Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

Parco dell'Alta Murgia in Puglia: dal rifiuto delle guerre alla difesa del territorio

Poligoni militari, incontro per l'organizzazione della Marcia di Primavera 2005

sabato 5 febbraio 2005
alle ore 16,00
nella Masseria Martucci
Contrada Parisi
SP 330 (ex SS. 378) Altamura-Corato
4 febbraio 2005 - www.altramurgia.it

Vi invitiamo a partecipare al primo incontro dell'anno nuovo per discutere e decidere il da farsi, sulla base di due considerazioni:

- la prima riguarda la bozza dell'appello che potete scaricare in formato PDF da http://www.altramurgia.it e che è riportato qui sotto nelle note;

- la seconda riguarda più direttamente un tema fondamentale della marcia: i poligoni di tiro militari nel Parco dell'Alta Murgia, nella Puglia e sulla terra.

Per questo all'incontro abbiamo invitato

Beppe Nardulli
Scienziati per il disarmo

Alessandro Marescotti
Peacelink

i quali faranno una breve relazione sullo stato dell'arte circa le questioni militari in Europa e nel Mediterraneo.

Note:

APPELLO PER LA MARCIA DI PRIMAVERA

Il nostro appello vi giunge dal cuore del Meridione d’Italia, da una vasta area collocata al confine tra la Puglia e la Lucania e nella quale si concentrano alcuni tra i principali e contraddittori processi che investono il mondo della cosiddetta globalizzazione.
Un territorio vocato alla pace ma costretto ad essere ancora teatro per esercitazioni di guerra; un patrimonio storico e ambientale di inestimabile valore ma continuamente saccheggiato e devastato da interessi forti e da illegalità diffuse, da indifferenze e da responsabilità istituzionali; una
grande disponibilità al sacrificio e alla fatica spesso umiliata dalla negazione di diritti e di soli-darietà.
Il nostro appello intende ricongiungersi alle tante iniziative di lotta di ieri e di oggi, e mira a saldare il patrimonio di esperienze maturate all’interno di un movimento ricco e variegato: dalle marce Gravina-Altamura a Scanzano Ionico; dal rifiuto delle guerre e delle basi militari presenti sul territorio a quelle dei siti di stoccaggio nucleare; dal parco dell’Alta Murgia a quello delle Gravine, alla difesa delle coste adriatiche e ioniche dall’assalto del cemento e delle varie forme di inquinamento…
Il nostro appello si rivolge a tutti coloro che sono impegnati a difendere i propri spazi e la qualità
della vita e del lavoro dalle aggressioni cieche e irreversibili dei potenti e dei furbi; si rivolge a
quanti praticano forme di politica dal basso, che solidarizzano con i migranti e che mirano alla
realizzazione di progetti concreti e durevoli a beneficio della collettività.
È questo popolo variegato che vorremmo ritornasse a marciare come ha fatto sull’Alta Murgia o a
Scanzano un anno fa, conseguendo per questo significativi successi che, tuttavia, risultano essere
oggi ancora provvisori.
È il caso del Parco nazionale dell’Alta Murgia, finalmente istituito sulla carta ma che, in realtà,
registra ancora la presenza dei cinque poligoni militari, dei veleni riversati su ampie superfici
che attendono di essere bonificate; e continua ad essere usato, da chi dovrebbe invece tutelarlo,
come merce di scambio per favorire interessi equivoci ai danni della collettività e dell’ambiente.
È il caso di Scanzano, simbolo sempre pendente di scelte assurde calate dall’alto in forme anti-democratiche.
È il caso del parco delle Gravine, un eccezionale ecosistema umiliato e continuamente ferito dal
degrado…
È il caso di tante altre piccole e grandi questioni aperte a indurci alla necessità di creare un altro
grande momento di confronto, per socializzare e rafforzare tali esperienze e rappresentarle con
fermezza a chi, senza cura, governa i nostri territori.
Dal basso verso l’alto, con un’unica voce, per dire che il mondo è realmente tutto attaccato e
perché ogni vertenza trovi ulteriore linfa per proseguire verso le mete auspicate.
Per ribadire con forza la nostra volontà di costruire nel Sud e nel Mediterraneo ponti di pace e di
solidarietà, per rivendicare le scelte condivise in difesa dell’ambiente e della legalità, della par-tecipazione
attiva e democratica...
12.11.2004
Comitati Alta Murgia (CAM)
http://www.altramurgia.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)