Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Sarno: un mese di carcere ad un sindacalista dell'USI

6 settembre 2004
Commissione Corrispondenza della Federazione Anarchica Italiana

Il compagno Sabatino Capatano dell'USI è stato condannato ad un mese di reclusione per "mancata comunicazione" alla questura di una manifestazione. Il fatto è di inaudita gravità, perché lede gravemente la libertà di espressione e manifestazione. Pubblichiamo di seguito il comunicato di solidarietà redatto dalla CdC della FAI.
"In difesa del diritto a esprimersi, solidarietà a Sabatino.
La Commissione di Corrispondenza della FAI apprende con disappunto della recente condanna a un mese di carcere inflitta al compagno Sabatino Catapano, della Commissione Esecutiva dell'USI-AIT, per i "fatti" del primo maggio 2002.
Quel giorno, unica "colpa" del compagno fu essere l'animatore di un'iniziativa pubblica con dibattito sullo sfruttamento e sulla situazione internazionale, tenuto nel suo paese, Sarno, dove da decenni Sabatino è animatore sociale, culturale e organizzatore sindacale. Il pretesto, "mancata comunicazione" dell'iniziativa al questore.
Di fronte a questo ennesimo attacco alla libertà di espressione, nonché ennesimo tentativo di criminalizzazione e intimidazione del dissenso (Sabatino già negli anni passati era stato oggetto di minacce poliziesche) la CdC della FAI invita i libertari, i militanti del sindacalismo autogestionario e di base e gli sfruttati in generale a riprendersi il diritto di parola, organizzazione ed azione sociale. Lo possiamo riavere solo praticandolo, riprendendoci, con la nostra attività, gli spazi pubblici nelle piazze, nelle strade e nei luoghi di lavoro.
La nostra piena solidarietà a Sabatino e a tutta l'USI-AIT.
Reggio Emilia, 01/08/2004

Articoli correlati

  • Argentina: repressione e grilletto facile
    Latina
    Tra il 17 e il 21 novembre 2021 la polizia ha ucciso due giovani, vittime di razzismo e pregiudizio

    Argentina: repressione e grilletto facile

    Il mapuche Elías Garay lottava per il diritto alla terra della sua comunità. Lucas González era un ragazzo delle periferie che sognava di fare il calciatore.
    4 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos
    Latina
    Il presidente Duque militarizza il paese e utilizza il pugno di ferro

    Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos

    Eppure il levantamiento non si ferma, frutto di una protesta contro le disuguaglianze sociali figlie del duqueuribismo, ma non solo
    4 giugno 2021 - David Lifodi
  • Paraguay: la protesta non si ferma
    Latina
    Il paese è al collasso sanitario, ma il governo prosegue la repressione contro i movimenti sociali

    Paraguay: la protesta non si ferma

    La temporanea sparizione mediatica del presidente Abdo non ha placato la rabbia contro i colorados
    6 aprile 2021 - David Lifodi
  • Come la banana ha cambiato il mondo (VIDEO)
    Latina
    America Centrale

    Come la banana ha cambiato il mondo (VIDEO)

    Una storia che parla di sfruttamento, omicidi, corruzione, furti di terra, colpi di stato e tanto altro
    18 agosto 2020 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)