Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Roma: La Pace è nella Finanziaria?

2 dicembre 2004

Campagna di Obiezione alle Spese Militari e per la Difesa Popolare Nonviolenta
ControllARMi — Rete Italiana per il Disarmo
Sbilanciamoci

organizzano una giornata dedicata al tema:

La Pace è nella Finanziaria?
Roma, Giovedì 2 dicembre 2004

NO all’aumento delle spese militari nella finanziaria

SI all’impegno dello Stato nella costruzione di alternative alla difesa armata, per il disarmo, la Pace, il transarmo, la difesa alternativa e la nonviolenza

Presidio—Denuncia dell’aumento delle spese militari
dalle 10,30 alle 14,30 davanti al Senato della Repubblica Palazzo Madama, in corsia Agonale

Convegno
Spese militari nel 2005:
proposte, campagne e iniziative per la loro riduzione

ore 15.00 - Albergo Raphael, Largo Febo 2

Aderiscono all’iniziativa: LOC, Casa Pace di Milano, Agenzia per la Pace di Sondrio, Guerra e Pace, Gavci di Bologna,

Una giornata di riflessione sulle spese militari
Per il terzo anno consecutivo come Campagna di Obiezione alle Spese Militari per la Difesa popolare non violenta, quest’anno assieme alla Rete Italiana Disarmo e la Campagna Sbilanciamoci, invitiamo alla giornata di denuncia e di riflessione sull’aumento delle spese militari in Italia, che fa da contraltare ai tagli alle spese sociali.
A chi è sensibile al tema della costruzione della pace e all’opposizione alla guerra offriamo la possibilità di manifestare il proprio dissenso sulle politiche di guerra del Paese nel luogo in cui vengono definite e di incontrarsi per una riflessione su cosa fare nel prossimo anno per la Pace.
Vogliamo offrire a tutto il movimento della Pace italiano un’occasione per fare il punto della situazione e rilanciare alcuni contenuti che riteniamo fondamentali per un progetto politico della Pace.
Ci vorrà del tempo ma siamo convinti che solo il coordinamento e l’ascolto di tutte le iniziative di Pace possano portare ad una integrazione che, partendo dal ciclo delle armi e dallo scenario bellico attuale, porti ad evidenziare un percorso autonomo e concreto per una politica di pace.
Ci chiediamo come mai, a fronte di una diffusa obiezione alla guerra, il Presidente della Repubblica proponga l’aumento delle spese militari, "benedica" la nuova portaerei italiana e, a seguito della nostra petizione per inserire nella festa del 2 giugno una riflessione sull’art.11 della Costituzione, ci abbia inviato una lettera con cui ha rifiutato un incontro in merito.
Nel corso dell’ultimo ’anno i militari hanno avuto, rispetto agli altri cittadini italiani, numerose regalie: la possibilità di andare in pensione con il sistema precedente, assunzioni privilegiate all’interno delle forze di polizia e dello Stato, contratto di lavoro rinnovato mentre tutte le altre categorie del pubblico impiego sono in attesa da oltre un anno.
Non basta! Il Presidente del Consiglio italiano propone all’Europa che le spese militari non vengano considerate nel calcolo del rapporto Pil-deficit pubblico del 3% e possano, di conseguenza, aumentare senza controllo.
Vogliamo denunciare col presidio lo spreco di risorse che lo Stato impegna nelle armi e nell’apparato militare industriale.
Vogliamo che le truppe italiane vengano ritirate dall’Iraq dove non operano nell’ambito di un progetto di pace ma sono di sostegno all’occupazione militare anglo-americana.
Il Presidio è preceduto da un digiuno per una Finanziaria di pace cui aderiscono numerosi obiettori e parlamentari per la riduzione delle spese militari e per l’incremento delle spese sociali nella finanziaria del 2005.

Manda la tua adesione all’iniziativa o tramite e-mail a: locosm@tin.it o telefona al 02/58.10.12.26 — per informazioni urgenti 328.688.2.602.

Programma del convegno
"Spese militari nel 2005: proposte, campagne e iniziative per la loro riduzione"

Roma, 2 dicembre 2004
ore 15.00 Albergo Raphael, Largo Febo 2


La Pace nella Finanziaria. La Pace come progetto politico in alternativa alla guerra
a cura di Massimo Aliprandini (Campagna Osm/Loc)

Tavola rotonda con interventi dei parlamentari ed esperti invitati
coordina Padre Angelo Cavagna promotore del digiuno per una Finanziaria di Pace

Le spese militari nella Finanziaria 2005
a cura di Massimo Paolicelli (Associazione Obiettori Nonviolenti)

Le proposte di spesa statale alternativa
a cura di Giulio Marcon (Campagna Sbilanciamoci)

Intrecci fra finanza ed armi
a cura di Francesco Vignarca (ControllARMI — Rete Italiana Disarmo)

Dibattito conclusivo


Verrà distribuita ai partecipanti una cartelletta con la documentazione degli interventi, chiunque abbia intenzione di aggiungere documenti di lavori o sulle campagne ai materiali del convegno può contattare:
Loc Milano: locosm@tin.it o telefonare al 02/58.10.12.26 (14,30-18,30) per informazioni urgenti 328.688.2.602.

Allegati

Articoli correlati

  • Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare
    Pace
    Lo studio A/57/124 è stato richiesto con risoluzione 55/33 dell'Assemblea Generale ONU 20/11/2000

    Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare

    Questo studio è stato presentato al primo comitato dell'Assemblea generale dell'ONU nella sua 57a sessione il 9 ottobre 2002. Nello studio si prevede che l'educazione al disarmo proietti a tutti i livelli i valori della pace, della tolleranza, della nonviolenza e del dialogo fra i popoli.
    23 marzo 2021 - Redazione PeaceLink
  • TPAN: che fare adesso
    Pace
    Trattato ONU di Proibizione Armi Nucleari

    TPAN: che fare adesso

    Comunicato stampa: incontro su Internet svoltosi il 22 gennaio 2021 - azione non celebrazione
    23 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Da oggi le armi nucleari diventano illegali
    Editoriale
    Svolta storica nel diritto internazionale

    Da oggi le armi nucleari diventano illegali

    Entra in vigore il TPNW (Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons), detto anche TPAN (Trattato di Proibizione della Armi Nucleari. Le armi nucleari vengono messe al bando in quanto armi indiscriminate. E' una vittoria del movimento pacifista internazionale e della campagna ICAN.
    22 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane
    Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)