La persecuzione contro Ultimo

Il Mistero dei Misteri

Il Gruppo Capitano Ultimo si schiera con il Capitano, vittima di una incredibile situazione giudiziaria
16 novembre 2004

Poche settimane fa abbiamo dato la notizia che il Capitano Ultimo e il generale Mori sono sotto inchiesta per favoreggiamento della mafia. I due ufficiali sono accusati di aver ritardato il blitz nel covo di Totò Riina per permettere alla sua famiglia di occultare documenti importanti. Il gruppo Capitano Ultimo, composto da persone che si riconoscono negli ideali del Capitano, ha subito espresso solidarietà a Ultimo. Ma non si è fermato qui. Ha cercato di capire come si è arrivati a questa situazione incredibile. Sul sito ufficiale del gruppo, all'indirizzo http://www.capitanoultimo.it/d/misterioscuri.htm , si tenta una ricostruzione puntuale della vicenda. Ricostruzione che avviene pubblicando verbali processuali riconducibili alla vicenda. Scopriamo così che sono due le fonti dalle quali può essere partita l'inchiesta contro il Capitano. La prima riconduce direttamente a lui, al boss dei boss corleonesi, Totò Riina. Il 25 marzo 2003, nel processo a suo carico, Riina si dichiara innocente e, in una lunga dichiarazione spontanea, accusa coloro che lo arrestarono di essersi messi d'accordo con la cupola mafiosa. Ma Riina non è solo. Perché era stato preceduto nell'accusare Ultimo e la sua squadra. Dieci anni prima il giornalista Attilio Bolzoni, in un suo libro, accennava al fatto.
Il giornalista fu querelato da Ultimo per diffamazione, ma fu prosciolto perché il fatto non costuituisce reato. E proprio da quel processo provengono i verbali delle dichiarazioni di Bolzoni e l'interrogatorio pubblicati nel sito del Gruppo.

Note: "alla raffinatezza dell' intrigo corleonese dobbiamo rispondere con
la purezza, con l' onestà e con la semplicità. "

Le dichiarazioni di Ultimo alla notizia del procedimento penale a suo carico

Articoli correlati

  • Perché ricordare Aldo Moro
    Caso Moro
    Il 9 maggio del 1978 fu eliminato uno statista inviso agli Stati Uniti e che aveva parlato troppo

    Perché ricordare Aldo Moro

    PeaceLink ha dedicato uno spazio ad Aldo Moro. Esplorate questo spazio di informazione e scoprirete che ciò che vi hanno detto per tanti anni non è tutta la verità e in certi casi non è la verità.
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Peppino vive!
    Editoriale
    In memoria di un giovane coraggioso che lottò contro la mafia

    Peppino vive!

    Il 9 maggio 1978 fu assassinato Peppino Impastato e nello stesso giorno venne ritrovato il corpo senza vita di Aldo Moro
    8 maggio 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
  • Non abbandoniamo l'Italia
    Sociale
    La solidarietà nella pandemia da coronavirus

    Non abbandoniamo l'Italia

    In Italia le persone muoiono come mosche e la Germania tentenna fino al punto che provare imbarazzo per qualcun altro non è più un’espressione figurata
    13 aprile 2020 - Petra Reski
  • Schede
    Video

    Peppino Impastato (1948-1978)

    Attivista comunista, noto per le sue denunce contro le attività di Cosa Nostra, a seguito delle quali fu assassinato il 9 maggio 1978
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)