Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Liberate una donna di pace

Comunicato Stampa Rete Lilliput
4 febbraio 2005
Segreteria Rete Lilliput

Il GLT nonviolenza e conflitti della Rete Lilliput esprime solidarietà a
Giuliana Sgrena, rapita a Bagdhad, in un giorno di guerra. Siamo vicini a
lei, ai suoi familiari, ai suoi amici e colleghi giornalisti del Manifesto.

Rivolgiamo un pressante appello ai rapitori perché la giornalista venga
rilasciata immediatamente e senza condizioni. Chiediamo al governo italiano
di attivarsi sin da subito per non lasciare intentata nessuna strada per la
sua liberazione. Dichiariamo di essere disponibili ad ogni azione che il
movimento per la pace riterrà opportuno intraprendere per contribuire alla
sua liberazione.

Giuliana è una giornalista che vuole conoscere, sapere, capire. E' in Iraq
a svolgere, con coraggio, il suo lavoro in nome della libertà di
informazione e per il nostro diritto di cittadini ad essere informati.
Abbiamo avuto modo di apprezzare da tempo l'impegno professionale e
politico di Giuliana, per i temi della pace.
In questo periodo Giuliana seguiva con noi l'iter, prima e quasi unica fra
i/le giornalisti/e, per far comprendere la gravità della possibile
approvazione della revisione delle Leggi Penali Militari. Come coopromotori
della campagna "Fermiamo la Censura Preventiva sulla Guerra" ci sentiamo
particolarmente grati al lavoro e all'impegno di Giuliana che speriamo di
poter riavere presto libera, a scrivere ancora di pace e di difesa dei
diritti.

Liberate una donna di pace, liberate l'informazione di pace, subito.

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)