Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
Puntualizzazioni sulla liberazione degli ostaggi italiani

Emergency risponde alle dichiarazioni di Maurizio Scelli (Croce Rossa)

L'associazione umanitaria, da anni impegnata in Iraq, ha emesso due comunicati stampa relativamente alle dichiarazioni offensive di Scelli e sul rilascio degli ostaggi.
13 giugno 2004 - Ufficio Stampa Emergency
Fonte: Sito ufficiale Emergency - http://www.emergency.it - 11 giugno 2004


Le dichiarazioni di Maurizio Scelli su Emergency

Rispondere alle offensive affermazioni del commissario straordinario della
Croce Rossa Italiana risulta doveroso per il rispetto dovuto al personale
di Emergency, continuativamente in Iraq dal 1995, dove è giunto ed è
rimasto ininterrottamente a proprio pericolo e senza la protezione di alcun
apparato militare, curando oltre 300mila persone anche nei contesti dei
violentissimi combattimenti che hanno avuto luogo nel Nord del Paese negli
anni tra il 1995 e il 1999.

Nel corso della guerra, nel 2003, il personale di Emergency ha portato
aiuti a Karbala e a Bagdad nonostante e contro i suggerimenti di autorità
civili e militari che prospettavano problemi di sicurezza.

Se qualche "confronto" fosse sensato, sarebbe più opportuno avesse ad
oggetto il contenuto quantitativo e qualitativo delle attività di cura,
l'impiego delle risorse e la trasparenza della gestione, non il livello
mediocre e sguaiato di un millantato "coraggio fisico": un confronto
questo, peraltro, tra chi viaggia al seguito delle truppe e chi ha portato
aiuti a Karbala, a Baghdad, a Falluja durante gli scontri armati e sotto le
bombe che, dalla stessa provenienza, cadevano nei 2001 sull'Afganistan come
più recentemente sull'Iraq.

Sul rilascio degli ostaggi

Martedì 8 giugno, alla notizia della liberazione degli ostaggi, altro non
abbiamo detto che la nostra soddisfazione e il nostro sollievo.
Il coinvolgimento di Emergency nella vicenda poteva così essere concluso.

Nelle giornate di mercoledì 9/6 e di giovedì 10/6 sono comparse sulla
stampa congetture circa trattative, riscatti offerti o richiesti, presunti
segnali "in codice" da parte degli ostaggi in un video. Nel contesto di
queste esposizioni, era citata Emergency.

La sola cosa che ci riguardi, e che ovviamente confermiamo, è che Emergency
è stata impegnata in un tentativo di rilascio, richiesto a puro titolo
umanitario. Questa iniziativa è stata assunta in seguito a una
dichiarazione dei sequestratori, nella quale si manifestava la
disponibilità a un rilascio ad appartenenti al mondo del "pacifismo"
italiano: la nostra presenza in Iraq per attività umanitarie, dal 1995, ci
ha fatto ritenere possibile una nostra funzione utile.

Abbiamo ritenuto doveroso chiarire che in nessun momento le nostre
richieste avevano l'aspetto di uno scambio tra gli ostaggi e denaro.
Lo abbiamo ritenuto doveroso verso i nostri sostenitori, che appoggiano le
attività umanitarie di cura dell'associazione. Esclusivamente a questo
scopo ci riteniamo autorizzati a impegnare il denaro che riceviamo.

La decisione di rispondere a interviste è stata assunta per fornire questa
precisazione.
Nel chiarire questo aspetto - il solo che ci interessasse - diventava
imprescindibile una sincera esposizione di quanto ci era stato detto e
avevamo sentito dire, anche in merito all'eventualità di un riscatto e di
un suo ammontare, oltre che alle modalità del rilascio.

Vogliamo ribadire di avere riferito solo quanto ci è stato detto, senza
alcuna ingenua confusione tra ciò che viene affermato da interlocutori
decisamente problematici e la verità dei fatti.

(Approfondimenti su quanto riferito da queste fonti sono stati pubblicati
da http://www.peacereporter.net)

Note:

EMERGENCY ONLUS - ONG - VIA OREFICI 2 - 20123 MILANO - TEL. 02863161 FAX
0286316336
info@emergency.it - www.emergency.it - CODICE FISCALE 97147110155 - C/C
POST. 28426203

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)