Pace

RSS logo

Mailing-list La nonviolenza è in cammino

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista La nonviolenza è in cammino

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri
  • E' morto Fidel Castro

    E' morto Fidel Castro

    26 novembre 2016 - Marinella Correggia
La richiesta alla CEI di sacerdoti e laici

ADESSO BASTA! RITIRATE I CAPPELLANI MILITARI DALL’IRAQ.

Si può aggiungere il proprio nome alla lista contattando i Beati costruttori di pace: beati@libero.it
13 dicembre 2004
Fonte: Adista - 04 dicembre 2004

Sul massacro di Falluja ad opera delle forze armate statunitensi è calato un silenzio assoluto, anche da parte della Chiesa italiana. Questo silenzio “è peccato” e rischia di essere interpretato come una complicità e “connivenza” con gli oppressori. Per questo motivo, l’associazione Beati i costruttori di pace ha preso l’iniziativa di rivolgere un appello ai vescovi italiani perché parlino: “noi vi supplichiamo- si legge – di dire da pastori una parola di pietà per i morti, di consolazione per i sopravvissuti e di condannare il peccato di chi continua ad uccidere”.
Ma, insieme alla parola, ai vescovi è chiesto un segno forte e visibile: ritirare i cappellani militari “che in questo momento sono assieme ai soldati italiani, di fatto parte della coalizione responsabile di quanto sta avvenendo”. L’appello, cui hanno già aderito, tra i primi, don Albino Bizzotto, don Luigi Ciotti, padre Alex Zanotelli, don Andrea Gallo, don Vinicio Albanesi, è già stato sottoscritto da decine di preti, religiosi e religiose, e centinaia di laici. Si può aggiungere il proprio nome alla lista contattando i Beati costruttori di pace: beati@libero.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)