi, e che ovviamente confermiamo, è che Emergency
è stata impegnata in un tentativo di rilascio, richiesto a puro titolo
umanitario. Questa iniziativa è stata assunta in seguito a una
dichiarazione dei sequestratori, nella quale si manifestava la
disponibilità a un rilascio ad appartenenti al mondo del "pacifismo"
italiano: la nostra presenza in Iraq per attività umanitarie, dal 1995, ci
ha fatto ritenere possibile una nostra funzione utile.

Abbiamo ritenuto doveroso chiarire che in nessun momento le nostre
richieste avevano l'aspetto di uno scambio tra gli ostaggi e denaro.
Lo abbiamo ritenuto doveroso verso i nostri sostenitori, che appoggiano le
attività umanitarie di cura dell'associazione. Esclusivamente a questo
scopo ci riteniamo autorizzati a impegnare il denaro che riceviamo.

La decisione di rispondere a interviste è stata assunta per fornire questa
precisazione.
Nel chiarire questo aspetto - il solo che ci interessasse - diventava
imprescindibile una sincera esposizione di quanto ci era stato detto e
avevamo sentito dire, anche in merito all'eventualità di un riscatto e di
un suo ammontare, oltre che alle modalità del rilascio.

Vogliamo ribadire di avere riferito solo quanto ci è stato detto, senza
alcuna ingenua confusione tra ciò che viene affermato da interlocutori
decisamente problematici e la verità dei fatti.

(Approfondimenti su quanto riferito da queste fonti sono stati pubblicati
da http://www.peacereporter.net)

Note: EMERGENCY ONLUS - ONG - VIA OREFICI 2 - 20123 MILANO - TEL. 02863161 FAX
0286316336
info@emergency.it - www.emergency.it - CODICE FISCALE 97147110155 - C/C
POST. 28426203






Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)