Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Le vittime irachene si contano a centinaia

L'attacco Usa in Iraq mette a rischio gli italiani

Manifestazioni civili di protesta irachene in tutta la nazione. Governo Usa e governo italiano porteranno la responsabilità morale per ogni vittima italiana, il primo per aver fatto precipitare la situazione, il secondo per il suo tacito assenso.
12 agosto 2004

L'Ansa continua a riferire che a Nassiriya ci sono preoccupanti disordini: "Nel corso della notte, i militari italiani sono stati costretti per due volte a rispondere al fuoco degli insorti. In entrambi i casi, hanno precisato fonti del comando del contingente nazionale, non ci sono state conseguenze per i soldati italiani, ma la tensione rimane altissima".

Il governo italiano porta le responsabilità di non condannare i bombardamenti Usa e le stragi causate da attacchi di proporzioni e caratteristiche che ormai fuoriescono dalla Convenzione di Ginevra.

Non solo una guerra e un'occupazione illegale: ora siamo al crimine di guerra.

Governo Usa e governo italiano sono da ora in poi responsabili morali di ogni vittima italiana che vi potrà essere a Nassiriya.

Governo Usa e governo italiano porteranno la responsabilità morale anche di ogni atto terroristico in suolo italiano.

Alla condanna inequivocabile del terrorismo non si può infatti disgiungere la condanna di chi lo sta alimentando con una pressione senza precedenti in Iraq.

Non è più tollerabile l'attuale silenzio del governo italiano: ormai siamo di fronte ad un tacito e criminale assenso.

Note: Alle ore 18, mentre scrivo queste righe, sul sito www.governo.it si può leggere solo questo comunicato:

Iraq: telefonata Berlusconi -Dalzini

Lunga e cordiale telefonata del Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, con il Generale Corrado Dalzini, comandante del contingente italiano a Nassiriya. Al centro della conversazione sono stati gli ultimi sviluppi della situazione nel sud del Paese. Il Presidente del Consiglio Berlusconi infine ha ringraziato il Generale Dalzini e lo ha pregato di estendere i suoi complimenti e i suoi ringraziamenti a tutti i militari italiani impegnati nella missione di pace in Iraq.

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)