Una realtà viva e dinamica di impegno sociale e civile

Il Paese delle donne: rivista

Il Paese delle donne contiene e continua esperienze che vanno scoperte e poste in risalto come l’attivismo sui grandi temi della memoria, dalla legalità ai percorsi esistenziali e resistenziali, dalla pace ai diritti umani, da quando si sono emancipate a partire dagli anni caldi della contestazione.
27 giugno 2020
Laura Tussi

Il Paese delle donne

Il Paese delle donne è il luogo online dove il femminile trova incontro, accoglienza, interscambio e dove la donna si emancipa nelle proprie lotte e rivendicazioni, sviluppando e elaborando i grandi temi civili, dall’aborto al divorzio, e dove le più piccole realtà attiviste gestite da donne trovano spazio insieme ai pensieri originali scoperti e riscoperti nei libri scritti da donne.

Il Paese delle donne contiene e continua esperienze che vanno scoperte, messe in luce e poste in risalto come l’attivismo sui grandi temi della memoria, in tutte le sue declinazioni, dalla legalità ai percorsi esistenziali e resistenziali, dalla pace ai diritti umani, e tutto l’ampio spettro di argomenti e idee che le donne non smettono e non hanno mai smesso di seguire e coltivare da quando si sono emancipate a partire dagli anni caldi della contestazione.

L’associazione Il Paese delle donne e il giornale che nella sua versione online si chiama womenews.net sono nate da una redazione autogestita, diretta da Maria Pivetta, nel quotidiano “Paese Sera.” Alla chiusura del quotidiano, la redazione autogestita diede vita, nel 1987, a “Il Foglio de Il Paese delle donne”, cartaceo, a cadenza settimanale, poi a periodicità variabile, fino al 1997 quando nacque il “paesedelledonne-online” tra i primi prodotti telematici d’informazione di donne in Italia, oggi womenews.net.

L’associazione e il giornale da questa editato promuovono le politiche autonome delle donne, facendo proprie la Piattaforma di Pechino e le campagne mondiali per la difesa dei diritti umani e dell’ambiente. E’ attenta a tutti gli argomenti e alle tematiche che si esplicano nel mondo delle politiche autonome delle donne, collaborando con scuole e università impegnate su temi di vitale importanza per il vivere civile e per i diritti acquisiti nella nostra società che ancora troppo spesso risulta dominata da una politica maschile e intrisa da un pensiero unico, spesso patriarcale e maschilista.

L’associazione è socia fondatrice di “Affi - Associazione Federativa Femminista Internazionale” e di “ARCHIVIA -archivi, biblioteche e centri di documentazione delle donne”, ha sede presso la Casa internazionale delle donne di Roma, di cui ha sostenuto e condiviso l’iter costruttivo, e promuove, dal 2000, un Premio di scrittura femminile, diviso in cinque sezioni. 

 



Articoli correlati

  • Pace, Donne, Disarmo
    Pace
    Il motore della finanza globale risiede nell’export di armi

    Pace, Donne, Disarmo

    Nella giornata internazionale delle donne per il disarmo, ricordiamo l’impegno di molteplici attiviste sui grandi temi del disarmo nucleare, dalla marcia mondiale della pace e della nonviolenza al Petrov Day
    25 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Agenda Onu 2030: pensare la pace
    Pace
    La terrestrità unisce donne e uomini e ogni essere vivente in spazi e tempi di fraternità e sororità

    Agenda Onu 2030: pensare la pace

    In questi giorni, è stato l’anniversario della morte del colonnello sovietico Petrov che è riuscito a salvare l’umanità dalla terza guerra mondiale e nucleare, il giorno 26 settembre del 1983, in piena guerra fredda
    24 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Giornata Internazionale delle donne per il Disarmo
    Pace
    Ricorre il 24 maggio la Giornata internazionale delle donne per il disarmo

    Giornata Internazionale delle donne per il Disarmo

    Solo la lotta del movimento di liberazione delle donne (alla cui scuola ed alla cui sequela tutti gli esseri umani possono e debbono porsi) libera l'umanita' dalla violenza
    23 maggio 2020 - Peppe Sini
  • Pandemia e violenza contro le donne
    Latina
    Honduras

    Pandemia e violenza contro le donne

    Per donne, bambini e bambine lo “state a casa” implica una maggiore vulnerabilità
    8 aprile 2020 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)