Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580

In rilievo

Motore di ricerca in
RSS logo

Rifiuto di servire

Omer Goldman è una bella ragazza israeliana che sogna di fare l'attrice. E si rifiuta di servire il suo paese per non essere complice dell'occupazione militare dei Territori Palestinesi.
26 gennaio 2009 - Dheera Suhan
Omer Goldman ha 19 anni, è ebrea, vive a Tel Aviv, è una bella
ragazza, e non è difficile pensare che realizzerà la sua aspirazione
di diventare attrice.

Ma da quando aveva otto anni, ha anche un altro sogno: lavorare con un
organizzazione come Amnesty International, nella speranza di poter
contribuire a creare un mondo migliore. Proprio ora, il suo modo di
farlo è accettando la prigione. Scegliendo di andare in prigione
piuttosto che servire l'esercito – un obbligo per tutti i giovani
israeliani.

Omer Goldman non era destinata alla prigione. Per la maggior parte
della sua vita aveva pensato che sarebbe entrata nell'esercito e
divenuta un'eroina per tutto il suo paese. Dopotutto, suo padre è l'ex
numero due del Mossad, ed è ancora considerato uno degli uomini più
importanti nell'ambiente dei servizi di sicurezza israeliani. Sua
sorella maggiore e la maggior parte dei suoi amici hanno compiuto il
servizio militare senza discussioni. Omer Goldman, inprigionata per aver rifiutato di serveire l'esercito  israeliano.
Ma la seconda guerra in Libano iniziò a far cambiare idea ad Omer.
Visitò Hebron, ed iniziò ad andare regolarmente nella West Bank a
vedere come vivevano i palestinesi e come venivano trattati.

Proteste
Partecipava a manifestazioni di protesta, ed era con un gruppo di
dimostranti in un villaggio della West Bank che stavano protestando
contro un checkpoint, costruito senza necessità in mezzo ad un
villaggio:

"Non avrebbe dovuto essere lì", dice, "l'avevano installato solamente
per perseguitare gli abitanti del villaggio.
" Quando improvvisamente i
soldati hanno iniziato a fare fuoco sul gruppo di dimostranti.

"Questo è l'esercito che crescendo pensavo avrebbe dovuto proteggermi
ed aiutarmi
", dice, e lo shock dell'accaduto è ancora evidente nella
sua voce. Fu colpita alla mano da una pallottola di gomma, e da
quell'istante seppe che non avrebbe mai indossato un uniforme di un
esercito che commetteva tali azioni.

Un'esperienza significativa
Nel giorno in cui era previsto che si arruolasse, si rivoltò con un
centinaio di sostenitori e rifiutò pubblicamente di entrare
nell'esercito. Fu immediatamente portata in cella e poi di fronte ad
una corte militare dove il giudice – un ufficiale di alto rango –
tentò di convincerla che poteva diventare un soldato e cambiare le
cose da dentro.

"Potresti dare caramelle ai bambini palestinesi ai checkpoints", le
disse, apparentemente senza ironia. La sua risposta – "dare le
caramelle non cambia il fatto che sarei lì illegalmente
" – lo esasperò
così tanto che gli fu immediatamente data una sentenza più dura di
altri obiettori di coscienza che erano comparsi in giudizio quel
giorno.

Omer ha trascorso due periodi in carcere, nonostante la paura della
prigione e il suo riconoscere che essere rinchiusa in una cella di
media grandezza assieme a quaranta altre donne è stato orribile,
afferma che, guardando indietro, quell'esperienza fu tra le più
significative della sua vita.

Emarginata dagli amici
Omer è ora esente dalla leva per motivi di salute, ma continua a
partecipare alle dimostrazioni, a denunciare tutto ciò che giudica
ingiustizie commesse dai suoi concittadini e dal suo governo verso una
popolazione civile innocente. La sua posizione le è costata
moltissimo. Gli amici l'hanno emarginata, degli sconosciuti l'hanno
aggredita e suo padre si rifiuta di avere più alcun contatto con lei.

Ma perché continuare? Perché mantenere questa posizione? La sua
risposta è decisa: "perché quando terminerà questa Occupazione – tra
venti o trenta anni, anche se spero che avvenga prima – potrò dire di
aver fatto qualcosa, che non sono semplicemente rimasta a guardare
questa ingiustizia... essere stata in prigione non avrà aiutato
nessuno dei palestinesi che conosco, ma almeno mi sono battuta per
quello che credo sia giusto – sostenere che la violenza non può essere
la risposta
".

 

Note:

Titolo originale: "Refusing to serve"

Traduzione di Maddalena Parolin per www.peacelink.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)