Una realtà viva e dinamica di impegno sociale e civile

Il Paese delle donne: rivista

Il Paese delle donne contiene e continua esperienze che vanno scoperte e poste in risalto come l’attivismo sui grandi temi della memoria, dalla legalità ai percorsi esistenziali e resistenziali, dalla pace ai diritti umani, da quando si sono emancipate a partire dagli anni caldi della contestazione.
27 giugno 2020
Laura Tussi

Il Paese delle donne

Il Paese delle donne è il luogo online dove il femminile trova incontro, accoglienza, interscambio e dove la donna si emancipa nelle proprie lotte e rivendicazioni, sviluppando e elaborando i grandi temi civili, dall’aborto al divorzio, e dove le più piccole realtà attiviste gestite da donne trovano spazio insieme ai pensieri originali scoperti e riscoperti nei libri scritti da donne.

Il Paese delle donne contiene e continua esperienze che vanno scoperte, messe in luce e poste in risalto come l’attivismo sui grandi temi della memoria, in tutte le sue declinazioni, dalla legalità ai percorsi esistenziali e resistenziali, dalla pace ai diritti umani, e tutto l’ampio spettro di argomenti e idee che le donne non smettono e non hanno mai smesso di seguire e coltivare da quando si sono emancipate a partire dagli anni caldi della contestazione.

L’associazione Il Paese delle donne e il giornale che nella sua versione online si chiama womenews.net sono nate da una redazione autogestita, diretta da Maria Pivetta, nel quotidiano “Paese Sera.” Alla chiusura del quotidiano, la redazione autogestita diede vita, nel 1987, a “Il Foglio de Il Paese delle donne”, cartaceo, a cadenza settimanale, poi a periodicità variabile, fino al 1997 quando nacque il “paesedelledonne-online” tra i primi prodotti telematici d’informazione di donne in Italia, oggi womenews.net.

L’associazione e il giornale da questa editato promuovono le politiche autonome delle donne, facendo proprie la Piattaforma di Pechino e le campagne mondiali per la difesa dei diritti umani e dell’ambiente. E’ attenta a tutti gli argomenti e alle tematiche che si esplicano nel mondo delle politiche autonome delle donne, collaborando con scuole e università impegnate su temi di vitale importanza per il vivere civile e per i diritti acquisiti nella nostra società che ancora troppo spesso risulta dominata da una politica maschile e intrisa da un pensiero unico, spesso patriarcale e maschilista.

L’associazione è socia fondatrice di “Affi - Associazione Federativa Femminista Internazionale” e di “ARCHIVIA -archivi, biblioteche e centri di documentazione delle donne”, ha sede presso la Casa internazionale delle donne di Roma, di cui ha sostenuto e condiviso l’iter costruttivo, e promuove, dal 2000, un Premio di scrittura femminile, diviso in cinque sezioni. 

 



Articoli correlati

  • Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»
    Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • Messico: dilagano i casi di femminicidio
    Latina
    In tutto il paese le donne hanno marciato per chiedere la fine dell’impunità

    Messico: dilagano i casi di femminicidio

    Attualmente sono oltre 24.600 le denunce relative alla sparizione di donne, gran parte delle quali tra i 12 e i 19 anni
    9 maggio 2022 - David Lifodi
  • Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia
    Sociale
    La cerimonia si è svolta presso l'auditorium "De Franchis" nella sede di Alife - Caserta

    Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia

    I figli di Stefania Formicola, vittima di femminicidio, ricevono il "Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia". Agnese Ginocchio, ha presentato un proprio brano dal titolo "E' tempo di pensare...", dedicato alla prima “Giornata Internazionale delle coscienze” indetta dall’ONU
    17 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Le donne contro la guerra
    Pace
    Nel secondo dopoguerra, si rafforza un impegno contro la guerra sempre più rilevante e capillare

    Le donne contro la guerra

    Il fascismo aveva educato le donne a fare i figli per la guerra, invece le donne i figli devono farli per la pace e per un mondo migliore
    4 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)