Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Solidarieta' a Bagdad

I bambini iracheni in piazza per Simona e Simona, Ra'ad Alì Abdul-Aziz e Mahnaz Bassam

Si sono radunati nella piazza del Paradiso, nel centro della capitale.
9 settembre 2004
repubblica.it e ansa.it

Bambini manifestano a Bagdad il 9 settembre 2004 per il rilascio delle persone rapite Alcune decine di bambini hanno manifestato questa mattina a Bagdad chiedendo la liberazione di Simona Pari e Simona Torretta e degli altri due iracheni rapiti con loro. I bambini, accompagnati dai genitori e da altri sostenitori dell'organizzazione "Un ponte per Bagdad', si sono radunati nella piazza del Paradiso, nel centro della capitale, resa celebre dalle immagini del carro armato americano che al suo ingresso a Bagdad abbattè la statua raffigurante Saddam Hussein.

''Il Ponte per Baghdad e' un ponte per la speranza'' urla una donna che si appella ''ai santi e ai profeti'' affinche' le due Simone e i loro due compagni possano tornare immediatamente liberi.

A manifestare sono tutti iracheni che hanno conosciuto le ragazze rapite ma che soprattutto hanno goduto della loro assistenza. C'e' la mamma di Bashar Najif, 14 anni: ''Mio figlio e' malato da quando ne aveva 4 - ci racconta - e nei lunghi anni di embargo le uniche persone che hanno potuto rifornirlo di medicinali e quindi salvargli la vita sono state loro. Adesso siamo qui perche' tocca a noi pregare per salvare la loro vita''.

Ricordiamo che assieme alle italiane sono stati rapiti i volontari locali Ra'ad Alì Abdul-Aziz e Mahnaz Bassam.

Articoli correlati

  • La via insanguinata dell’oro, dell'argento e dei diamanti
    Editoriale
    Se cominciassimo ad avere maggiore informazione, coscienza e cultura

    La via insanguinata dell’oro, dell'argento e dei diamanti

    Dietro fedi nuziali, regali di nozze, cresime e battesimi, dietro l’oro, l’argento o i diamanti che regaliamo, c’è spesso un bambino sfruttato che lavora nelle miniere dell’Africa, dell’Asia e del Sud-America.
    10 maggio 2020 - Dale Zaccaria
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
  • PeaceLink è ancora qui, dalla parte del futuro e dei bambini
    Editoriale
    Lettera di PeaceLink ai donatori e agli amici

    PeaceLink è ancora qui, dalla parte del futuro e dei bambini

    Avete visto che fine hanno fatto i politici che volevano cambiare il mondo e poi hanno tradito la fiducia degli elettori e gli ideali a cui dicevano di ispirarsi? Noi invece in ventotto anni di iniziative ispirate al volontariato abbiamo detto verità scomode, e non vogliamo smettere!
    14 dicembre 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)