Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Il grande Sirkosky
    Microstoria di un incendio e dell'irrazionalità di chi non lo previene

    Il grande Sirkosky

    Mantenere un canadair in Italia è costoso, ma previene gli incendi. Quanto ci costa invece tenere attivi gli elicotteri per l'esercito?
    14 aprile 2012 - Gregorio Piccin
  • Nuovo Trattato: le due strade dell'Europa

    Nuovo Trattato: le due strade dell'Europa

    30 dicembre 2011 - Virgilio Dastoli
  • Haiti. L’innocenza violata
    Libro di Marco Bello e Alessnadro Demarchi

    Haiti. L’innocenza violata

    Chi sta rubando il futuro del paese?
    3 febbraio 2011 - Flaviano Bianchini
  • Commemorazione di Giovanni Falcone

    Pensa ... ma non troppo e non con la tua testa

    Durante la commemorazione di Falcone nell'aula bunker di Palermo un giovane ha inchiodato il ministro dell'Interno alle responsabilità della classe politica italiana. E' stato insultato e deriso.
    31 maggio 2007 - Alessio Di Florio
AIUTI

Le tre carte italiane

8 gennaio 2005 - Raffaele K. Salinari
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Continua il gioco delle tre carte per gli aiuti italiani alle popolazione colpite dal maremoto. Il Ministro del tesoro «libera» 35 milioni di euro da affidare alla Cooperazione raschiando il fondo del barile di un dicastero già ridotto ai minimi termini. Per far fare bella figura a Fini non si esita a spostare i residui, già previsti per altre operazioni di aiuto, verso l'area certo più colpita ma oggi anche più coperta dai media. Manovra grave: in primo luogo perché convoglia verso una zona, seppur in grave situazione, cifre destinate ad altre popolazioni in stato di necessità, mettendole in competizione tra loro, e poi perché non sappiamo in che tempi si spenderanno i fondi, dato che la struttura della Farnesina non è in grado di assicurare interventi di vera emergenza. La legge operante, la 49 dell' 87, non prevede queste procedure. Due le conseguenze: un fondo per la cooperazione che l'anno prossimo sarà pari a zero, e dunque in caso di altri disastri nessuno potrà contare sull'aiuto pubblico italiano, a meno che non si lanci una seconda Operazione Arcobaleno sottraendo fondi privati a beneficio dello stato, e una gara all'accaparramento dei fondi da parte di imprese private od Ong che pur non operando nella zona si scopriranno una vocazione in tal senso. Accantonata per il momento la guerra tra Fini e Protezione civile continua dunque quella del posizionamento italiano in campo internazionale. Ma le misure straordinarie senza una riforma della cooperazione potranno supplire forse a un problema politico contingente, certamente non risponderanno ai problemi di un aiuto efficiente. I fondi dovevano e potevano essere trovati altrimenti, come più volte ha spiegato la campagna Sbilanciamoci. Ma è nel merito della gestione che si dovrà aprire un osservatorio indipendente per valutare se i fondi andranno a buon fine, e in che tempi, se saranno davvero utilizzati da chi conosce la zona e opera attraverso partners locali affidabili.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)