Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Cara Pina ...

    Cara Pina ...

    Un ricordo di Pina Maisano, la vedova dell’imprenditore Libero Grassi assassinato dalla mafia nel 1991 per essersi ribellato al racket, scomparsa il 7 giugno scorso
    18 giugno 2016 - Arianna Tascone
  • Pippo e Peppino sono vivi, i morti sono altri
    Un 5 gennaio nasceva Peppino Impastato, un 5 gennaio la mafia assassinava Pippo Fava

    Pippo e Peppino sono vivi, i morti sono altri

    La “commemor-azione”, il ricordare proseguendo sul cammino su cui ci hanno preceduto, è l’unica rispettosa e degna. Oggi come tutto l’anno Peppino e Pippo non devono essere santi per laici altari ma “fuoco che deve arderci dentro”.
    5 gennaio 2016 - Alessio Di Florio
  • Cento passi

    10 maggio 2014 - Lidia Giannotti
La persecuzione contro Ultimo

Il Mistero dei Misteri

Il Gruppo Capitano Ultimo si schiera con il Capitano, vittima di una incredibile situazione giudiziaria
16 novembre 2004 - Alessio Di Florio

Poche settimane fa abbiamo dato la notizia che il Capitano Ultimo e il generale Mori sono sotto inchiesta per favoreggiamento della mafia. I due ufficiali sono accusati di aver ritardato il blitz nel covo di Totò Riina per permettere alla sua famiglia di occultare documenti importanti. Il gruppo Capitano Ultimo, composto da persone che si riconoscono negli ideali del Capitano, ha subito espresso solidarietà a Ultimo. Ma non si è fermato qui. Ha cercato di capire come si è arrivati a questa situazione incredibile. Sul sito ufficiale del gruppo, all'indirizzo http://www.capitanoultimo.it/d/misterioscuri.htm , si tenta una ricostruzione puntuale della vicenda. Ricostruzione che avviene pubblicando verbali processuali riconducibili alla vicenda. Scopriamo così che sono due le fonti dalle quali può essere partita l'inchiesta contro il Capitano. La prima riconduce direttamente a lui, al boss dei boss corleonesi, Totò Riina. Il 25 marzo 2003, nel processo a suo carico, Riina si dichiara innocente e, in una lunga dichiarazione spontanea, accusa coloro che lo arrestarono di essersi messi d'accordo con la cupola mafiosa. Ma Riina non è solo. Perché era stato preceduto nell'accusare Ultimo e la sua squadra. Dieci anni prima il giornalista Attilio Bolzoni, in un suo libro, accennava al fatto.
Il giornalista fu querelato da Ultimo per diffamazione, ma fu prosciolto perché il fatto non costuituisce reato. E proprio da quel processo provengono i verbali delle dichiarazioni di Bolzoni e l'interrogatorio pubblicati nel sito del Gruppo.

Note:

"alla raffinatezza dell' intrigo corleonese dobbiamo rispondere con
la purezza, con l' onestà e con la semplicità. "

Le dichiarazioni di Ultimo alla notizia del procedimento penale a suo carico

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)