Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Stampa sull'asfalto i messaggi inviati dal web

La bici antiguerra di Joshua Kinberg, collegata senza fili a Internet

E' stato arrestato il 29 agosto 2004 mentre veniva intervistato per strada da Ron Reagan della rete televisiva Msnbc. Venerdì 29 settembre Joshua dovrà presentarsi in tribunale.
Daniele Marescotti7 settembre 2004

Biciclette contro Bush
"Bikes against Bush", ovvero bicilette contro Bush. Si tratta di una protesta arrivata simultaneamente online e sulle strade di New York City durante la Convention Repubblicana del 2004. Usando un sistema wireless, cioè senza fili, la bicicletta viene abilitata a ricevere e stampare messaggi di testo mandati dal web direttamente sul manto stradale di Manhattan. Il tutto avviene mediante un sofisticato congegno che trasforma i messaggi digitali che viaggiano nell'aria in scritte visibili a tutti. L'inchiostro è idro-solubile per rispettare l'ambiente.
E' una forma di mediattivismo del tutto innovativa e creativa.
Joshua Kinberg


Joshua Kinberg è l'animatore del movimento di ciclisti che con i loro veicoli a due ruote stampano le scritte anti-Bush. Il giorno 29 agosto 2004, mentre veniva intervistato per strada dal giornalista Ron Reagan della Msnbc, una rete televisiva americana, è stato arrestato.
La bici sequestrata a Joshua
"Il mio equipaggiamento, la mia bicicletta, il mio computer, il mio cellulare e tutti i miei congegni elettronici sono stati confiscati", ha detto Joshua.
Alcuni giornalisti l'hanno definita la protesta più "high tech" pianificata contro Bush.
Joshua è stato accusato di apporre scritte offensive e sopratutto di danneggiare la proprietà privata con tali scritte.
Venerdì 29 settembre Joshua dovrà presentarsi in tribunale.

Per mandare messaggi di solidarietà si può scrivere a info@bikesagainstbush.com

oppure è possibile andare alla pagina web in cui c'è una finestra per comunicare con Joshua http://www.bikesagainstbush.com/blog/contact.php

Il filmato del suo arresto è visibile in rete all'indirizzo http://www.bikesagainstbush.com/blog/arrest.html
Sullo stesso sito si possono peraltro ammirare le virtù tecnologiche della speciale bicicletta di Joshua.

Egli ha dichiarato a questo proposito: "Il flusso delle parole va dal web alla mia bicicletta, formattato come un messaggio di testo, e quindi sul mio cellulare. Quindi posso cliccare su "stampa", e ciò controlla l'unità di stampa sul retro della mia bicicletta che permette il trasferimento della vernice sul manto stradale. E' come se fosse una scritta sul cielo ma è fatta sulla strada o sul marciapiede. Si può cancellare come il gesso dalla lavagna".

Note: Clicca su http://www.bikesagainstbush.com per saperne di più.

Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange
    Pace
    Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

    Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

    Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
    7 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)