Sociale

RSS logo

Mailing-list Volontariato

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Volontariato

...

Articoli correlati

  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Contro mafie e potentati non si costituiscono altri poteri ma ribellioni colorate e senz’indugio

    Contro mafie e potentati non si costituiscono altri poteri ma ribellioni colorate e senz’indugio

    Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi (Vittorio Vik Utopia Arrigoni)
    17 maggio 2016 - Alessio Di Florio
  • Le querele possono mettere a rischio le voci scomode

    Le querele possono mettere a rischio le voci scomode

    Antonio Mazzeo, Carlo Ruta, Pino Maniaci, sono solo alcuni dei tantissimi giornalisti liberi che si sono scontrati negli anni con i poteri porti. Tra le armi che questi poteri usano per tentare(senza riuscirci!!) di "metterli a tacere" la querela è tra le privilegiate
    13 ottobre 2012 - Alessio Di Florio
  • Cassazione: sul web non esiste stampa clandestina

    Cassazione: sul web non esiste stampa clandestina

    Il testo della sentenza che cambia la storia della comunicazione in Italia
    15 settembre 2012

Caso Spampinato. La lunga rimozione, il difficile recupero della memoria, la giustizia possibile

13 maggio 2007 - Carlo Ruta
Fonte: Casablanca, mensile diretto da Riccardo Orioles
http://www.lesiciliane.net

Il premio Saint Vincent di giornalismo conferito alla memoria a Giovanni Spampinato è indubbiamente un riscontro positivo al dibattito che da qualche anno va svolgendosi sulla vicenda. Si tratta di un passo significativo, ma è necessario che ne vengano altri, sul piano sostanziale, trattandosi di un caso che per tanti aspetti si presenta irrisolto.

Il giornalista, figlio di un comandante partigiano, venne ucciso a Ragusa nella notte del 27 ottobre 1972 da Roberto Campria, reo confesso, figlio dell’allora presidente del tribunale cittadino. Da mesi andava investigando sull’uccisione del costruttore ragusano Angelo Tumino, legato alla destra neofascista, avvenuta nel precedente 25 febbraio. E nel corso di tale lavoro era finito sulle tracce del Campria, assiduo frequentatore del Tumino. Il figlio del magistrato, costituitosi subito dopo l’assassinio del giornalista, dichiarò che aveva compiuto il gesto in un impeto d’ira, sentitosi ingiustamente accusato da Spampinato in diversi articoli apparsi sul giornale palermitano “L’Ora”. Ma sin dai primi passi dell’istruttoria Tumino, si era espresso in modo reticente e contraddittorio, mentre emergevano significative disattenzioni da parte degli inquirenti: motivo per cui veniva reclamato da più parti il trasferimento dell’istruttoria per legittima suspicione.

I magistrati avrebbero potuto imboccare sul caso Tumino la strada più logica se avessero incalzato il Campria, che, diversamente da quanto dichiarato, risultava essere stato in compagnia del costruttore nei momenti appena precedenti il delitto. E potevano contare al riguardo sulle coerenti dichiarazioni di una supertestimone, la bergamasca Elisa Ilea, vicina di casa dell’ucciso. Ma il dovuto non venne fatto, e, dopo la morte di Spampinato, tale atteggiamento, resocontato dalla stampa italiana più conseguente, produsse nel paese un moto d’indignazione. Accuse grevi alla giustizia ragusana vennero mosse da Achille Occhetto e Miriam Mafai, dai giornalisti Etrio Fidora, Mario Genco, Vittorio Nisticò, e numerosi altri, ma, con una mite condanna per il Campria e l’inevitabile archiviazione del caso Tumino, calò su tutta la vicenda un silenzio fitto, che ha retto per oltre trent’anni.

La situazione rimane complessa, perché la guardia degli ambienti cittadini che hanno fatto da sfondo ai due delitti viene mantenuta alta. Manca quindi una tesi argomentabile sui moventi. Le carte dell’istruttoria Tumino, uscite qualche anno fa dal Palazzo di Giustizia di Ragusa, offrono nondimeno una documentazione a tutto campo delle anomalie investigative verificatesi, tali da legittimare di per sé una riconsiderazione del caso in sede giudiziaria. E Campria, seppure con un ritardo di decenni, potrebbe essere chiamato a spiegare un po’ di cose. Non è facile beninteso che questo avvenga, perché esistono impedimenti a tutti i livelli. Ma un tale atto, consono a uno Stato decente, merita di essere reclamato fino in fondo, ed è importante che si muovano in tale direzione sedi riconosciute del paese civile.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)