Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Il Palio di Acate, i colori e i sapori della politica, l'onorevole Incardona

    Il presidente della Commissione Regionale Antimafia della Sicilia promuove il palio di Acate
    22 novembre 2005 - Forum Associazionismo Ipparino

    Le ultime dichiarazioni del Presidente della Commissione Regionale Antimafia, l'On. Incardona, in merito alla sponsorizzazione ed al finanziamento del Palio di Acate da parte dell'Assessorato Regionale al Turismo, mortificano l'attività che il nostro Forum ha svolto in questi ultimi anni contro il maltrattamento degli animali durante le corse di cavalli organizzate dal Comune di Acate e dal Comune di Vittoria.
    Per non parlare della lotta intrapresa con mille difficoltà nel denunciare le collusioni fra "cavaddari" e ambienti legati all'organizzazione di corse clandestine nella nostra provincia.
    Anche i Palii cosiddetti "tradizionali" non sono chiaramente immuni dal rischio mafioso e malavitoso. La piaga della "scommessa" d'altronde è circostanza nota ai cittadini acatesi; non si può far finta di niente!
    Non si spiegherebbe infatti la mancanza di un serio, specifico (su alcune sostanze in particolare) e trasparente monitoraggio antidoping sui cavalli iscritti alle corse.
    A noi sembra invece che le dichiarazioni dell'On. Incardona siano funzionali al raggiungimento di propri obiettivi elettorali. La competizione politica per le regionali è ormai alle porte e pertanto serve garantire al proprio "bacino" di elettori massima attenzione e il palese sostegno istituzionale.
    Anche di questo siamo stupiti. La classe politica di Vittoria, ignora le nostre istanze del FAIP improntate al rispetto dell'ambiente, alla tutela dei soggetti più deboli, alla libera informazione, alla costruzione di una società libera dalla violenza, mentre al contrario sostiene e finanza attività pseudo-tradizionali che esasperano la competizione agonistica, che diffondono disvalori come il maltrattamento degli animali, che trasmettono ai giovanissimi modelli sociali privi di equilibrio e di contenuto etico.
    Cosa c'è di educativo, di sano, di festivo, di sacro, di onorevole in uno "spettacolo" che sfrutta i cavalli, animali intelligenti e sensibilissimi, che li espone al rischio frequentissimo di cadute tragiche e mortali, che pone un "essere vivente" sullo stesso piano di una moto da corsa o di un auto lanciata verso un improbabile traguardo?
    Ma poi l'On. Incardona, in qualità di Presidente della Commissione Siciliana Antimafia, ha preso in esame il rischio di infiltrazione criminale a cui va incontro il Palio di Acate? Ne hanno discusso in Commissione Regionale Antimafia? E cosa pensa di quei Prefetti (Palermo, Siracusa, Trapani, Agrigento e Caltanissetta) che sono intervenuti bloccando numerosi Palii comunali al fine di prevenire "l'inquinamento mafioso" nel loro territorio? Hanno per caso esagerato? Da noi la mafia forse non esiste?
    Invitiamo altresì l'On. Incardona ad esimersi dal fare commenti sull'operato delle associazioni ambientaliste del FAIP insinuando opportunisticamente assurdi legami politici alla nostra lotta.
    Ci riferiamo alle accuse rivolte ad un nostro socio del FAIP, nonché co-fondatore del Forum, Biagio Battaglia esponente della Lav, che lo additano per essere "schierato politicamente" e quindi di non esser neutro nelle sue attività di rappresentante della Lav. Ci viene spontaneo da sorridere…
    In questi anni ne abbiamo sentite di tutti i colori!
    Durante il Palio di Vittoria, il centrosinistra da Aiello a Fiorellini e Nicosia ci accusava (compreso Battaglia della LAV) di essere al soldo di Alleanza Nazionale e di Forza Italia. Durante il periodo del Palio di Acate un paio di ex amministratori di sinistra addirittura ci accusò di aver lavorato con Canale 5 e Italia 1 (Striscia la Notizia e Studio Aperto) per infangare il nostro territorio e i nostri concittadini iblei. Un paio di mesi fa l'Italia dei Valori e Luigi Marchi ci ha definito (Battaglia compreso) "Killer al soldo dei Mandanti", e per mandanti si intendevano alcuni politici del centrodestra provinciale e modicano.
    Ora anche l'On. Incardona, ripropone la stessa modalità nell' "etichettare politicamente" i rappresentanti dell'Associazionismo? Anche lui sventola l'accusa di complottismo. A tal proposito ricordiamo che fu proprio Ciccio Aiello ad accusarci nel 2002 di essere d'accordo con la destra per la lotta che allora abbiamo fatto contro il "Palio di Vittoria", così come ora Incardona ci accusa legami con la sinistra per la lotta contro il "Palio di Acate" ma noi Ambientalisti, lo ribadiamo per l'ennesima volta, siamo ideologicamente trasversali!
    Ma è possibile che a Vittoria il dibattito politico fra amministratori - istituzioni - associazioni deve essere continuamente adombrato da queste dichiarazioni prive di fondamento ed offensive della dignità personale oltre che del ruolo sociale che noi del FAIP ricopriamo?
    Non vorremmo che il virus del complottismo, di aielliana memoria, abbia contaminato anche gli esponenti del centrodestra ipparino… sarebbe la rovina!
    Vittoria non merita di passare da un "regime" ad un altro.
    Le funzioni pubbliche che ognuno di noi esercita ed opera possono essere criticate, avversate, contrastate e sottoposte al giudizio dei cittadini, ma non bisogna scadere nell'impropria delegittimazione.
    L'On. Incardona pertanto dovrebbe iniziare ad abituarsi a rispondere agli argomenti posti in evidenza senza più ricorrere a scorciatoie, stratagemmi, mistificazioni e liste di proscrizione. Non svii il confronto, accetti il dibattito franco.
    Le Associazioni del FAIP sono autonome politicamente, non hanno coloritura partitica, non vivono, al contrario di altri, della polemica strumentale.

    19 novembre 2005

    Forum Associazionismo Ipparino (WWF: Cirino Strano, Salvatore Migliore, Giovanni Bellassai, Barbara Vianello, Giovanni, Stracquadanio. Italia Nostra: Laura Cannizzaro. Associazione Pino d'Aleppo: Nuccia Fontana. Fondo Siciliano per la Natura: Giovanni Linguanti. Lega Anti Vivisezione: Biagio Battaglia. Associazione Nazionale per la Difesa del Cane: Liliana Bonavita.

    Per informazioni: tel. 333 9891980 - 349 6987474 - 368 3228772 - 339 1577159

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)