Palestina

COMUNICATO DELL'ASSOCIAZIONE PER LA PACE SU NABLUS

5 gennaio 2004
ASSOCIAZIONE PER LA PACE

La situazione della città palestinese di Nablus (la più grande della Cisgiordania)
si fa sempre più drammatica. Da giorni infatti l?esercito israeliano ha
occupato la città, in particolare il centro storico, gettando nel terrore
e nella disperazione la popolazione civile. Omicidi, ?arresti? indiscriminati,
requisizione di case, distruzione di palazzi, incursioni sanguinose nei
campi profughi sono le azioni messe in atto dagli occupanti. Anche per i
volontari internazionali presenti in città, e fra questi coloro che operano
nel nostro presidio, le condizioni di permanenza diventano sempre più difficili.
Nella giornata di ieri una volontaria italiana è stata ferita dai calcinacci
prodotti da un colpo di avvertimento sparato da un soldato israeliano che
le impediva l?accesso ad una casa dove voleva con altri volontari assistere
gli abitanti.

Per la delegazione italiana presente in Palestina alle iniziative di GIPPP,
composta dall?Assopace e dalle Donne in Nero, è stato molto difficile poter
entrare in città, mentre sui volontari presenti grava la minaccia di espulsione.
Ma quello che più ci indigna è il silenzio della cosiddetta comunità internazionale
che assiste indifferente alle più gravi violazioni dei diritti umani. Che
dire degli atti di vero e proprio terrorismo in divisa come gli omicidi
?mirati?, o delle uccisioni di donne e bambini come ?effetti collaterali?,
e delle requisizioni di case, delle distruzioni di interi palazzi, o di
quelle azioni mafiose come le rappresaglie sui familiari dei kamikaze?
L?appello che lanciamo è di intensificare la presenza internazionale in
Palestina, di rafforzare i legami con le realtà pacifiste israeliane e palestinesi,
di demolire ?l?altro muro?, quello della disinformazione e dell?indifferenza,
di fermare l?onda di morte e di disperazione che si abbatte sulla popolazione
palestinese, per opera del governo Sharon, ma anche con la complicità di
chi finge di non vedere.

Articoli correlati

  • Le arance di Tel Aviv
    Palestina

    Le arance di Tel Aviv

    Quindici mesi di administrative detention: per Israele, Adly Yaish è un terrorista. Imprenditore, una vita nel volontariato, è oggi sindaco di Nablus. Con Hamas - nella sola città in cui gli ebrei hanno cittadinanza palestinese
    18 marzo 2010 - Francesca Borri
  • Palestina

    Il mondo non vede i Palestinesi

    Mentre in tutto il globo l'informazione è concentrata sul fronte Israele/Libano, la tragedia quotidiana dei palestinesi si consuma. Nel silenzio e nell'indifferenza.
    26 luglio 2006 - Patrizia Viglino
  • Palestina

    Incursioni a Maghazi e Nablus

    Mentre i bombardamenti israeliani sul Libano sono in pieno svolgimento, continuano le operazioni militari dell'IDF in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza.
    24 luglio 2006 - Patrizia Viglino
  • Palestina

    Gli occhi delle donne palestinesi

    Una riflessione sulle donne palestinesi scritta da una volontaria del
    Presidio di Nablus
    5 aprile 2005
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)