Lettera aperta al Presidente della Repubblica

Sfida: amorale far quadrare il bilancio dello Stato togliendo ai studenti disabili gli insegnanti di sostegno

3 settembre 2007

Presidente

Ormai è di dominio pubblico che il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha imposto al Ministero della Pubblica Istruzione la clausola di salvaguardia avendo questi superato il budget massimo di 626 milioni di euro. La risoluzione del problema è stata facile: risparmiare la spesa pubblica riducendo gli insegnanti di sostegno alla popolazione studentesca con disabilità .

Al Ministero asseriscono che il numero delle richieste di insegnanti di sostegno è superiore al bisogno reale. Forse non sanno che chi fa la richiesta è la scuola “reale”,costituita da un’equipe di professionisti (medici, psicologi, insegnati, assistenti sociali), dipendenti pubblici, che a loro volta rappresentano le Istituzioni.

La riduzione del numero degli insegnanti di sostegno ai disabili, per motivi economici, da parte del Ministero della Pubblica Istruzione, RIVOLUZIONA IN MODO NEGATIVO la cultura della solidarietà dello Stato italiano.

Se oggi si decide di risparmiare sugli insegnanti di sostegno per far quadrare i conti dello Stato, domani si deciderà di risparmiare sulle cure sanitarie e poi…, per “non farli soffrire”, si deciderà

di ….

E’ questo il valore della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, approvata lo scorso dicembre dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, firmata il 30 marzo 2007 anche dall’Italia, se i firmatari stessi di quella Convenzione hanno costretto il 10 agosto 2007, centinaia di genitori di studenti disabili a scendere in piazza a Messina, il 27 agosto a Salerno e in molte altre province d’Italia, per far valere il diritto allo studio dei propri figli?

Le famiglie dei disabili lottano quotidianamente contro la disabilità. Adesso devono lottare anche contro le Istituzioni. E’ etico tutto questo?

Ciò accade, purtroppo sotto la quasi totale indifferenza degli italiani che non vivono direttamente la disabilità. Su tale argomento non c’è dibattito politico. Perché?

In questo momento di crisi economica, i politici italiani hanno concordato che è giusto risparmiare sui disabili!

Nel 400 a .c. il greco LISIA ha scritto l’orazione <> per difendere i diritti di un disabile.

Nel terzo millennio, in Italia, chi difenderà i diritti dei disabili negati dalle Istituzioni?

SFIDA ci prova, ma la lotta è impari.

Il Segretario Nazionale Ing. Andrea RICCIARDI

Articoli correlati

  • Il maestro Giampiero Monaca: "Così non posso andare avanti"
    Consumo Critico
    L'esperienza Bimbisvegli

    Il maestro Giampiero Monaca: "Così non posso andare avanti"

    L'esperienza di scuola pubblica democratica all'aperto non può andare avanti, e il maestro si autosospende. "Quando la legge diventa ingiusta, disobbedire è un dovere". Qui la sua lettera.
    15 settembre 2021 - Linda Maggiori
  • Pace e Illuminismo
    Pace
    Uno spaccato illuminista sulla pace

    Pace e Illuminismo

    La nostra matrice laica, basata sulla valorizzazione dell’ideale assoluto della pace, sulla critica delle religioni e del potere clericale e del Vaticano è alla base della nostra origine e radice illuminista
    12 settembre 2021 - Laura Tussi
  • Alife, distrutto il Giardino della Pace
    Sociale
    Giardino della Pace di Alife: distrutte targhe e rubati faretti solari

    Alife, distrutto il Giardino della Pace

    "Queste persone dovrebbero solo vergognarsi" afferma il sindaco Maria Luisa Di Tommaso. Ferme condanne di padre Alex Zanotelli, di Libera contro le mafie, della rete Pangea e del Professor Sergio Vellante e del vescovo emerito di Caserta Raffaele Nogaro
    4 settembre 2021 - Laura Tussi
  • I percorsi delle storie di vita
    Laboratorio di scrittura
    Lo sguardo dell’autobiografia

    I percorsi delle storie di vita

    L’autoriflessione biografica è una modalità di apprendimento che permette di riscoprire se stessi tramite l’analisi di aspetti dell’esperienza troppo spesso relegati all’oblio
    1 settembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)